LIVE - CONCLUSO
BERNA

«Se tutti ci vaccinassimo, si porrebbe fine alla pandemia in otto settimane»

Misure, varianti, vaccini e vacanze. Segui in diretta l'appunto con il consueto info point della Task Force scientifica

Il vaccino divide e la campagna di immunizzazione va a rilento. Gli esperti e il Governo federale, a tal proposito, continuano a sollecitare coloro che ancora non si sono vaccinati, in particolare le categorie a rischio (già a partire dagli over 50).

Diverso è il passo che tiene la pandemia, di nuovo lanciata verso l'alto con il favore della variante Delta e delle vacanze, che stanno producendo molti "positivi di rientro". 

Ci sono infine le pressioni del mondo politico (e non solo) per l'avvio della terza fase del piano stabilito dal Governo, quella di "normalizzazione", che segnerebbe la fine delle misure anti-Covid, invitando alla responsabilità del singolo cittadino. 

Di questo e altri temi si occuperà la Task Force scientifica nel suo consueto info point settimanale da Berna.

Presenti sono: 

  • Virginie Masserey, responsabile della Sezione malattie infettive dell'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP).
  • Linda Nartey, medico cantonale del Canton Berna e vicepresidente dell'Associazione dei medici cantonali.
  • Martin Ackermann, capo della Task Force scientifica sul Covid della Confederazione.
14:51

Raggiunto in autunno il 70% di vaccinati avremo superato lo scoglio?

 

Ackermann: «L'ulteriore decorso della pandemia e il numero di ricoveri ospedalieri dipendono in modo decisivo dalla percentuale di over 50 non ancora immuni».

14:45

Tutti quelli che volevano vaccinarsi non l'hanno ancora fatto?

 

«Non abbiamo ancora raggiunto questo traguardo - sottolinea Masserey -. Ad esempio, ci sono coloro che stanno aspettando la fine delle vacanze. Il Consiglio federale deciderà a breve quando si passerà alla fase di normalizzazione. Ma la normalizzazione non è ancora arrivata».

14:42

Perché l'UFSP non pubblica dati sui contagi e decessi nelle persone che sono state vaccinate?

 

Masserey: «L'UFSP, una volta alla settimana, pubblica i numeri sui contagi tra le persone vaccinate. Dalle cifre in nostro possesso, attualmente possiamo dire che la possibilità di essere nuovamente contagiati da vaccinati rappresenta un'eccezione».

14:39

Periodo di validità dei vaccini?

 

Masserey: «Hanno una durata di quattro-sei mesi. Una parte potrebbe essere utilizzata anche per le terze dosi».

14:37

Validità del certificato? Potrebbe essere superiore a sei mesi?

 

Masserey: «Qualsiasi adattamento del certificato dipende dalle linee guida dell'UE».

14:32

Può essere giustificata l'obbligatorietà per la vaccinazione?

 

Ackermann: «Stiamo osservando quante persone non sono ancora state vaccinate. Per altre malattie infettive, la copertura vaccinale è relativamente più alta. Supponiamo quindi che ci sia ancora del potenziale. Ma non stiamo parlando obbligatorietà».

14:30

Cosa ne pensa della terza dose? 

 

Ackermann: «Queste vaccinazioni sono particolarmente adatte per le persone che sono state vaccinate molto tempo fa».

14:29

È il momento delle domande

14:24

«Stagnamo da luglio» - Stando a Martin Ackermann, da maggio e giugno sono state vaccinate più persone in Svizzera che in altri paesi europei. Ma la campagna di vaccinazione stagna da luglio. «In Gran Bretagna e Spagna sono stati immunizzati molti più giovani, questo perché la gente è stata contattata singolarmente e informata sui vantaggi e gli svantaggi dei vaccini. Così si possono convincere gli indecisi».  «Se tutti ci vaccinassimo, si porrebbe fine alla pandemia in otto settimane. Al momento tre milioni di persone non sono immuni in Svizzera».

14:19

Maggior copertura vaccinale - Secondo Linda Nartey è necessaria una maggiore copertura vaccinale. «La vaccinazione - sottolinea - è ancora la misura più importante ed efficace per combattere la pandemia». «Nei Cantoni - prosegue - si continuano a compiere grandi sforzi per promuovere la campagna vaccinale. I casi gravi tra coloro che sono immunizati sono quasi nulli».

14:14

Vacanze e positivi - «Durante le vacanze a volte ci si lascia un po' andare. Consigliamo a tutti di sottoporsi al test quando tornano dalle vacanze», prosegue Masserey. «Abbiamo integrato questo invito nella nostra campagna informativa».

14:09

«Dosi in abbondanza» - Finora sono state somministrate 9 milioni di dosi di vaccino. «Stiamo assistendo a un rallentamento della campagna vaccinale. Chiunque lo desideri potrebbe farsi immunizzare ora, sottolinea Masserey -. Abbiamo abbastanza dosi. Se la domanda non aumenta, la produzione verrà ridotta», ha aggiunto ricordando infine che chi non si vaccina contro il Covid «prima o poi si infetterà».

14:06

Impennata con meno infezioni - «La variante Delta ha portato a un aumento delle infezioni - esordisce Virginie Masserey -. Ma grazie alla vaccinazione ci sono meno ricoveri ospedalieri rispetto alla seconda ondata».

14:03
screenshot

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-26 07:40:29 | 91.208.130.85