Segnala alla redazione
Fotolia
ULTIME NOTIZIE Storie di ossessioni
STORIE DI OSSESSIONI
10 mesi
L'obiettivo è proteggere, ma a volte i genitori generano ansia
Una donna spiega come le esperienze e i rapporti vissuti da piccola sotto il tetto familiare l'abbiano condizionata. Ora ha iniziato un percorso di psicoterapia cognitivo comportamentale
STORIE DI OSSESSIONI
10 mesi
Raffaele e la paura di essere felice, ecco la nuova fobia del 21esimo secolo
Si chiama cherofobia. Rifuggire la felicità per il timore che subito dopo possa accadere qualcosa di terrificante
Storie di ossessioni
11 mesi
Io, l'Alzheimer e... tanta solitudine
La storia di una donna che si è ritrovata a dover curare da sola il marito, e ha trovato sostegno negli incontri Caffè Alzheimer
LUGANO
11 mesi
Se mi lasci, muoio!
Un marito spiega la situazione che vive ogni giorno, quando la moglie si allontana anche solo per un attimo. Si tratta di disturbo d'ansia da separazione
LUGANO
1 anno
Le paure che non ti aspetti
Dalla paura per gli specchi a quella per le porte girevoli. Anche le star non sono immuni
LUGANO
1 anno
E se ci liberassimo dei nostri pregiudizi?
Eleonora ha dovuto dire ad un ragazzo eritreo che l'appartamento che voleva affittargli non era più disponibile. La risposta l'ha spiazzata
LUGANO
1 anno
L'anoressia è contagiosa?
Michelle ha 15 anni, e pesa 15 chili in meno del dovuto. Ora anche sua mamma ha perso peso. La parola dello psicoterapeuta
LUGANO
1 anno
L'allergia ai ricordi esiste, parola di psichiatra
Katiusha non riusciva ad elaborare una storia ormai finita da anni, e tra i sintomi presentava anche reazioni allergiche e pruriti
LUGANO
1 anno
Si può vivere con la fobia sociale?
Tra le persone che ne soffrono figurano anche attori famosi, come Robert de Niro e Jennifer Lawrence
LUGANO
1 anno
Amore ideale o amore reale?
La storia di Anna, che aveva idealizzato il suo ex ragazzo, e questo condizionava la sua vita. Grazie ad una terapia è riuscita a riappropriarsi della propria vita
LUGANO
1 anno
«Il lavoro stanca ma la disoccupazione uccide»
Mi chiamo Maurilio, ho 61 anni, 3 figli, una moglie e non ho più una vita
LUGANO
1 anno
«Per fortuna vado dallo psichiatra»
Roberto è riuscito a lavorare sui circuiti ansiosi che erano stati innescati dalla malattia del parente
LUGANO
1 anno
Mia figlia non è stupida, fa solo fatica a concentrarsi
Federica è affetta da un disturbo da deficit di attenzione. Se la diagnosi non è corretta, i bambini vengono accusati di poco impegno e svogliatezza
LUGANO
1 anno
«Mi distraggo facilmente, e perdo subito interesse»
Francesca soffre della sindrome da disattenzione e iperattività nell'adulto, caratterizzata dalla presenza di un affaccendamento importante dei pensieri che si sovrappongono
LUGANO
1 anno
Non datemi una cattiva notizia
Giovanni è ansioso, e pensa sempre al peggio. Ma non è l'unico
LUGANO
10.04.2017 - 07:000
Aggiornamento : 22.09.2017 - 10:17

«Dovevo lavarmi le mani 20 volte per sentirmi pulito»

Antonello è cresciuto con una mamma iperprotettiva e ligia al dovere. Ma oggi a 50 anni ne paga il prezzo

 

LUGANO - «Quan’ero piccolo mia madre mi diceva sempre che dovevo fare il bravo bambino. Dovevo sempre avere un contegno, non potevo mettere le mani scomposte, non dovevo sfiorare il pube con le mani…era peccato.

Mia madre era molto religiosa e ci teneva tantissimo a seguire tutte le funzioni.

Dovevo seguirle anch’io. Era più importante per i mei genitori che io andassi a messa, che seguissi tutte le attività della Chiesa, che pregassi mettendomi sempre in posizione di genuflessione, piuttosto che andare a giocare con gli altri bambini.

Prima il dovere e raramente il gioco, il divertimento.

Mia madre era molto normativa. Ho molto amato mia madre, ma forse l’educazione è stata troppo severa.

Mia madre mi ha amato tantissimo, ma non mi ha permesso di crescere da solo, di sbagliare e imparare.

Anticipava sempre lei ogni cosa: «devi fare così… è sbagliato fare in quel modo… stai attento quando esci…. non farmi fare brutte figure…» questo mi diceva.

Lo diceva per proteggermi, ma forse ha avuto l’effetto di non autonomizzarsi. Mio padre sembrava si fosse assimilato a lei, accettava quello che mia madre diceva. Non ho mai capito se lui ci teneva così tanto come la mamma alla religione, o se invece lo faceva per non contrastarla e non sviluppare dei conflitti». 

Così racconta Antonello la sua infanzia. Antonello, che oggi ha 50 anni, durante l’adolescenza ha iniziato a sentirsi dubbioso, insicuro, ad avere pensieri ruminanti.

Con molta difficoltà riuscì a terminare la scuola commerciale e iniziò anche a lavorare.

Dopo pochi mesi di lavoro sviluppò sempre più difficoltà relazionali, lavorative e sociali.

Al lavoro era molto più lento degli altri: per adempiere ad una mansione che i colleghi facevano in un’ora, lui ne metteva almeno due e nei mesi il rallentamento era diventato ancora più significativo ed anche gli atti della vita quotidiana cominciarono a rallentarsi.

La sua mente era colma di pensieri dubbiosi, di ruminazioni, di contraddizioni e per ridurre quest’ansia psichica iniziò a mettere in atto comportamenti compensatori.

Iniziò a lavarsi le mani sempre più spesso poiché i suoi pensieri gli dicevano che tutto ciò che toccava poteva essere contaminato.

Ogni cosa che toccava doveva essere poi compensata con innumerevoli lavaggi.

Iniziò ad associare alla paura della sporcizia e al lavaggio, il conteggio dei numeri.

Se non si lavava le mani almeno 20 volte non si sentiva pulito e se l’ultimo lavaggio non coincideva con un numero mentale multiplo di 3 doveva ricominciare tutto daccapo.

Non è stato aiutato in tempo!

Non è stato compresa la sua difficoltà!

È arrivato tardi in terapia!

Il disturbo ossessivo compulsivo si può curare, ma bisogna riconoscerlo e sapere chiedere sostegno subito.

Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-10-23 08:09:07 | 91.208.130.85