Immobili
Veicoli

TI.MAMMEGattonare senza paura quando la casa è sicura

07.05.22 - 08:00
Detersivi e medicinali sono tra i pericoli maggiori per i piccoli
Deposit
TI.MAMME
07.05.22 - 08:00
Gattonare senza paura quando la casa è sicura
Detersivi e medicinali sono tra i pericoli maggiori per i piccoli

La crescita di ogni bambino è accompagnata da un proporzionale stato di allerta nella mente dei genitori che devono ricordarsi di evitare qualsiasi situazione di rischio per la loro creatura. Un impegno costante che caratterizza le giornate impegnando mamma e papà nell’esclusione di ogni pericolo dalla strada del pargolo intento a soddisfare la propria curiosità e a fare tutte le nuove esperienze anche sensoriali che lo aiutano a crescere. Ed è l’istante in cui i bimbi iniziano a gattonare che scatta il level pro del sistema di sicurezza domestica. Cassetti, sportelli e porte diventano i primi elementi da bloccare per evitare che qualche ditino rimanga schiacciato o che oggetti pericolosi finiscano tra le manine sante del piccolo esploratore, mentre gli spigoli vengono coperti per scongiurare bernoccoli.

Paraspigoli e porta ante sono la soluzione commerciale più immediata, ma se si vuole lasciare ogni sportello della propria casa libero all’accesso senza cimentarsi in un rituale di scassinamento per aprirlo, bisogna organizzarsi diversamente. Gli elementi più pericolosi e più attraenti per i bambini sono, indubbiamente, i prodotti per la pulizia: detersivi, disinfettanti, shampoo e bagnoschiuma con le loro confezioni colorate e dalle forme curiose richiamano l’attenzione dei piccoli, stranamente abili ad aprire anche le chiusure di sicurezza dei flaconi che solitamente fanno disperare gli adulti. Riporre detersivi e farmaci lontano dalla portata dei bambini – come raccomandato su ogni confezione – è la trovata più logica. Un ripiano in alto, irraggiungibile dalla creatura curiosa anche quando riuscirà a mettersi in piedi, è un posto sicuro anche per quei prodotti che solitamente vengono sistemati sul bordo della vasca o sul piatto della doccia.

Un’alternativa coniuga praticità e facilità d’impiego: detersivi raggruppati dietro un unico sportello chiuso con un blocca anta con la spiegazione per il piccolo interdetto dall’impossibilità di aprirlo, che «lì dentro non si può toccare niente». A seconda del metodo educativo a suon di no adottato con i piccoli, si può anche optare per la soluzione pratica di una concentrazione di prodotti in un unico posto con il divieto per il nano curioso a toccarli. Un unico impedimento è più facile da apprendere ed accettare dai pargoli. La verità, però, è che non si può essere mai sicuri che il bambino davvero non tocchi e non si può essere sempre presenti alle sue azioni. Meglio tenere tutto sotto chiave o, comunque, in un luogo dove i piccoli non possano arrivare gattonando o iniziando a camminare, senza dimenticare che proprio come i furetti curiosi e temerari, i piccoli esploratori non ci metteranno molto ad arrampicarsi spavaldamente per raggiungere le alte vette del proprio interesse.

TMT (ti.mamme team)

Seguici anche su Facebook e Instagram