Immobili
Veicoli

TI.MAMMEStop alla noia dei bimbi al ristorante

07.06.22 - 09:27
Qualche accorgimento per evitare che i piccoli si annoino e esplodano in capricci
Deposit
Stop alla noia dei bimbi al ristorante
Qualche accorgimento per evitare che i piccoli si annoino e esplodano in capricci

I bambini che si rincorrono tra i tavoli di un ristorante tra risate e gridolini fanno allegria, è vero, ma solo per un minuto, perché quando la loro vivacità si protrae, diventa un concentrato di schiamazzi ed urti ai tavoli molto fastidioso. C’è poco da giustificarli perché non è gradevole per tutti gli altri avventori del locale costretti a dialoghi interrotti da urla, strepiti e confusione creati anche da pargoli annoiati che, seppur seduti a tavola manifestano tutto il proprio disagio a suon di capricci. Inutile dire che la «colpa» di questi atteggiamenti è dei genitori che, immersi nel proprio momento di svago, non si sprecano a rendere la presenza dei propri figli gradevole per tutti e li lasciano scorrazzare liberamente o li ignorano mentre si disperano nella noia che li assale dopo aver mangiato quattro forchettate di pasta o tre patatine fritte ed un boccone di carne. Non è colpa loro, povere creature!

D’accordo, non saranno educatissimi, però essere costretti a stare su una sedia con i piedini che nemmeno toccano terra, senza sapere cosa fare, mentre mamma e papà chiacchierano con amici e parenti, snerverebbe chiunque, ammettiamolo. E allora come rendere piacevole anche ai più piccoli un pranzo o una cena al ristorante? Avere dei figli piccoli non deve essere per i genitori la condanna a rinunciare anche solo ad una pizza fuori casa, l’importante è organizzarsi affinché quell’evento sia piacevole per tutti, pargoli compresi. Considerato che il tedio è sempre in agguato tra i bambini e che il loro livello di sopportazione in luoghi estranei e privi delle loro comfort zone può essere molto basso, bisogna dotarsi di qualche rimedio. Un libro con gli adesivi è un ottimo espediente per intrattenere i più piccoli, così come i blocchi pieni di disegni da colorare, che possono anche essere scaricati da internet.

Giochini poco ingombranti, come bambole e macchinine o anche costruzioni, possono intrattenere i pargoli mentre gli adulti chiacchierano e mangiano, così come i libri ed i kit di lavoretti creativi. Per i più grandicelli, invece, ci sono le raccolte enigmistiche con labirinti e cruciverba oppure albi illustrati e libri sensoriali. I primi possono essere anche privi di parole e ricchi di immagini permettendo ai bambini di inventare personalmente una storia, superando così il fatto di non saper ancora leggere. Se al ristorante si è soli con il proprio pargolo, invece, si può ingannare il tempo di attesa del servizio, inventando qualche passatempo divertente da fare insieme. Il nascondino degli oggetti sul tavolo, per esempio, da fare chiedendo al piccolo di chiudere gli occhi mentre si nasconde un oggetto di quelli presenti sul tavolo per poi chiedergli quale manchi.

TMT (ti.mamme team)

Seguici anche su Facebook e Instagram