Filtra per

Regione Locarnese Grigioni Luganese Bellinzonese
Categoria Cinema Musica Teatro Altro Arte Sport
Happy Winter Squarci di nuovo cinema italiano Circolo del Cinema Locarno
GranRex, Locarno
Ore 20.30

HAPPY WINTER (Buon inverno) | Italia 2017
regia: Giovanni Totaro; sceneggiatura: Giovanni Totaro; fotografia: Paolo Ferrari, Nunzio
Gringeri; montaggio: Andrea Maguolo; musica: Giordano Corapi.
Produzione: Undyca/Inthelfilm/Rai Cinema.
v.o, st. francese, colore, 91’
Un documentario sulle famiglie che fingono di andare in vacanza ostentando un benessere perduto. Estate 2016, alla spiaggia di Mondello, vicino a Palermo. Un padre di famiglia sbarca il lunario percorrendo in lungo e in largo il litorale con i frigo portabili pieni di bibite. Famiglie con figli, coppie, ragazzi condividono gli stessi spazi affollati come in una commedia balneare in bianco e nero degli anni Sessanta, con (quasi tutte) le stesse canzoni ma con molta meno fiducia nel benessere del Paese […] Tra i bagnanti c’è anche un potenziale candidato a sindaco di Palermo, che fa campagna elettorale anche in costume. Allo spettatore non è fornita nessuna informazione extrafilmica. Il regista Giovanni Totaro (classe 1988) introduce gli interpreti del suo documentario di finzione riproponendone le conversazioni: tra i temi, la difficoltà di trovare lavoro, il sogno di andare a vivere meglio all’estero capitalizzando risparmi e pensione, una diffusa, confortevole, patetica nostalgia per l’era pre-euro, rispecchiata anche dai gusti musicali - da Caterina Caselli alla sigla di Jeeg Robot - , la distanza quando non il disinteresse per la politica…
(Raffaella Giancristofaro, in www.mymovies.it)

LuogoGranRex
Indirizzo / ViaVia Bossi 2, Locarno
Info0792302593
Prezzo12 CHF
Sito webVai al sito
Concerto Rosi all'organo di San Martino, Soazza -
Chiesa di San Martino, Soazza
20.30

Come è ormai consuetudine da qualche anno, la ROSI (Rassegna Organistica della Svizzera Italiana) diretta
da Stefano Molardi, organista e docente al Conservatorio della Svizzera italiana di Lugano, propone un tour
sui più prestigiosi organi della Svizzera italiana.
Tra gli strumenti scelti vi è anche il prestigioso organo della chiesa di San Martino a Soazza. Si esibirà l’organista Lukas Frank (Germania).

LuogoChiesa di San Martino
Indirizzo / ViaStradón 1, Soazza
EtàPer tutti
Sito webVai al sito
Compagnia DUE "OH!"
Teatro Dimitri, Verscio
20.30

La clowneria pura, il nonsense, l’assurdo, l’improbabile, il mondo della fantasia che esplode…

La Compagnia DUE è formata da due sorprendenti giullari moderni: dal 1998 Andreas Manz e Bernard Stöckli sono al servizio dell’umorismo e della comicità, per tutti. I DUE, con grande sensibilità ed esperienza, senza troppe parole ma con toccante poesia, sanno mettere sottosopra il mondo! Tra clownerie, mimo, slapstick, improvvisazioni, il clown bianco e il rosso, l’Augusto e Monsieur Loyal, si scambiano i ruoli con disinvoltura e complicità.

Dai 4 anni, per famiglie | 70  min. | Senza parole

LuogoTeatro Dimitri
Indirizzo / ViaCaraa du Teatro Dimitri , Verscio
Prezzo28 CHF
Etàdai 4 anni
Sito webVai al sito
Facebook Vai al link di facebook
Youtube Vai al link di YouTube
PrevenditaAcquista biglietti su Ticketino
Pace e libertà, tutto ciò è possibile
Centro Olistico Crisalide, Lamone
20.00

Conferenza con il Maestro Gen Kelsang Gyalchog in tedesco con traduzione in italiano. Momento di condivisione della filosofia buddista.

LuogoCentro Olistico Crisalide
Indirizzo / ViaVia Industria 12, Lamone
Prezzo10 CHF
EtàPer adulti
Sito webVai al sito
Facebook Vai al link di facebook
François Vé
Villa Saroli, Lugano
20.00

François Vé è un cantautore romando che attraversa la Svizzera per presentare Helvetica 14 nuove canzoni in tutti gli idiomi svizzeri: francese, schwyzerdütsch, italiano, dialett, rumantsch e… inglese. Si sposta con la sua bici cargo (205 chilogrammi, lui compreso) che contiene chitarre, charleston, tastiera, batteria, multimedia, schermo e addirittura un pannello solare per l'amplificazione. Lui fa tutto - installa, suona, canta, incanta, clicca, pinza, smonta - da solo e in totale autonomia energetica. Non perdetevi questo nuovo E.T elvetico e poetico 100% senza CO2!

Dopo il concerto, apéro offerto da Aux Arts etc. TI per l'inizio della seconda stagione! 

LuogoVilla Saroli
Indirizzo / ViaLugano
Prezzo15 CHF
EtàPer tutti
Sito webVai al sito
Facebook Vai al link di facebook
Youtube Vai al link di YouTube
Controllo gratuito, glicemia, colesterolo e pressione arteriosa
Farmacia Bivio, Curio
Ore 9

L'associazione Diabeteticino organizza due giorni di screening gratuito per il controlla della glicemia, colesterolo e pressione arteriosa.

LuogoFarmacia Bivio
Indirizzo / ViaCurio, Curio
PeriodoDal 19.09.2019 al 20.09.2019
GiorniGi Ve
Sito webVai al sito
World Press Photo Exhibition 2019
SpazioReale, Monte Carasso
20.00

WORLD PRESS PHOTO Exhibition 2019
14 settembre – 6 ottobre
SpazioReale, Monte Carasso

Inaugurazione: sabato 14 settembre, ore 11:00

La prestigiosa mostra itinerante World Press Photo
approda nuovamente a SpazioReale per l’unica tappa
nella Svizzera Italiana.

L’esposizione, accolta in 100 città di 45 diversi paesi
nel corso del 2019, presenta le fotografie finaliste
di uno dei più rilevanti contest di fotogiornalismo
al mondo, che sin dal 1955 premia l’opera dei fotografi
che meglio abbiano saputo catturare un momento
di grande importanza giornalistica.

Fra i 140 scatti in esposizione a SpazioReale spicca
Crying Girl on the Border di John Moore, vincitrice
del premio World Press Photo 2019. La fotografia
racchiude in sé tutta la drammaticità della realtà
di frontiera fra Messico e Stati Uniti.

Orari
lu – ve 14.00-18.00
sa, do e festivi: 10.00-18.00

Entrata
CHF 10.00
AVS, studenti e fino ai 16 anni gratuito

Informazioni
T +41 (0)91 821 15 59 (09:00 – 14:00)
T +41 (0)91 821 15 30
spazioreale@bellinzona.ch

Programma Eventi
14.09.19 – Inaugurazione
03.10.19 – Guerre contemporanee: conferenza di Lorenzo Cremonesi
06.10.19 – Porte aperte sul cinema dal mondo e finissage mostra

Seguici su
Instagram: @spazioreale_bellinzona
Facebook: SpazioReale_Bellinzona
#spaziorealebellinzona
#WPPh2019Bellinzona

LuogoSpazioReale
Indirizzo / ViaAntico Convento delle Agostiniane, Monte Carasso
PeriodoDal 14.09.2019 al 06.10.2019
GiorniTutti i giorni
Prezzo10 CHF
EtàPer tutti
Sito webVai al sito
Facebook Vai al link di facebook
“Quel paesaggio così calmo e così eterno”, così sfuggevole. Giosanna Crivelli, racconti fotografici
Biblioteca cantonale, Bellinzona
00.00

La fotografa Giosanna Crivelli (1949-2017) ha posto al centro della sua professione e dei suoi lavori il territorio ticinese, cercando di coglierne lungo un quarantennio la natura profonda e i mutamenti con sguardo critico, disincantato, impegnato, ma mai senza poesia. La mostra prende le mosse dall’esposizione realizzata dalla fotografa nel 2007 per il Museo Hermann Hesse di Montagnola - basata sul dialogo tra sue fotografie del Luganese e i testi dello scrittore - alla quale è stata accostata una selezione di scatti del fiume Ticino, eseguiti per conto del Dipartimento del territorio nel 2009 e provenienti dall’archivio della fotografa, depositato all’inizio del 2019 presso l’Archivio di Stato.

LuogoBiblioteca cantonale
Indirizzo / ViaViale Stefano Franscini, 30 a, Bellinzona
PeriodoDal 06.09.2019 al 13.10.2019
GiorniLu Ma Me Gi Ve Sa
EtàPer tutti
Nuova mostra di Wilhelm Münger
Galleria Artè al lago , Lugano
20.00

Il Ristorante Galleria Arté al Lago di Lugano, riconosciuto per la sua gastronomia  e le mostre d’arte di livello internazionale, ha il piacere di comunicare l’inaugurazione della nuova esposizione del defunto architetto e  scultore Wilhelm Münger che si terrà dal 04 settembre al  23 novembre 2019.

L’ inaugurazione della mostra avrà luogo mercoledì 4 settembre 2019 , dalle ore 18.00 alle ore 20.00

 

Lugano, 09 agosto 2019 – mercoledì 4 settembre, il Ristorante Galleria Artè al Lago, inaugurerà la mostra dell’architetto e scultore  Wilhelm Münger: “spiritualità che si fa legno”.

Münger nacque nel 1923 a Berna, diplomandosi all’ HTL di Winterthur come architetto nel 1948. Dal 1957 al 2013 ha esposto le sue opere in diverse gallerie della Svizzera interna. Muore il 22 luglio 2015 a Basilea. La moglie Monika e la figlia Simone Münger, sono le curatrici delle sue mostre.

Münger era affascinato dall'ordine assoluto e dalle sue forme in matematica e fisica. Li ha così resi visibili, a suo avviso, scolpendo nel legno vivo.  Blaser dice: “Seziona blocchi di legno in pezzi identici, creando sorprendenti forme simili ad un puzzle. Le parti si uniscono a formare un “individuo” seguendo in parti fantasie architettoniche, in parte criteri matematici. Un’arte che sembra scaturire dall’ intuizione, dal sentimento. Un’idea di volume basata su elementi bene proporzionati si apre alla materializzazione tangibile di forme visionarie. Queste sculture finemente strutturate e suggestive, composte da forme emblematiche e inconfondibili, dimostrano la sofisticata abilità artigianale che c’è dietro le virtuose creazioni dell’artista”.

 

 

Grand Hotel Villa Castagnola, orgoglioso membro di “Small Luxury Hotels of the World”, è una raffinata proprietà che coniuga lo splendore di un’epoca passata con il calore e il comfort di una dimora privata.  Adagiato sulle rive del Lago di Lugano, questo magnifico albergo 5 stelle è una struttura di grande fascino, immersa in un parco subtropicale. In origine dimora di una nobile famiglia russa, la splendida residenza è stata trasformata in albergo nel 1885. L’albergo ha 74 camere di cui 32 fra Junior Suite e Suite, elegantemente e individualmente arredate, con tutti i più moderni comfort, incantevole vista sul parco e/o il lago, balcone o loggiato. I tre Ristoranti, di cui due gastronomici, rappresentano il fiore all’occhiello della proprietà: Il ristorante "La Rucola", nato sotto il motto " Fresh & Easy Dining, “Le Relais” (14 punti Gault&Millau) e il “Galleria Arté al Lago”, (1 Stella Michelin e 16 punti Gault&Millau).

LuogoGalleria Artè al lago
Indirizzo / Viapiazza Emilio Bossi 7, Lugano
PeriodoDal 04.09.2019 al 23.11.2019
GiorniMa Me Gi Ve Sa
Info0041792191175
EtàPer tutti
Sito webVai al sito
VideoArt Festival Locarno: a Prospective
Centro culturale e museo Elisarion, Minusio
15.00

A cura di ECAL / François Bovier, Maud Pollien, Adeena May per con del Dicastero cultura del Comune di Minusio con il sostegno del Locarno Festival

Introduzione: archeologia della svolta digitale

 Il VideoArt Festival Locarno (VAF, 1980-2001) era una delle principali rassegne e la piattaforma di riferimento per lo sviluppo della video arte in Europa. Storicamente, il formato festivaliero è stato fin dagli anni settanta il principale veicolo per la presentazione della video arte, superando in tal senso i formati della mostra o della fiera d’arte. Il VAF aveva la particolarità di affiancare alla programmazione di video, installazioni e performance (organizzata dal fondatore del festival Rinaldo Bianda insieme a curatori invitati) i colloqui teorici organizzati dal critico d’arte e direttore museale René Berger.

Laurie Anderson, René Bauermeister, Lorenzo Bianda, Robert Cahen, Geneviève Calame, Ed Emshwiller, Jacques Guyonnet, Ivan Ladislav Galeta, Sanja Ivekovic, Francesco Mariotti, Dalibor Martinis, Gérald Minkoff, Muriel Olesen, Jean Otth, Nam June Paik, Gianni

 

LuogoCentro culturale e museo Elisarion
Indirizzo / ViaVia R. Simen 3, Minusio
PeriodoDal 23.08.2019 al 20.10.2019
GiorniVe Sa Do
EtàPer tutti
Sito webVai al sito
HCB Ticino Rockets - Abbonamento 2019/20
Raiffeisen BiascArena, Biasca
20.00

I Rockets hanno il piacere di comunicare l’apertura ufficiale della campagna abbonamenti per la stagione 19/20 in Swiss League. Chi volesse vivere con noi le grandi emozioni dei Rockets sul ghiaccio di casa potrà inoltre contattare per ogni informazione il segretariato al n. 091.862 21.21, aperto dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 12.

La tessera comprende tutte le partite di campionato e amichevoli!

Care tifose e cari tifosi, abbiamo un obiettivo che vogliamo raggiungere con voi: vogliamo dare al futuro del nostro hockey la possibilità di crescere in maniera sana e in salsa ticinese. A voi non rimane che continuare a sostenerci, portando il vostro tifo e la vostra passione per l’hockey durante le partite dei Ticino Rockets alla Raiffeisen BiascArena. #GoRocketsGo

LuogoRaiffeisen BiascArena
Indirizzo / ViaBiasca
PeriodoDal 05.08.2019 al 11.02.2020
GiorniTutti i giorni
PrevenditaAcquista biglietti su Biglietteria
Acquista biglietti
Continua il successo di Play With Us con le opere di Naby Byron all'Hilton Molino Stucky di Venezia
Hilton Molino Stucky, Venezia
20.00

In concomitanza alla 58° Biennale di Venezia. continua il grande successo di “Play With Us - Dall’arte popolare all’arte moderna”, l’originale installazione dell’artista Naby Byron accompagnata dalla texture musicale di Max Casacci dei Subsonica. Fino al 24 novembre 2019 nella suggestiva cornice dell’Hotel Hilton Molino Stucky situato nel cuore di Venezia, il pubblico potrà ammirare il particolare e insolito lavoro di Naby Byron: una metaforica visione onirica dell’artista che vede al centro della sua narrazione inusuali cavalli da giostra. La mostra è presentata dal Museo Storico della Giostra di Bergantino, a cura del Prof. Gian Paolo Borghi, etno-antropologo ed esperto di tradizioni popolari. 

Numerosi visitatori provenienti da tutto il mondo hanno apprezzato le opere singolari e caratteristiche dell’artista e le musiche astratte e stralunate del noto compositore Max Casacci. L’allestimento, durante il periodo di apertura, è stato rafforzato e rivisto per permettere ai visitatori una fruizione a tutto tondo della produzione artistica di Naby Byron. 

L’esposizione, in collaborazione con l’Associazione UFO-Ultimi Futuristi, è inserita nella programmazione di “Le Città in Festa” promossa dalla Città di Venezia ed è realizzata con il patrocinio della Regione del Veneto, della Città di Venezia, del Comune di Bergantino, del Museo della Giostra di Bergantino, del MAF (Museo Mondo Agricolo Ferrarese), di Hilton Stucky Venezia e si colloca all’interno delle celebrazioni del Centenario dalla Fondazione del Gruppo Hilton. 

Naby Byron si riappropria di alcune forme della cultura tradizionale adattandole alle aspettative del contemporaneo in una sorta di “provocazione – non provocazione” che mira a cogliere, attraverso le giostre, alcune sfaccettature di un denso percorso storico-antropologico. I cavalli da giostra, infatti, richiamano alla memoria antichi giochi rituali e arcaici di natura medievale.

Naby Byron, tuttavia, non si limita a scegliere artisticamente i cavalli ma, in forma simbolica, li rende liberi dai rigidi meccanismi delle giostre, proiettandoli lontani dalle tradizionali fiere di borghi e paesi in un contesto moderno e contemporaneo, i Luoghi dell’Altrove. Questo forte desiderio di libertà si traduce nella fusione in maniera simbiotica delle sue installazioni con la natura che le circonda. In altri termini, Naby si eleva a paladina di una nuova e rinnovata cultura del “gioco”, trasfigurando alcuni antichi significati nel mondo odierno e offrendoli all’ammirazione e alla disponibilità degli appassionati d’arte del terzo millennio.

Nello specifico “Play with us” Dall’arte popolare all’arte moderna è un’opera relazionale in cui il fruitore interagisce direttamente con l’installazione: i visitatori, infatti, sono invitati a montare sul cavallo e in questo senso il lavoro di Naby Byron rappresenta un’opera unica, in continuo divenire, in quanto cambia col cambiare dello spettatore che desidera mettersi in gioco. 

L’esposizione si compone di una parte a “cavalli fissi” nella zona esterna dell’Hotel, e di una a “cavalli mobili” situati negli ambienti interni. Al fianco delle opere è prevista una videoinstallazione a cura del Museo e dell’artista, volta a descrivere per immagini e parole la poetica complessiva dell’evento. Sarà, inoltre, presente una “texture” sonora composta dal musicista Massimiliano Casacci, membro e fondatore dei Subsonica.

NABY
Naby Byron (nome d’arte) nasce a Bologna. Di famiglia borghese, vive la sua infanzia accanto ad uno dei più importanti allevamenti di cavalli d’Europa (allevamento che ha visto i natali della stirpe del trottatore Varenne). Memore dei lunghi pomeriggi passati ad ammirare gli allenamenti e la vita dell’animale più nobile del creato, Naby, laureatasi nel frattempo all’Accademia di Bologna, elegge il cavallo quale simbolo totemico delle sue prime creazioni artistiche, dapprima dipinti ed in seguito installazioni. 

Avvicinatasi nel prosieguo di vita al mondo del collezionismo, ha costituito assieme ad alcuni collaboratori il Collettivo U.F.-o Ultimi Futuristi, al’interno del quale è conservato un vastissimo numero di documenti afferenti il Movimento Futurista di Filippo Tommaso Marinetti, altra grande fonte di ispirazione dell’artista soprattutto per quanto attiene al filone aviatorio, seconda passione di Naby Byron ed oggetto precipuo delle sue opere.                                                                                       

Hanno curato per lei importanti mostre il critico d’arte Giuseppe Virelli, l’etno-antropologo Prof. Gian Paolo Borghi, lo storico del Futurismo Enrico Bittoto.

 

Ha esposto in Gallerie a Lucca (“Play With Me” presso Galleria olio su tavola), al PALP Museo di Pontedera (“Play With Me” all’interno della Mostra “Dalla Trottola al Robot”) e in concomitanza con la Biennale di Venezia presso gli ambienti dell’Hilton Molino Stucky all’isola della Giudecca (Installazione “Play With Us” promossa dal Museo dello Giostra di Bergantino).

 

Hanno collaborato con lei Marta Pederzoli, le Ceramiche Gatti di Faenza, Max Casacci dei Subsonica, il regista Luca Verdone.

 

Ha vinto diversi premi e riconoscimenti tra i quali ricordiamo il Premio Vergato Arte 2016 sotto la presidenza del Maestro Luigi Ontani.

 

 

 

 

 

 

INFORMAZIONI UTILI

 

TITOLO: “Play with us” Dall’arte popolare all’arte moderna

OPERE DI: NABY BYRON

A CURA DI: Prof. Gian Paolo Borghi

TEXTURE MUSICALE: Max Casacci dei Subsonica

PRESENTATA DA: Museo storico della giostra di Bergantino

DOVE: Hotel Hilton Molino Stucky - Giudecca 810, Venezia

DATE: 11 maggio - 24 novembre 2019

ORARI: orari di apertura dell’Hotel

WEB: nabybyron.com

FACEBOOK: https://www.facebook.com/PlayWithHus/

 

INGRESSO GRATUITO

 

L’EVENTO E’ INSERITO NELLA PROGRAMMAZIONE DI “LE CITTA’ IN FESTA” PROMOSSA DALLA CITTA’ DI VENEZIA

 

PATROCINI: Regione del Veneto, Città di Venezia, Comune di Bergantino, Museo della Giostra di Bergantino, MAF (Museo Mondo Agricolo Ferrarese), Hilton Stucky Venezia.

IN COLLABORAZIONE CON: Associazione UFO-Ultimi Futuristi.

 

 

AGENZIA DI COMUNICAZIONE E UFFICIO STAMPA

 

 

 

Culturalia di Norma Waltmann

tel : +39-051-6569105 mob: +39-392-2527126

email: info@culturaliart.com web: www.culturaliart.com

facebook: culturalia – Instagram: culturalia_comunicare_arte

LuogoHilton Molino Stucky
Indirizzo / ViaGiudecca 810, Venezia
PeriodoDal 19.07.2019 al 24.11.2019
GiorniTutti i giorni
Info0516569105
EtàPer tutti
Play with us. dall’arte popolare all’arte moderna
Hotel Hilton Molino Stucky , Venezia
08.00

Dall’11 maggio al 24 novembre 2019, nel cuore di Venezia, all’interno della suggestiva e prestigiosa cornice dell’Hotel Hilton Molino Stucky affacciato sul Canale della Giudecca, sarà presentata dal Museo Storico della Giostra di Bergantino l’installazione “Play With Us” Dall’arte popolare all’arte moderna con opere dell’artista Naby Byron e texture musicale di Max Casacci dei Subsonica, a cura del Prof. Gian Paolo Borghi, etno-antropologo ed esperto di tradizioni popolari.

L’esposizione si colloca in concomitanza alla 58° Biennale di Venezia e propone al pubblico una particolare e metaforica visione onirica dell’artista che vede al centro della sua narrazione inusuali cavalli da giostra.

L’esposizione, in collaborazione con l’Associazione UFO-Ultimi Futuristi, è realizzata con il patrocinio della Regione del Veneto, della Città di Venezia, del Comune di Bergantino, del Museo della Giostra di Bergantino, del MAF (Museo Mondo Agricolo Ferrarese), di Hilton Stucky Venezia e si colloca all’interno delle celebrazioni del Centenario dalla Fondazione del Gruppo Hilton.

Naby Byron si riappropria di alcune forme della cultura tradizionale adattandole alle aspettative del contemporaneo in una sorta di “provocazione – non provocazione” che mira a cogliere, attraverso le giostre, alcune sfaccettature di un denso percorso storico-antropologico. I cavalli da giostra, infatti, richiamano alla memoria antichi giochi rituali e arcaici di natura medievale.

Naby Byron, tuttavia, non si limita a scegliere artisticamente i cavalli ma, in forma simbolica, li rende liberi dai rigidi meccanismi delle giostre, proiettandoli lontani dalle tradizionali fiere di borghi e paesi in un contesto moderno e contemporaneo, i Luoghi dell’Altrove. Questo forte desiderio di libertà si traduce nella fusione in maniera simbiotica delle sue installazioni con la natura che le circonda. In altri termini, Naby si eleva a paladina di una nuova e rinnovata cultura del “gioco”, trasfigurando alcuni antichi significati nel mondo odierno e offrendoli all’ammirazione e alla disponibilità degli appassionati d’arte del terzo millennio.

Nello specifico “Play with us” Dall’arte popolare all’arte moderna è un’opera relazionale in cui il fruitore interagisce direttamente con l’installazione: i visitatori, infatti, sono invitati a montare sul cavallo e in questo senso il lavoro di Naby Byron rappresenta un’opera unica, in continuo divenire, in quanto cambia col cambiare dello spettatore che desidera mettersi in gioco.

L’esposizione si compone di una parte a “cavalli fissi” nella zona esterna dell’Hotel, e di una a “cavalli mobili” situati negli ambienti interni. Al fianco delle opere è prevista una videoinstallazione a cura del Museo e dell’artista, volta a descrivere per immagini e parole la poetica complessiva dell’evento. Sarà, inoltre, presente una “texture” sonora composta dal musicista Massimiliano Casacci, membro e fondatore dei Subsonica.

NABY

Naby Byron (nome d’arte) nasce a Bologna. Di famiglia borghese, vive la sua infanzia accanto ad uno dei più importanti allevamenti di cavalli d’Europa (allevamento che ha visto i natali della stirpe del trottatore Varenne). Memore dei lunghi pomeriggi passati ad ammirare gli allenamenti e la vita dell’animale più nobile del creato, Naby, laureatasi nel frattempo all’Accademia di Bologna, elegge il cavallo quale simbolo totemico delle sue prime creazioni artistiche, dapprima dipinti ed in seguito installazioni.

Avvicinatasi nel prosieguo di vita al mondo del collezionismo, ha costituito assieme ad alcuni collaboratori il Collettivo U.F.-o Ultimi Futuristi, al’interno del quale è conservato un vastissimo numero di documenti afferenti il Movimento Futurista di Filippo Tommaso Marinetti, altra grande fonte di ispirazione dell’artista soprattutto per quanto attiene al filone aviatorio, seconda passione di Naby Byron ed oggetto precipuo delle sue opere.                                                                               

Hanno curato per lei importanti mostre il critico d’arte Giuseppe Virelli, l’etno-antropologo Prof. Gian Paolo Borghi, lo storico del Futurismo Enrico Bittoto.

Ha esposto in Gallerie a Lucca (“Play With Me” presso Galleria olio su tavola), al PALP Museo di Pontedera (“Play With Me” all’interno della Mostra “Dalla Trottola al Robot”) e in concomitanza con la Biennale di Venezia presso gli ambienti dell’Hilton Molino Stucky all’isola della Giudecca (Installazione “Play With Us” promossa dal Museo dello Giostra di Bergantino).

Hanno collaborato con lei Marta Pederzoli, le Ceramiche Gatti di Faenza, Max Casacci dei Subsonica, il regista Luca Verdone.

Ha vinto diversi premi e riconoscimenti tra i quali ricordiamo il Premio Vergato Arte 2016 sotto la presidenza del Maestro Luigi Ontani.

INFORMAZIONI UTILI

TITOLO: “Play with us” Dall’arte popolare all’arte moderna

OPERE DI: NABY BYRON

A CURA DI: Prof. Gian Paolo Borghi

TEXTURE MUSICALE: Max Casacci dei Subsonica

PRESENTATA DA: Museo storico della giostra di Bergantino

DOVE: Hotel Hilton Molino Stucky - Giudecca 810, Venezia

INAUGURAZIONE: Sabato 11 maggio ore 17,30

DATE: 11 maggio - 24 novembre 2019

ORARI: orari di apertura dell’Hotel

WEB: nabybyron.com

FACEBOOK: https://www.facebook.com/PlayWithHus/

INGRESSO GRATUITO

PATROCINI: Regione del Veneto, Città di Venezia, Comune di Bergantino, Museo della Giostra di Bergantino, MAF (Museo Mondo Agricolo Ferrarese), Hilton Stucky Venezia.

IN COLLABORAZIONE CON: Associazione UFO-Ultimi Futuristi.

AGENZIA DI COMUNICAZIONE E UFFICIO STAMPA

Culturalia di Norma Waltmann

tel : +39-051-6569105 mob: +39-392-2527126

email: info@culturaliart.com web: www.culturaliart.com

facebook: culturalia – Instagram: culturalia_comunicare_arte

LuogoHotel Hilton Molino Stucky
Indirizzo / ViaGiudecca 810, Venezia, Venezia
PeriodoDal 11.05.2019 al 24.11.2019
GiorniTutti i giorni
Info0516569105
EtàPer tutti
Facebook Vai al link di facebook
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-09-15 08:31:52 | 91.208.130.85