Filtra per

Regione Mendrisiotto Locarnese Luganese Bellinzonese Valle di Blenio
Categoria Musica Conferenze Altro Appuntamenti Arte Feste
'Jazz Lounge Quartet' alla Festa cantonale della musica
Mercato Coperto, Mendrisio
20.30

I brani che compongono la scaletta hanno quale comune denominatore un legame con alcuni fra i più celebri interpreti del sassofono che hanno segnato gli esordi del jazz fino ai giorni nostri quali ad esempio Lester Young, Sonny Stitt, Cannonball Adderly, Sonny Rollins, Branford Marsalis, Joshua Redman come pure Stan Getz ed altri ancora.

LuogoMercato Coperto
Indirizzo / ViaVia Campo Sportivo, Mendrisio
Info0916471593
Sito webVai al sito
Facebook Vai al link di facebook
Concerto della Musica di Minusio
Portigon, Minusio
20.15

Concerto della Musica di Minusio, dir. Matti aTerzi. Segue gelato per tuti i presenti offerto dall’ Associazione Quartiere Rivapiana. Solo col bel tempo

LuogoPortigon
Indirizzo / ViaVia alla Riva, Minusio
Serata informativa Meccanico di Produzione AFC Art. 33
Taverne, Taverne
18.00

In collaborazione con la DFP (Divisione della Formazione Professionale) e Login Formazione Professionale regione Ticino presenteremo la nuova edizione della Formazione Articolo 33 per la professione di Meccanico di Produzione con AFC.
La formazione si pone di mettere a valore le esperienze e le competenze tecnico professionali e di certificarle tramite l’ottenimento dell’AFC.


Vi invitiamo alla serata informativa che si terrà
mercoledì 05.06.2019 ore 18.00
c/o la Fondazione III Millennio, Via Carvina 7,
6807 Taverne


dove potrete conoscere meglio il progetto nei suoi dettagli ed iscrivervi alla formazione
E’ gradita la riservazione tramite formulario che trovate sul nostro sito internet: www.fondazioneterzomillennio.ch

LuogoTaverne
Indirizzo / ViaVia Carvina 7, Taverne
Info0919450138
EtàPer tutti
Sito webVai al sito
Facebook Vai al link di facebook
Youtube Vai al link di YouTube
Tantra nell'insegnamento buddista
Centro Menla, Locarno
20.00

Partecipando a questi incontri potrete conoscere i punti di vista che derivano dalla filosofia buddista e praticare le brevi meditazioni, traendone così spunti utili da integrare nella vita quotidiana.

LuogoCentro Menla
Indirizzo / ViaVia Cittadella 8, Locarno
PeriodoDal 05.06.2019 al 19.06.2019
GiorniMe
Info0795066968
Prezzo10 CHF
Sito webVai al sito
Meditazione per tutti
Sala Meditazione, Biasca
20.00

Questi incontri si rivolgono a chi desidera conoscere e approfondire l'esperienza della pace interiore e della meditazione attraverso degli esercizi guidati.

LuogoSala Meditazione
Indirizzo / ViaVia dei Borradori 4, Biasca
PeriodoDal 05.06.2019 al 12.06.2019
GiorniMe
Info0792300956
EtàPer tutti
Sito webVai al sito
Fanfara Cr Mech Br 11
mercato coperto, Mendrisio
Ore 20.30

La fanfara della Brigata meccanizzata 11 è comandata dal primotenente Sandro Meier. La direzione musicale dell'orchestra di fiati è affidata al primotenente Christian Salvisberg e al primotenente Diego Merisi, di Stabio, mentre i tamburini sono diretti dal sergente Florian Haas e dal sergente Tim Sutter. In questa formazione troviamo i militi ticinesi, è stato quindi naturale avere questa formazione ospite della 5.a Festa Cantonale della Musica.

Una volta assolta la scuola reclute, i musicisti vengono assegnati a una delle undici fanfare dei Corsi di Ripetizione o a una delle formazioni d'élite della musica militare. 

Il Centro di competenza musica militare è responsabile dell'istruzione, dell'impiego e dell'organizzazione delle fanfare dei corsi di ripetizione. Queste ultime portano i nomi delle brigate e delle divisioni territoriali. 
Ogni anno sei orchestre di fiati e cinque brass band svolgono il corso di ripetizione di tre settimane. Le fanfare dei corsi di ripetizione sono assegnate a livello regionale e sono profondamente radicate nel territorio. I rapporti con il pubblico vengono intrattenuti mediante concerti nelle sale e nelle piazze svolti in tutta la Svizzera.

Luogomercato coperto
Indirizzo / ViaVia campo sportivo, Mendrisio
Info0916471593
Sito webVai al sito
Facebook Vai al link di facebook
giochi di società
La soffitta del libro, Ludiano
Ore 20.30

L'associazione Libera il Libro Serravalle organizza delle serata di Giochi di Società per gli appassionati dei giochi da tavola. L'entrata è gratuita e non è necessario iscriversi. Maggiori informazioni: Doriana 079 758 50 04

LuogoLa soffitta del libro
Indirizzo / Viaex casa comunale, Ludiano
Info0766791073
EtàPer tutti
Sito webVai al sito
Facebook Vai al link di facebook
Andreas Waldmeier - In-Between
Kromya Art Gallery, Lugano
Ore 18.30

Andreas Waldmeier - In-Between

Vernissage: mercoledì 22 maggio 2019, ore 18:30

La mostra sarà visibile dal 22 maggio al 2 agosto 2019.

 

 

 

Con la mostra di Andreas Waldmeier, Kromya Art Gallery inaugura la propria sezione dedicata a giovani artisti emergenti e denominata •YOUNG

 

Waldmeier (Richterswil, 1982), formatosi presso l’Università delle Arti di Zurigo, porta a Lugano un progetto site-specific ideato appositamente per Kromya Art Gallery con un gruppo di nuove opere.

Per Waldmeier la relazione dei suoi lavori con l’ambiente in cui si trovano è fondamentale. I progetti vengono dapprima abbozzati virtualmente e poi eseguiti sulla tela, decidendo passo dopo passo limitazioni di forme, colori ed ordine. Egli, creando per questa esposizione un percorso predefinito, conferma l’importanza che fornisce alla sua potenza pittorica di interagire con le pareti stesse della galleria e di attrarre il visitatore. Quest’ultimo è trasportato in un viaggio che spazia da tele di grandi dimensioni a pareti dipinte, da sculture astratte a piccoli quadri divisi che producono una realtà propria dell’autore. Il progetto diventa un’espressione totale della sua pittura, che si qualifica con la partecipazione dello spettatore; Waldmeier considera lo spazio parte integrante della sua visione, innalzando o annullando la parete tramite segni e pittura. Il visitatore entra fisicamente in un universo pittorico complessivo.

Waldmeier descrive la sua pittura come linguistica, cioè come mezzo espressivo. Per lui la stessa è una specie di studio delle possibilità e dei loro limiti.

Spesso la suddivisione tra due riquadri porta ad un dialogo tra elementi contrapposti accomunati da un gesto pittorico veloce e deciso. Ciò si traduce in complesse configurazioni di immagini, forme, figure, frammenti di un racconto o di una tradizione pittorica che forniscono solo un’idea del complesso mondo dell’artista.

Ogni opera è da considerare come evento singolare, a cui la visione del visitatore cerca di dare un senso tramite un processo di scoperta; l’occhio vaga sulla superficie pittorica, pensando di essere in grado di identificare e di nominare qualcosa, ma non riuscirà a trovarne il significato essendo all’interno di un’opera d’arte totale. Si mostrano a noi creazioni enigmatiche e impenetrabili, un luogo, un in-between in cui si è sospesi tra la ricerca di significato e il significato stesso.

LuogoKromya Art Gallery
Indirizzo / ViaViale Stefano Franscini 11, Lugano
PeriodoDal 22.05.2019 al 02.08.2019
GiorniMe
EtàPer tutti
Sito webVai al sito
Facebook Vai al link di facebook
Youtube Vai al link di YouTube
Arriva l'estate al City 2!
Bar Ristorante Pizzeria City 2, Collina d'Oro
Fino alle 20

L'estate sta arrivando! E al City 2 è già tutto pronto per la grande apertura serale, con i nostri cocktail estivi pronti ad accogliervi tutte le sere - da lunedì a venerdì - fino alle 20.

Cosa state aspettando? Venite a trovarci numerosi!

LuogoBar Ristorante Pizzeria City 2
Indirizzo / ViaVia Cantonale 8A, Collina d'Oro
PeriodoDal 20.05.2019 al 31.08.2019
GiorniLu Ma Me Gi Ve
Info091 980 36 16
Facebook Vai al link di facebook
Play with us. dall’arte popolare all’arte moderna
Hotel Hilton Molino Stucky , Venezia
08.00

Dall’11 maggio al 24 novembre 2019, nel cuore di Venezia, all’interno della suggestiva e prestigiosa cornice dell’Hotel Hilton Molino Stucky affacciato sul Canale della Giudecca, sarà presentata dal Museo Storico della Giostra di Bergantino l’installazione “Play With Us” Dall’arte popolare all’arte moderna con opere dell’artista Naby Byron e texture musicale di Max Casacci dei Subsonica, a cura del Prof. Gian Paolo Borghi, etno-antropologo ed esperto di tradizioni popolari.

L’esposizione si colloca in concomitanza alla 58° Biennale di Venezia e propone al pubblico una particolare e metaforica visione onirica dell’artista che vede al centro della sua narrazione inusuali cavalli da giostra.

L’esposizione, in collaborazione con l’Associazione UFO-Ultimi Futuristi, è realizzata con il patrocinio della Regione del Veneto, della Città di Venezia, del Comune di Bergantino, del Museo della Giostra di Bergantino, del MAF (Museo Mondo Agricolo Ferrarese), di Hilton Stucky Venezia e si colloca all’interno delle celebrazioni del Centenario dalla Fondazione del Gruppo Hilton.

Naby Byron si riappropria di alcune forme della cultura tradizionale adattandole alle aspettative del contemporaneo in una sorta di “provocazione – non provocazione” che mira a cogliere, attraverso le giostre, alcune sfaccettature di un denso percorso storico-antropologico. I cavalli da giostra, infatti, richiamano alla memoria antichi giochi rituali e arcaici di natura medievale.

Naby Byron, tuttavia, non si limita a scegliere artisticamente i cavalli ma, in forma simbolica, li rende liberi dai rigidi meccanismi delle giostre, proiettandoli lontani dalle tradizionali fiere di borghi e paesi in un contesto moderno e contemporaneo, i Luoghi dell’Altrove. Questo forte desiderio di libertà si traduce nella fusione in maniera simbiotica delle sue installazioni con la natura che le circonda. In altri termini, Naby si eleva a paladina di una nuova e rinnovata cultura del “gioco”, trasfigurando alcuni antichi significati nel mondo odierno e offrendoli all’ammirazione e alla disponibilità degli appassionati d’arte del terzo millennio.

Nello specifico “Play with us” Dall’arte popolare all’arte moderna è un’opera relazionale in cui il fruitore interagisce direttamente con l’installazione: i visitatori, infatti, sono invitati a montare sul cavallo e in questo senso il lavoro di Naby Byron rappresenta un’opera unica, in continuo divenire, in quanto cambia col cambiare dello spettatore che desidera mettersi in gioco.

L’esposizione si compone di una parte a “cavalli fissi” nella zona esterna dell’Hotel, e di una a “cavalli mobili” situati negli ambienti interni. Al fianco delle opere è prevista una videoinstallazione a cura del Museo e dell’artista, volta a descrivere per immagini e parole la poetica complessiva dell’evento. Sarà, inoltre, presente una “texture” sonora composta dal musicista Massimiliano Casacci, membro e fondatore dei Subsonica.

NABY

Naby Byron (nome d’arte) nasce a Bologna. Di famiglia borghese, vive la sua infanzia accanto ad uno dei più importanti allevamenti di cavalli d’Europa (allevamento che ha visto i natali della stirpe del trottatore Varenne). Memore dei lunghi pomeriggi passati ad ammirare gli allenamenti e la vita dell’animale più nobile del creato, Naby, laureatasi nel frattempo all’Accademia di Bologna, elegge il cavallo quale simbolo totemico delle sue prime creazioni artistiche, dapprima dipinti ed in seguito installazioni.

Avvicinatasi nel prosieguo di vita al mondo del collezionismo, ha costituito assieme ad alcuni collaboratori il Collettivo U.F.-o Ultimi Futuristi, al’interno del quale è conservato un vastissimo numero di documenti afferenti il Movimento Futurista di Filippo Tommaso Marinetti, altra grande fonte di ispirazione dell’artista soprattutto per quanto attiene al filone aviatorio, seconda passione di Naby Byron ed oggetto precipuo delle sue opere.                                                                               

Hanno curato per lei importanti mostre il critico d’arte Giuseppe Virelli, l’etno-antropologo Prof. Gian Paolo Borghi, lo storico del Futurismo Enrico Bittoto.

Ha esposto in Gallerie a Lucca (“Play With Me” presso Galleria olio su tavola), al PALP Museo di Pontedera (“Play With Me” all’interno della Mostra “Dalla Trottola al Robot”) e in concomitanza con la Biennale di Venezia presso gli ambienti dell’Hilton Molino Stucky all’isola della Giudecca (Installazione “Play With Us” promossa dal Museo dello Giostra di Bergantino).

Hanno collaborato con lei Marta Pederzoli, le Ceramiche Gatti di Faenza, Max Casacci dei Subsonica, il regista Luca Verdone.

Ha vinto diversi premi e riconoscimenti tra i quali ricordiamo il Premio Vergato Arte 2016 sotto la presidenza del Maestro Luigi Ontani.

INFORMAZIONI UTILI

TITOLO: “Play with us” Dall’arte popolare all’arte moderna

OPERE DI: NABY BYRON

A CURA DI: Prof. Gian Paolo Borghi

TEXTURE MUSICALE: Max Casacci dei Subsonica

PRESENTATA DA: Museo storico della giostra di Bergantino

DOVE: Hotel Hilton Molino Stucky - Giudecca 810, Venezia

INAUGURAZIONE: Sabato 11 maggio ore 17,30

DATE: 11 maggio - 24 novembre 2019

ORARI: orari di apertura dell’Hotel

WEB: nabybyron.com

FACEBOOK: https://www.facebook.com/PlayWithHus/

INGRESSO GRATUITO

PATROCINI: Regione del Veneto, Città di Venezia, Comune di Bergantino, Museo della Giostra di Bergantino, MAF (Museo Mondo Agricolo Ferrarese), Hilton Stucky Venezia.

IN COLLABORAZIONE CON: Associazione UFO-Ultimi Futuristi.

AGENZIA DI COMUNICAZIONE E UFFICIO STAMPA

Culturalia di Norma Waltmann

tel : +39-051-6569105 mob: +39-392-2527126

email: info@culturaliart.com web: www.culturaliart.com

facebook: culturalia – Instagram: culturalia_comunicare_arte

LuogoHotel Hilton Molino Stucky
Indirizzo / ViaGiudecca 810, Venezia, Venezia
PeriodoDal 11.05.2019 al 24.11.2019
GiorniTutti i giorni
Info0516569105
EtàPer tutti
Facebook Vai al link di facebook
Into the Pink, la nuova mostra a cura di Artrust dal 1 aprile a Melano (CH)
Artrust , Melano
14.00

Into the Pink, la nuova mostra a cura di Artrust dal 1 aprile a Melano 

Il prossimo 1 aprile apre al pubblico, presso gli spazi espositivi di Artrust a Melano, Into the Pink, mostra d’arte collettiva curata dalla galleria ticinese. Protagonista unico della mostra il colore rosa, in tutte le sue declinazioni. Il visitatore potrà all’interno dell’allestimento compiere un viaggio alla scoperta delle molteplici applicazioni di questo colore nell’arte moderna e contemporanea, in epoche e stili differenti. 

«Visitare questa mostra sarà come leggere un breve manuale di storia dell’arte contemporanea indossando un paio di lenti rosa. ­­–  afferma Patrizia Cattaneo Moresi, Direttrice di Artrust SA – È un’immersione in questo colore, per esplorarne le sue infinite declinazioni artistiche. Un colore che porta con sé tanti significati, e anche tante contraddizioni, che ha rivestito e riveste un ruolo importante nella storia dell’arte. E forse non solo in quella, considerato che recenti scoperte scientifiche lo indicano come il pigmento delle prime forme di vita sulla terra: sembra, infatti, che i primi batteri a fare la loro comparsa sul nostro pianeta fossero rosa». 

Le opere in mostra permettono di esplorare l’utilizzo del rosa nel paesaggio, nella figura, nel nudo, passando dalle riproduzioni realistiche a quelle espressioniste, dalle visioni impressioniste sino a quelle puramente astratte.

In dialogo tra loro artisti di movimenti, stili, epoche distanti e differenti: si va da Castelli a Le Corbusier e Legér, dagli esponenti del gruppo CoBrA a quelli del gruppo Rot Blau, dai Nouveau Réalistes Tinguely, Spoerri e Niki De Saint Phalle, al re della Pop Art Andy Warhol, per arrivare fino alla Street Art con le opere di Banksy.

La mostra, a ingresso gratuito, sarà aperta al pubblico fino al 29 giugno, dal lunedì al sabato, dalle 14.00 alle 18.00.

 Opere di: Banksy | Blade | Bernard Buffet | Alexandre Calder | Paul Camenisch | Luciano Castelli | Robert Combas | Mario Comensoli | Corneille | Niki De Saint Phalle | Christian Esctal | Fang-Xing Chen | François Gall | Claude Gilli | André Lanskoy | Charle Lapicque | Le Corbusier | Fernand Léger | Carl Walter Liner | Marino Marini | André Masson | Albert Müller | Gen Paul | Quik | A.R. Penck | Raul33 | Ravo | Walter Ropele | Daniel Spoerri | Jean Tinguely | Italo Valenti | Ting Walasse | Andy Warhol | Waner | Peter Wiederkehr

 

 

LuogoArtrust
Indirizzo / ViaVia Pedemonte di sopra, 1, Melano
PeriodoDal 01.04.2019 al 29.06.2019
GiorniLu Ma Me Gi Ve Sa
Info41916493336
EtàPer tutti
Sito webVai al sito
Facebook Vai al link di facebook
Porte aperte al centro Apus
Centro Apus, Intragna
Ore 15

APUS è un’associazione attiva in tutta la Svizzera italiana che si adopera per la protezione dell’avifauna indigena. Le nostre attività comprendono il soccorso sul terreno;la cura, la riabilitazione e la reintroduzione in natura del singolo individuo trovato in difficoltà; la protezione delle colonie e dei luoghi di nidificazione nell’ambiente urbanoe la sensibilizzazione e informazione del pubblico.

Quest’anno ogni ultimo mercoledì del meseil centro di cura e riabilitazione per uccelli selvatici della nostra associazione aprirà le sue porte ai visitatori!
Date:
· Mercoledì 27 Febbraio
· Mercoledì 27 Marzo
· Mercoledì 24 Aprile
Pausa estiva
· Mercoledì 25 Settembre
· Mercoledì 30 Ottobre
· Mercoledì 27 Novembre
 
La visita inizierà alle 15:00, durante il giro del centro, che durerà circa un’ora, potrete ammirare le strutture del nostro centro. Avrete l'opportunità di soddisfare le vostre curiositàsugli uccelli e d'imparare qualcosasul primo soccorso che gli si può offrire.
 
La visita è gratuita e aperta a tutti, con iscrizione obbligatoria da effettuare entro il lunedì precedente, inviando una mail ainfo@apusapus.ch(si prega di specificare il numero di persone).
Il giro verrà condotto nel rispetto degli uccelli in cura, che non verranno mostrati.
 
Volete rimanere sempre aggiornati su questo evento?
Seguiteci su Facebook:https://www.facebook.com/events/515269698987422/

LuogoCentro Apus
Indirizzo / ViaCalezzo, Intragna
PeriodoDal 27.02.2019 al 27.11.2019
GiorniMe
EtàPer tutti
Sito webVai al sito
Facebook Vai al link di facebook
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-05-26 11:34:08 | 91.208.130.87