Filtra per

Regione Locarnese Bellinzonese Luganese Mendrisiotto Valle di Blenio
Categoria Motori Teatro Musica Feste Altro Arte Conferenze
2° Raduno Alfa Romeo Club Ticino
Lungolago pedonale, Ascona
09.30

La stupenda cornice del Borgo Ticinese ci ospiterà, grazie al Comune che ha voluto ridare fiducia a questo progetto, su una delle Piazze più esclusive della Svizzera.
L'evento è a numero chiuso per un massimo di un centinaio di vetture da disposizioni ricevute. Aperto a tutti i veicoli: Epoca, Classico, Moderno, Tuning.
Non dimenticate che: Il Cuore ha sempre Ragione!
Il Raduno si terrà in forma statica. La parte espositiva sarà dedicata al solo marchio Alfa Romeo.

  • 1. L'iscrizione anticipata è obbligatoria (VEDI LINK BIGLIETTI)
  • 2. Segue conferma dell'iscrizione da parte del Club per permettere la presenza di più modelli possibili
  • 3.- Prepagamento

Il costo per la partecipazione è di Sfr.30.- o 30 € a vettura.
Visitatori gratuiti, posteggi a pagamento nelle vicinanze.

Programma di massima da confermare:
Ore 9.30 - 11.30 Arrivo e registrazione Alfa Romeo
Ore 12.00 Saluto dell’autorità comune di Ascona
Ore 12.00 – 16.00 Networking, Food & Beverage, Tempo libero per scoprire il centro storico di Ascona, le sue viuzze, i Bar, i Ristoranti, lo Shopping
Ore 16.00 Premiazione e ringraziamenti
Ore 17.00 – End Networking e Food & Beverage
Ore 18.00 - 19.00 Uscita delle Alfa Romeo

Invitiamo i partecipanti che si fermeranno per il weekend ad utilizzare il sito web ufficiale dell’Ente Turistico per prenotazioni Hotels, Guida Ristoranti, Attrazioni e scoprire il territorio www.ascona-locarno.com

FAMIGLIE CON BAMBINI BENVENUTE!

LuogoLungolago pedonale
Indirizzo / ViaPiazza Giuseppe Motta - Ascona, Ascona
Info0792794855
Prezzo30 CHF
EtàPer tutti
Sito webVai al sito
Facebook Vai al link di facebook
PrevenditaAcquista biglietti
NOVECENTO
Sala multiuso Centro civico, Arbedo
20.45

Nel 2019 ricorre il venticinquesimo anniversario dalla prima pubblicazione del monologo Novecento di Alessandro Baricco. Un gruppo di ragazzi bellinzonesi, formato da un ambizioso appassionato di teatro e giovani professioniste nei settori della grafica e della musica, ha deciso di sfruttare questa ricorrenza per realizzare uno spettacolo teatrale che sappia unire gli interessi di ognuno. La peculiarità del testo di Baricco, in bilico tra copione e semplice racconto, è quella di permettere al più variegato tipo di pubblico di immaginarsi, attraverso le parole dello scrittore, suoni, personaggi, ambienti della storia del tutto personalizzati. Questo ha permesso dunque di cucire addosso a Novecento una veste nuova, il più possibile fresca e dinamica. 

Il lavoro è realizzato in collaborazione con la commissione culturale del comune di Arbedo-Castione e sostenuto dall’ufficio Infogiovani del Cantone Ticino.

LuogoSala multiuso Centro civico
Indirizzo / Viavia centro civico, Arbedo
Info0793870004
Prezzo20 CHF
EtàPer tutti
De André canta De André. Storia di un impiegato, Tour
Palazzo dei Congressi, Lugano
21.00

Unica data in Svizzera

De André canta De André - Storia di un impiegato: l’imperdibile tour di Cristiano De André, ispirato al celebre concept album di Faber, che torna così a smuovere le coscienze a 50 anni dalle rivolte sociali del 1968. Una serie di concerti che impegnano Cristiano De André in tutta Italia per vari mesi, strutturati come una vera e propria opera rock grazie ai nuovi arrangiamenti.

L’artista ha ardentemente voluto portare in scena quest’opera nel 50esimo anniversario del ’68, un disco che mette in discussione le basi su cui si fonda il potere. Arrangiare Storia di un impiegato ha significato per Cristiano De André riportare in auge i figli della rivoluzione pacifista: l’utopia, l’anarchia, il Sogno, da una parte, il Potere, la paura, l’inabissamento delle qualità individuali a discapito delle esigenze globali, dall’altra. Come recita il testo di Nella mia ora di libertà: Certo bisogna farne di strada/da una ginnastica d'obbedienza/fino ad un gesto molto più umano/che ti dia il senso della violenza/però bisogna farne altrettanta/per diventare così coglioni/da non riuscire più a capire/che non ci sono poteri buoni.

Cristiano De André e Stefano Melone (alla produzione artistica) hanno dato una nuova vita musicale alle canzoni del disco, un suono rock-elettronico, calibrato sui momenti psicologici del protagonista della storia, dall’iniziale clima di sfida dettato dall’introduzione sui giorni del Maggio francese sino al fallito attentato e al carcere. La regia dello spettacolo è di Roberta Lena.

Credits
Cristiano De André
Unico vero erede del patrimonio musicale deandreiano, ha attinto dall'immenso repertorio di Fabrizio rileggendo il disco del 1973 sempre più attuale, un concept album sugli anni di piombo e sulla speranza di costruire un mondo migliore. Storia di un impiegato racconta infatti il gesto di un impiegato degli anni ’70, animato dal ricordo della rivolta collettiva del Maggio francese del 1968. Il Sessantotto non fu tanto una rivoluzione politica, quanto sociale e culturale: anni di lotta dura, senza paura, come recitava uno dei tanti slogan, ma anche uno spartiacque tra passato e futuro.

Cristiano De André sul palco è accompagnato da:
Osvaldo Di Dio
Davide Pezzin
Davide Devito
Riccardo Di Paola

Informazioni extra
Apertura porte: 20.00 
Inizio spettacolo: 21.00

Disabili / Accompagnamento:
Venduti tramite organizzatore 
+41 (0)79 590 83 75
info@horangmusic.com

Promotori
Horang Music 
Riva Paradiso 2a 
6900 Paradiso 
www.horangmusic.com 
info@horangmusic.com 

LuogoPalazzo dei Congressi
Indirizzo / ViaPiazza Indipendenza 4, Lugano
Prezzo71 CHF
Sito webVai al sito
PrevenditaAcquista biglietti su https://biglietteria.ch/?order=4255
1 Year celebration Project K&M
Palapenz , Chiasso
21.00

1 Year celebration Project K&M in collaboration with Gin Bisbino, Amaro Generoso, Birra Tognola. 

Bevi Ticinese 

more info on our social 

LuogoPalapenz
Indirizzo / ViaChiasso
Info0798968763
Prezzo15 CHF
Facebook Vai al link di facebook
PrevenditaAcquista biglietti su Ticketcorner
20 anni Parco di Maia
Parco del Bosco di Maia ad Arcegno, Losone
14.00

Sabato 4 maggio 2019 si festeggia il Parco di Maia con tre escursioni tematiche a scelta per esplorare la natura incontaminata del Ticino. I percorsi inizieranno alle 14:00 presso il Prato delle Streghe e termineranno verso le 16:00 con un aperitivo nella medesima radura. 

Le passeggiate guidate sono gratuite e ognuna approfondisce un tema diverso. Un’escursione è dedicata al bosco, una alla geologia per scoprire i segreti delle rocce glaciali e preistoriche, e un’ultima è pensata per i bambini e ragazzi. È possibile iscriversi a scelta a uno dei percorsi, scrivendo entro lunedì 29 aprile 2019 a comunicazione@losone.ch (eventualmente telefonando allo 091 785 76 29).

In caso di forte pioggia l'evento è rimandato a domenica 5 maggio 2019. Per informazioni chiamare il 1600.

LuogoParco del Bosco di Maia ad Arcegno
Indirizzo / ViaVia Enrico Pestalozzi, Losone
Info0917857629
EtàPer tutti
Sito webVai al sito
Mostra Eric Walsky: Genuine Paintings alla Wolf Gallery Locarno
Wolf Gallery, Locarno
Ore 20

Eric Walsky – Genuine Paintings

Dipinti dell'ex-giocatore HC Lugano

23.4.–18.5.2019

Eric Walsky è originario dell'Alaska e ha giocato per l’HC Lugano e altre squadre in Svizzera e negli Stati Uniti, ma smonta tutti gli stereotipi sul giocatore professionista di hockey. Il poliedrico svizzero-americano non solo ha studiato filosofia e storia dell'arte, ma ha anche una laurea in sociologia. Eric Walsky si è anche fatto un nome come scultore e pittore, già prima della sua ritirata per infortunio nel 2018. 

Ora una mostra nella Wolf Gallery Locarno rende possibile l'incontro con le opere di Walsky. I dipinti, spesso di grande formato, si svolgono con gesti grezzi e determinati. I temi di fondo sono "equilibrio" e "tensione", sia sotto forma di costruzioni tecniche o di radicali astrazioni di colore. Si viene direttamente indirizzato emotivamente, più sottili vedute vengono in seguito alla luce. Eric Walsky ci permette di capire la dicotomia che sta alla base delle cose e di noi stessi - tutto è complesso, ma semplice.

 

Wolf Gallery Locarno

Via Balestra 1a

Martedi-Venerdi 12.00-18.30

Sabato 10.00-16.00

 

www.wolfgallery.ch 

LuogoWolf Gallery
Indirizzo / ViaVia Balestra 1a, Locarno
PeriodoDal 23.04.2019 al 18.05.2019
GiorniMa Me Gi Ve Sa
Info0797447536
EtàPer adulti
Sito webVai al sito
Facebook Vai al link di facebook
Aurora Ghielmini - Sogni di luce e d'ombra
Sala del Torchio, Balerna
Ore 14-18

Esposizione personale di dipinti in tecnica mista

Una personale in cui segno e colori, da netti e precisi quasi come calligrammi, si spostano e sfrangiano progressivamente verso i connotati del sogno e della visione, e da esteriori si ripiegano nell'interiorità.

LuogoSala del Torchio
Indirizzo / Viavia Carlo Silva 2, Balerna
PeriodoDal 14.04.2019 al 05.05.2019
GiorniTutti i giorni
EtàPer tutti
Sito webVai al sito
Facebook Vai al link di facebook
PUPPY CLASS
Mendrisiotto, Mendrisio
10.00

...!!!PUPPY CLASS In Partenza!!!

Incontri:

Sabato 13.04.2019 Dalle 10:00 Alle 11:30
Sabato 20.04.2019 Dalle 10:00 Alle 11:30
Sabato 27.04.2019 Dalle 10:00 Alle 11:30
Sabato 04.05.2019 Dalle 10:00 Alle 11:30
Sabato 11.05.2019 Dalle 10:00 Alle 11:30
Sabato 18.05.2019 Dalle 10:00 Alle 11:30

Cuccioliiiii...Vi Aspettiamo!!!

Per Info e Iscrizioni:

+41796950500/sorridi.con.la.coda@gmail.com

TEAM Sorridi Con La Coda

LuogoMendrisiotto
Indirizzo / Via-, Mendrisio
PeriodoDal 13.04.2019 al 18.05.2019
GiorniSa
Prezzo200 CHF
EtàPer tutti
Facebook Vai al link di facebook
JUNIOR CLASS
Mendrisio
13.00

JUNIOR CLASS in partenza

Incontri:

Sabato 13.04.2019 Dalle 13:00 Alle 14:30
Sabato 20.04.2019 Dalle 13:00 Alle 14:30
Sabato 27.04.2019 Dalle 13:00 Alle 14:30
Sabato 04.05.2019 Dalle 13:00 Alle 14:30
Sabato 11.05.2019 Dalle 13:00 Alle 14:30
Sabato 18.05.2019 Dalle 13:00 Alle 14:30

Per Info e Iscrizioni: +41796950500 sorridi.con.la.coda@gmail.com

TEAM Sorridi Con La Coda

Indirizzo / Via-, Mendrisio
PeriodoDal 13.04.2019 al 18.05.2019
GiorniSa
Prezzo200 CHF
EtàPer tutti
Facebook Vai al link di facebook
ADULT CLASS
MENDRISIOTTO, Mendrisio
15.00

ADULT CLASS in partenza!!!

Incontri:

Sabato 13.04.2019 Dalle 15:00 Alle 16:30
Sabato 20.04.2019 Dalle 15:00 Alle 16:30
Sabato 27.04.2019 Dalle 15:00 Alle 16:30
Sabato 04.05.2019 Dalle 15:00 Alle 16:30
Sabato 11.05.2019 Dalle 15:00 Alle 16:30
Sabato 18.05.2019 Dalle 15:00 Alle 16:30

Per Info e Iscrizioni: +41796950500/sorridi.con.la.coda@gmail.com

TEAM Sorridi Con La Coda 

LuogoMENDRISIOTTO
Indirizzo / Via-, Mendrisio
PeriodoDal 13.04.2019 al 18.05.2019
GiorniSa
Prezzo200 CHF
EtàPer tutti
Facebook Vai al link di facebook
Opere di Franco Fanelli in mostra
Porticato della Biblioteca Salita dei Frati, Lugano
18.00

La stagione espositiva 2019 dell’Associazione Amici dell’Atelier Calcografico (AAAC) di Novazzano si apre con una mostra dedicata a Franco Fanelli, figura di spicco nel panorama dell’incisione contemporanea. Nel Porticato della Biblioteca Salita dei Frati a Lugano l’artista piemontese, nato a Rivoli nel 1959, presenterà 27 opere, sei delle quali inedite, eseguite con le differenti tecniche proprie alla tradizione incisoria – dall’acquaforte alla puntasecca, dal bulino all’acquatinta e alla vernice molle. L’esposizione si inaugura alla presenza dell’artista sabato 13 aprile alle ore 18.00 e si chiuderà sabato 18 maggio.

La mostra primaverile proposta dall’Associazione Amici dell’Atelier Calcografico (AAAC) di Novazzano è dedicata all’artista Franco Fanelli, tra i principali incisori italiani contemporanei. L’esposizione si terrà, come di consueto, nel Porticato della Biblioteca Salita dei Frati a Lugano, da anni sede deputata e rinomata per la presentazione della stampa d’arte svizzera e internazionale. Tra le opere in mostra figura l’incisione n. 104 edita dall’AAAC, Litofania (2018), realizzata da Franco Fanelli appositamente per i membri dell’Associazione e stampata nell’atelier calcografico di Gianstefano Galli a Novazzano.

La mostra presenta in sintesi i temi fondanti della produzione di Fanelli, improntata a una visione dell’incisione calcografica come “atto scultoreo”, di scavo e abrasione delle matrici. Riferimenti alla tradizione incisoria ed elementi di ispirazione archeologica, architettonica e letteraria si fondono in un gioco di ibridazione, osmosi e stratificazione che affascina per la potenza e la visionarietà delle immagini, e al tempo stesso per la loro raffinatezza. Cronologicamente, la mostra si apre con alcuni rari fogli della metà degli anni Ottanta: ...Per fretum frebris, ispirata a una poesia di John Donne, oppure Sentinel, raramente esposta, e L'abitatore del buio, tappe di viaggi immaginari in geografie fantastiche.

Tra i campi in cui si esplica la ricerca di Fanelli vi è l’“archeogeologia", che costituisce una delle sue principali “ossessioni tematiche”. L’autore vi fa confluire la sua passione per le epoche di transizione – il tardo Impero romano o l’autunno del Manierismo – e per le diverse temporalità delle metamorfosi: dalle catastrofi generatrici di morfologie preistoriche alla lenta consunzione delle memorie architettoniche, anche attraverso il loro “ritorno” alla primarietà geologica da cui sono state generate. Appare esemplare, in tal senso, la tormentata erosione della cava in cui è ambientato Il sogno dell’archeologo, opera del 2010-11 inclusa in mostra, dalle cui pareti emergono le stratificate testimonianze di una civiltà antica.

Il tema della metamorfosi è tuttavia già presente nelle opere che cronologicamente aprono la mostra: vi appartengono i paesaggi “ipogei” de Il sogno di Gordon Pym (1985) e Cumana (1987-88), una testa di balena megattera che si tramuta in scudo e caotico emblema.

Talora il reperto archeologico assume forma simbolica, unendosi a presenze zoologiche, come in Urna cinocefala (2005), in cui un vaso rinascimentale è sormontato da un babbuino. Ancora babbuini, scimmie che per l'autore esemplificano il concetto di ibridazione a lui molto caro (primati che hanno morfologia canina) diventano elementi ornamentali di vasi antichi o autonome presenze (come nella monumentale Baboon).

Poeti di epoche diverse (Luigi Tansillo, John Donne, Paul Celan), filosofi e visionari (da Giordano Bruno e Tommaso Campanella a Louis-Auguste Blanqui) ispirano alcune opere più recenti, come il libro d’artista Polvere, sassi, oli (con versi di Alberto Toni, pubblicato da Il Bulino di Roma nel 2012), il trittico di grandi acqueforti ottenuto da tre angolature diverse di uno stesso minerale, e la Litofania concepita appositamente per questa mostra, laddove una pietra assume forma di cuore. Giovanni Battista Piranesi, che con Hercules Seghers è uno dei modelli ideali di Fanelli, si riaffaccia invece in un’incisione del 2019, Campo dei miracoli, dedicata all’amatissima Roma.

Nota biografica

Nato nel 1959 a Rivoli, Franco Fanelli studia Lettere all’Università di Torino, laureandosi con una tesi in storia dell’arte. Vive e lavora a Torino, dove dal 1987 è titolare della prestigiosa cattedra di Tecniche dell’Incisione presso l’Accademia Albertina di Belle Arti. Il suo articolato percorso espositivo, iniziato nel 1984, è segnato dalla partecipazione ad alcune fra le più importanti rassegne dedicate all’incisione. Fra le personali più recenti, si segnalano quelle alla Galleria Simone Aleandri Arte Moderna di Roma (2012), alla Galleria Carte d’Arte di Catania (2013), all’Istituto Centrale per la Grafica di Roma (2016), al cui catalogo si rimanda anche per l’antologia critica, e alla Fondazione Federica Galli di Milano (2018). Sue opere sono in collezione presso la Galleria Civica d’Arte Moderna e Contemporanea e il Museo Internazionale di Arti Applicate di Torino, il Museum of Modern Art di New York, il Museo d’arte contemporanea “Villa Croce” di Genova e l’Istituto Centrale per la Grafica di Roma. All’attività artistica e di docenza affianca quella in campo giornalistico, quale vicedirettore de Il Giornale dell’arte e curatore della rivista Vernissage. È autore di numerosi saggi critici e di monografie dedicati ad artisti moderni e contemporanei.

Titolo della mostra

Incisioni di Franco Fanelli 

Inaugurazione
Sabato 13 aprile 2019, ore 18.00, alla presenza dell’artista, seguirà un rinfresco

Chiusura
Sabato 18 maggio 2019, ore 12.00

Sede
Porticato della Biblioteca Salita dei Frati, Lugano, Salita dei Frati 4 A, CH-6900 Lugano

Orari
Mercoledì, giovedì e venerdì: 14 – 18 / Sabato: 9 – 12

Entrata
Gratuita

Organizzazione
Associazione Amici dell’Atelier Calcografico (AAAC), Novazzano
in collaborazione con l’Associazione Biblioteca Salita dei Frati, Lugano

Contatti e informazioni
Associazione Amici dell’Atelier Calcografico, Via Torraccia 3, CH-6883 Novazzano
Per il Comitato AAAC, Anita Guglielmetti, 0041 (0)79 835 42 65
e-mail: aaacnovazzano@gmail.com; sito web: www.aaac-ticino.ch

 

LuogoPorticato della Biblioteca Salita dei Frati
Indirizzo / ViaSalita dei Frati 4 A, Lugano
PeriodoDal 13.04.2019 al 18.05.2019
GiorniMe Gi Ve Sa
Info0798354265
EtàPer tutti
Sito webVai al sito
Into the Pink, la nuova mostra a cura di Artrust dal 1 aprile a Melano (CH)
Artrust , Melano
14.00

Into the Pink, la nuova mostra a cura di Artrust dal 1 aprile a Melano 

Il prossimo 1 aprile apre al pubblico, presso gli spazi espositivi di Artrust a Melano, Into the Pink, mostra d’arte collettiva curata dalla galleria ticinese. Protagonista unico della mostra il colore rosa, in tutte le sue declinazioni. Il visitatore potrà all’interno dell’allestimento compiere un viaggio alla scoperta delle molteplici applicazioni di questo colore nell’arte moderna e contemporanea, in epoche e stili differenti. 

«Visitare questa mostra sarà come leggere un breve manuale di storia dell’arte contemporanea indossando un paio di lenti rosa. ­­–  afferma Patrizia Cattaneo Moresi, Direttrice di Artrust SA – È un’immersione in questo colore, per esplorarne le sue infinite declinazioni artistiche. Un colore che porta con sé tanti significati, e anche tante contraddizioni, che ha rivestito e riveste un ruolo importante nella storia dell’arte. E forse non solo in quella, considerato che recenti scoperte scientifiche lo indicano come il pigmento delle prime forme di vita sulla terra: sembra, infatti, che i primi batteri a fare la loro comparsa sul nostro pianeta fossero rosa». 

Le opere in mostra permettono di esplorare l’utilizzo del rosa nel paesaggio, nella figura, nel nudo, passando dalle riproduzioni realistiche a quelle espressioniste, dalle visioni impressioniste sino a quelle puramente astratte.

In dialogo tra loro artisti di movimenti, stili, epoche distanti e differenti: si va da Castelli a Le Corbusier e Legér, dagli esponenti del gruppo CoBrA a quelli del gruppo Rot Blau, dai Nouveau Réalistes Tinguely, Spoerri e Niki De Saint Phalle, al re della Pop Art Andy Warhol, per arrivare fino alla Street Art con le opere di Banksy.

La mostra, a ingresso gratuito, sarà aperta al pubblico fino al 29 giugno, dal lunedì al sabato, dalle 14.00 alle 18.00.

 Opere di: Banksy | Blade | Bernard Buffet | Alexandre Calder | Paul Camenisch | Luciano Castelli | Robert Combas | Mario Comensoli | Corneille | Niki De Saint Phalle | Christian Esctal | Fang-Xing Chen | François Gall | Claude Gilli | André Lanskoy | Charle Lapicque | Le Corbusier | Fernand Léger | Carl Walter Liner | Marino Marini | André Masson | Albert Müller | Gen Paul | Quik | A.R. Penck | Raul33 | Ravo | Walter Ropele | Daniel Spoerri | Jean Tinguely | Italo Valenti | Ting Walasse | Andy Warhol | Waner | Peter Wiederkehr

 

 

LuogoArtrust
Indirizzo / ViaVia Pedemonte di sopra, 1, Melano
PeriodoDal 01.04.2019 al 29.06.2019
GiorniLu Ma Me Gi Ve Sa
Info41916493336
EtàPer tutti
Sito webVai al sito
Facebook Vai al link di facebook
Dario Bianchi - dipinti 2012-2018
Galleria Job, Giubiasco
Ore 11

Inaugurazione della mostra di Dario Bianchi - Dipinti 2012-2018
Presentazione di Maria Will. Seguirà rinfresco all’aperto.
 
La mostra:
A tutta prima, la pittura di Dario Bianchi potrebbe apparire facile, di una innocua facilità. Salvo che, subito, l'impressione iniziale lascia il posto ad una irresistibile, curiosa fascinazione. Infatti, il naturalismo sotto la cui etichetta dapprincipio sembrava esaurirsi il significato dei dipinti di Dario Bianchi si rivela venato di sommovimenti, di attraversamenti che si fanno via via più palesi all'osservazione e che rimandano interrogativi, la cui eco perdura a lungo. Prospettive sottilmente bizzarre – 'roteanti' si direbbe – e che molto spesso si moltiplicano all'interno di una stessa immagine, simili ad un gioco di scatole cinesi; inquadrature dai tagli risoluti che insieme alla fluidità della pennellata imprimono grande dinamismo alla composizione; il tutto messo al servizio di uno sguardo sul visibile – o, se vogliamo, sulla realtà – né scontato né immediato. Complesso fino al punto di disorientare, invece, e, si sottolinea, mediato: studiato cioè attraverso immagini già esistenti, 'trovate' dall'artista sullo sprone della sua insaziabile sete di 'vedere'.
Nella fedeltà ad una linea di ricerca figurativa e intimista di lunga tradizione – alternativa e ai margini, nei decenni, rispetto alle ridondanti tendenze alla moda – Dario Bianchi si è fatto interprete di una schietta esperienza sensuale della pittura, che, all'intorno, trova davvero pochi paragoni.
Maria Will.
                                              
La mostra rimarrà aperta fino al 4 maggio 2018
Lunedì-venerdì 08.45-11.00/13.45-18.30, sabato 08.45-12.00/13.45-17.00
Entrata libera o su appuntamento

LuogoGalleria Job
Indirizzo / ViaVia Borghetto 10 , Giubiasco
PeriodoDal 16.03.2019 al 04.05.2019
GiorniSa
EtàPer tutti
Sito webVai al sito
Sfogliare la vita - Un approccio alla scrittura di sé
la Soffitta del Libro, Ludiano
16.00

Percorriamo alcune tappe della nostra vita grazie a sollecitazione di scrittura mirate. Raccontiamoci con l’aiuto di simboli, icastica o letteratura, tessendo pazientemente la trama dell’io. Impariamo a riportare alla luce eventi o aspetti di noi e del nostro vissuto, che ci permettono di riappropriarci della nostra storia. Traduciamo su pagina ricordi, desideri, emozioni.

Sintonizziamoci sull’ascolto interiore e prestiamo attenzione alle storie degli altri. Condividendo gli scritti creiamo una dinamica di gruppo propizia all’esplorazione.

Un percorso senza affanni, con esercizi adatti anche a chi non ha mai scritto. Il programma è incentrato sui contenuti, non si apprendono tecniche di narrazione. La scrittura si fa strumento di sviluppo personale e di cura di sé.
Cinque incontri condotti da Manuela Bonfanti Bozzini e Daniela Abruzzi, esperte in metodologie autobiografiche alla Libera Università dell’Autobiografia di Anghiari (I)*.

Programma:

  • 26 GENNAIO 2019:     Giocare con i simboli
  • 23 FEBBRAIO 2019:    Raccontarsi
  • 23 MARZO 2019:         Trama e ordito
  • 27 APRILE 2019:          La realtà tramite le immagini
  • 25 MAGGIO 2019:        Letteratura specchio dell’io

Un percorso di 15 ore, il sabato dalle ore 16. 

Gruppo:  dagli 8 ai 15 partecipanti. Non è richiesta alcuna competenza particolare in scrittura.

Iscrizioni: a liberaillibroserravalle@bluewin.ch entro il 15.12.2018 (iscrizioni accettate in ordine di arrivo).

Investimento:      270 Fr. Riduzione a partire da 10 partecipanti

Informazioni:      sulla pagina www.fb.me/narrarsi

Materiale necessario:    carta e penna.

 *La Libera Università dell’Autobiografia (www.lua.it) è organismo di formazione per adulti riconosciuto dal Ministero Istruzione Università Ricerca italiano.

Luogola Soffitta del Libro
Indirizzo / Viaex casa comunale, Ludiano
PeriodoDal 26.01.2019 al 25.05.2019
GiorniSa
Info0766791073
Prezzo270 CHF
EtàPer adulti
Sito webVai al sito
Facebook Vai al link di facebook
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-04-18 15:09:59 | 91.208.130.86