Immobili
Veicoli

UCRAINA: SEGUI IL LIVEIl freddo, i black out e i consiglieri di guerra iraniani: segui il LIVE

25.11.22 - 17:59
Il portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov: «Le parole di Zelensky dimostrano che l'Ucraina non è pronta a negoziare»
keystone-sda.ch (ALEXANDER SHCHERBAK / KREMLIN PO)
Il portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov: «Le parole di Zelensky dimostrano che l'Ucraina non è pronta a negoziare»

Proseguono gli scontri in Ucraina. La regione di Kherson è stata particolarmente presa di mira dai bombardamenti russi durante la giornata di ieri. Le forze armate di Kiev accusano Mosca di colpire deliberatamente i quartieri della città recentemente liberata. Sempre nell'oblast di Kherson sono invece stati ritrovati i resti di 432 civili uccisi durante l'occupazione russa e frettolosamente sotterrati. Un'ennesima fossa comune scoperta dai soldati ucraini. Dodici gruppi di procuratori stanno lavorando per documentare e indagare sui crimini di guerra russi nella regione.

17:58

A Kherson i morti sono 15
È salito a 15 morti e 35 feriti, tra cui un bambino, il bilancio degli attacchi russi nella città ucraina di Kherson. Lo ha annunciato il capo dell'Amministrazione militare Halyna Luhova, citata da Ukrinform. «Quindici residenti di Kherson sono stati uccisi e 35, compreso un bambino, sono rimasti feriti negli attacchi russi», ha precisato Luhova, sottolineando che oggi sono stati registrati 78 raid. Secondo la stessa fonte case private e condomini sono stati danneggiati dal massiccio attacco nemico di ieri con le autorità che hanno dovuto evacuare con urgenza 58 residenti di Kherson, compresi 22 bambini. (fonte ats)

17:48
keystone-sda.ch (ALEXANDER SHCHERBAK / KREMLIN PO)
17:45

Putin incontra Kadyrov
Il presidente russo Vladimir Putin ha in programma oggi un incontro con il comandante ceceno Ramzan Kadyrov. Lo ha annunciato il capo del Cremlino a una delegazione di madri di soldati russi impegnati in Ucraina. «Devo incontrare adesso Ramzan Akhmatovich, ho una riunione di lavoro con lui», ha detto Putin, citato dall'agenzia Ria Novosti. Il presidente russo ha anche accolto la richiesta di una delle madri, Zharadat Aguyeva, di portare i suoi saluti al comandante ceceno. Putin ha assicurato alle madri dei soldati che «la Russia raggiungerà i suoi obiettivi» in Ucraina. (fonte ats)

14:58

Troppi missili su Kherson, ospedali evacuati
I pazienti degli ospedali di Kherson vengono evacuati in altre città dell'Ucraina a causa dei sistematici bombardamenti russi contro la città. Lo annuncia il capo della regione Yaroslav Yanushevich su Telegram. Lo riporta Ukrainska Pravda. Secondo lui, i bambini che sono stati curati presso l'ospedale clinico regionale di Kherson sono stati trasferiti a Mykolaiv e anche i pazienti dell'istituto regionale psichiatrico sono stati evacuati e a Odessa verranno curate 100 persone. (fonte ats)

14:01

Energia, il 70% del fabbisogno ripristinato
Dopo l'ultimo attacco missilistico che ha colpito le infrastrutture in Ucraina, in tarda mattinata di oggi è stato erogato «oltre il 70%» del fabbisogno di energia del Paese. Lo riferiscono le autorità responsabili per l'erogazione dell'energia, citate da Unian. «Alle 11, i produttori di elettricità hanno fornito oltre il 70% del fabbisogno di consumo del Paese. Innanzitutto, l'energia è stata fornita alle infrastrutture critiche in tutte le aree: caldaie, stazioni di distribuzione del gas, servizi idrici, impianti di trattamento, il trasporto pubblico elettrico opera in alcune regioni», si sottolinea. (fonte ats)

13:55

Gli «eroi» che combattono in Ucraina
Il presidente russo Vladimir Putin ha definito «eroi» i soldati che combattono in Ucraina, durante un incontro avuto oggi con una delegazione di loro madri. Putin ha inoltre espresso le sue condoglianze alle madri dei caduti: «Condividiamo il dolore per coloro che hanno perso un figlio», ha detto, citato dall'agenzia Ria Novosti. (fonte ats)

13:35

Putin alle mamme: «Una festa con ansia e preoccupazione»
«Per voi che avete i figli nella zona di combattimento la festa della mamma è associata con un sentimento di ansia e preoccupazione». Lo ha detto il presidente russo Vladimir Putin incontrando una delegazione di madri di soldati impegnati nell'operazione militare in Ucraina, secondo quanto riferisce l'agenzia Ria Novosti. L'incontro è avvenuto alla vigilia della festa della mamma, che in Russia si celebra domani. (fonte ats)

13:34
keystone-sda.ch (Alexander Shcherbak)
13:33

Attacco russo sulla regione di Kherson, i morti salgono a 10
È salito a 10 morti e 54 feriti il bilancio dei bombardamenti russi di ieri sulla regione di Kherson: lo ha reso noto il governatore regionale Yaroslav Yanushevych, come riporta il Kyiv Independent. Mosca ha lanciato 49 attacchi ieri nel Kherson, ha precisato Yanushevych, colpendo edifici residenziali, un cantiere navale, aree scolastiche e condotte del gas. Le forze russe hanno attaccato anche le comunità di Zelenivka, Chornobaivka e Stepanivka, situate sulla riva occidentale del fiume Dnipro, da cui si sono ritirate all'inizio di novembre. (fonte ats)

13:22

«Milioni di persone in estremo disagio» per gli attacchi russi
Almeno 77 persone sono morte, e milioni di persone vivono in condizioni di estremo disagio, a causa degli attacchi russi lanciati da ottobre contro le infrastrutture civili ucraine: lo ha detto l'Alto Commissario per i Diritti umani dell'Onu, Volker Turk, come riporta il Guardian. Dall'inizio di ottobre, le forze russe hanno lanciato missili circa una volta alla settimana con l'obiettivo di distruggere la rete energetica ucraina, paralizzando la fornitura di energia elettrica e termica del Paese, ha affermato Turk. «Milioni di persone sono state ridotte in condizioni di estremo disagio e in condizioni di vita spaventose a causa di questi attacchi - ha detto -. Nel complesso, ciò solleva seri problemi ai sensi del diritto umanitario internazionale, che richiede un vantaggio militare concreto e diretto per ogni obiettivo attaccato». (fonte ats)

12:55

100 generatori francesi all'Ucraina
Il ministro degli Esteri francese Catherine Colonna ha affermato su twitter che il suo paese ha inviato 100 generatori in Ucraina per aiutare ad affrontare le conseguenze degli attacchi russi alle infrastrutture energetiche. Lo riportano i media ucraini. «Per aiutare la popolazione a resistere, la Francia sta inviando 100 potenti generatori in Ucraina, mentre la Russia vuole trasformare l'inverno in un'arma di guerra. 100 generatori francesi sono già in viaggio verso l'Ucraina. Ricordiamo che gli attacchi alle infrastrutture civili sono crimini di guerra», ha twittato Colonna. (fonte ats)

12:50

L'Ucraina acquisterà elettricità dall'Europa
L'Ucraina prevede di acquistare elettricità dall'Europa, una decisione che richiede un meccanismo speciale attualmente in fase di sviluppo: lo ha reso noto Volodymyr Kudrytskyi, presidente del consiglio di amministrazione di NEC Ukrenergo, il gestore della rete elettrica nazionale. Lo riporta Espreso tv. Ukrenergo, ha detto Kudrytskyi , offrirà l'opportunità d'importare elettricità dall'Europa per almeno 500 MW.
«Questo è importante per la nostra sicurezza. Il sistema energetico dell'Unione Europea è in grado di aiutarci nei momenti di bisogno e lo sta facendo. Per quanto riguarda le importazioni commerciali, è tecnicamente possibile, Ukrenergo prevede la possibilità di tali importazioni per una quantità di 500 MW e persino 600 MW. Sono necessari meccanismi speciali per garantire questa importazione, perché il prezzo dell'elettricità in Europa è più alto che in Ucraina», ha spiegato Kudrytskyi. (fonte ats)

12:28

Stoltenberg: «Ucraina diventerà membro Nato»
Sembra sempre più vicino l'ipotetico ingresso dell'Ucraina all'interno della Nato. Almeno stando a quanto comunicato dal suo segretario generale, Jens Stoltenberg, nel corso di una conferenza stampa a Bruxelles. Come riporta un’agenzia Adnkronos, Stoltenberg, riferendosi al paese aggredito, ha dichiarato: «Le porte della Nato sono aperte e lo abbiamo dimostrato, non solo a parole ma anche con i fatti». E ancora, «la Russia non ha un veto sull'ampliamento dell'Alleanza e spetta ai Paesi alleati decidere sull'adesione».

11:15
Keystone/Pool Sputnik Kremlin/AP (Alexei Nikolsky)
11:13

«Kiev non riconquisterà la Crimea»
La Russia esclude che l'Ucraina possa riconquistare la Crimea. Lo ha detto il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov, citato dalla Tass, rispondendo a quanto affermato dal presidente ucraino Volodymyr Zelensky. Le dichiarazioni del presidente ucraino Volodymyr Zelensky di volere riconquistare la Crimea sono una nuova prova che «Kiev non è pronta» a una soluzione negoziata, ha aggiunto Peskov. (fonte ats)

11:01

Londra chiede a Kiev di «mantenere lo slancio» durante l'inverno
Il ministro della Difesa britannico, Ben Wallace, ha esortato l'Ucraina a «mantenere la pressione e lo slancio» e a continuare gli attacchi contro le forze russe anche durante i mesi invernali. «Dato il vantaggio che gli ucraini hanno nell'addestramento e nella qualità del loro personale rispetto ai russi, che sono demoralizzati, poco addestrati e male equipaggiati, sarebbe nell'interesse dell'Ucraina mantenere lo slancio durante l'inverno», ha detto Wallace in un'intervista al giornale online statunitense The Daily Beast. (fonte ats)

11:00

Putin incontrerà le madri dei soldati inviati in Ucraina
Il presidente russo Vladimir Putin incontrerà oggi una delegazione delle madri dei soldati impegnati nell'operazione militare in Ucraina. Lo ha annunciato il portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov, sottolineando che si tratterà di una conversazione «libera», senza un programma prestabilito. L'incontro è stato organizzato alla vigilia della festa della mamma, che si celebra in Russia domani. (fonte ats)

10:38
keystone-sda.ch / STR (Albert Zawada)
10:38

Zelensky pronto a valutare la liberazione non militare della Crimea
Volodymyr Zelensky è pronto a prendere in considerazione opzioni per la liberazione non militare della Crimea, ma
esorta a non perdere tempo con soluzioni che non comportino la restituzione di tutti i territori occupati: lo ha detto lo stesso presidente ucraino in un'intervista al Financial Times pubblicata oggi. «Capisco che tutti sono confusi dalla situazione e da cosa succederà alla Crimea. Se qualcuno è pronto a offrirci una via per liberare la Crimea in modo non militare, non potrò che essere favorevole», ha detto Zelensky definendo il conflitto in corso una «guerra di forza e resilienza». (fonte ats)

10:24

Zelenska: «I blackout non sono la cosa peggiore»
«Abbiamo avuto così tante terribili sfide, visto così tante vittime, così tanta distruzione, che i blackout non sono la cosa peggiore che ci possa capitare». In un'intervista di quasi un'ora, registrata per la stagione annuale delle 100 donne della BBC, Olena Zelensky affronta l'ultima emergenza che l'Ucraina si trova a combattere: il freddo e il buio.
La moglie del presidente ucraino cita un recente sondaggio in cui il 90% degli ucraini ha affermato di essere pronto a vivere con la carenza di elettricità per due o tre anni se vedesse la prospettiva di aderire all'Unione europea. «Sai, è facile correre una maratona quando sai quanti chilometri ci sono», dice. Ma in questo caso, però, gli ucraini non conoscono la distanza che devono percorrere: «A volte può essere molto difficile, ma ci sono alcune nuove emozioni che ci aiutano a resistere». (fonte ats)

09:55

Kiev, una casa su due è senza luce
Il 50% delle abitazioni di Kiev è ancora senza luce, l'acqua è stata ripristinata dappertutto mentre un terzo delle case di Kiev è al momento stato raggiunto dal riscaldamento. È il punto della situazione stamattina nella capitale fatto dal sindaco della città Vitaliy Klitschko, ripreso da Ukrainska Pravda. Per quanto riguarda le comunicazioni mobili, il funzionamento delle reti di tutti gli operatori mobili dipende dall'alimentazione. Durante il giorno, si prevede di collegare l'elettricità a tutti i consumatori a turno, per tre ore. (fonte ats)
 
 

09:42

Esperti dell'Aiea in tutte le centrali ucraine
Esperti dell'Agenzia internazionale per l'energia atomica (Aiea) sono arrivati in tutte le centrali nucleari ucraine per fornire supporto e assistenza al personale: lo ha reso noto il direttore generale dell'agenzia, Rafael Grossi, in un videomessaggio pubblicato su Twitter. «Recentemente, l'Ucraina ha chiesto all'Aiea di fornire, oltre che a Zaporizhzhia, assistenza e supporto in loco a Rivne, Khmelnytskyi e Ucraina del Sud, e a Chernobyl. Questa assistenza è iniziata. Dobbiamo fare tutto il possibile per evitare che si verifichi un incidente nucleare in uno di questi impianti, che si aggiungerebbe solo alle terribili sofferenze di cui siamo già testimoni in Ucraina», ha detto Grossi. (fonte ats)

09:32

Pechino sulla guerra: «La priorità è il dialogo per raffreddare la situazione»
La posizione della Cina «è sempre stata chiara: abbiamo sempre attribuito importanza alla situazione umanitaria in Ucraina». La portavoce del ministero degli Esteri Mao Ning, in merito alla carenza di forniture di elettricità e riscaldamento in Ucraina e alla domanda se la Cina stia pensando di fornire aiuti a Kiev e di chiedere alla Russia di fermare gli attacchi alle strutture civili, ha affermato che Pechino ritiene «che sia la massima priorità raffreddare la situazione il prima possibile attraverso il dialogo e la negoziazione, che è il modo fondamentale per risolvere il problema». (fonte ats)

09:25

I riservisti russi «inviati a morire»
I riservisti russi non sono adeguatamente addestrati ed equipaggiati e un gran numero di loro ha perso la vita al fronte nel Donbass: lo scrive il ministero della Difesa britannico nel suo aggiornamento quotidiano dell'intelligence sulla situazione nel Paese. Il rapporto, pubblicato su Twitter, sottolinea inoltre che c'è ancora molta confusione sull'idoneità al servizio dei riservisti in quanto alcuni di loro soffrono di «gravi condizioni di salute croniche». È probabile, proseguono gli esperti britannici, che molti di loro siano morti mentre scavavano «ambiziosi» sistemi di trincee vicino alla città di Svatove, nella regione di Lugansk (est), sotto il fuoco dell'artiglieria pesante ucraina. Un gran numero di riservisti russi, inoltre, è stato ucciso in assalti frontali in aree ucraine ben difese vicino a Bakhmut, nella regione di Donetsk (est). In questo scenario, conclude l'intelligence, il Cremlino è probabilmente preoccupato perché un crescente numero di famiglie dei riservisti è pronto a rischiare l'arresto pur di protestare per le condizioni in cui versano i loro cari. (fonte ats)

09:10

Londra, pronto un nuovo pacchetto di aiuti per Kiev
Il ministro degli Esteri britannico James Cleverly è arrivato a Kiev ieri per incontrare la leadership ucraina e ha annunciato un nuovo pacchetto di aiuti al Paese. «Le parole non sono sufficienti. Le parole non terranno accese le luci quest'inverno. Le parole non serviranno a difenderci dai missili russi. Il Regno Unito non si limita a parlare dell'Ucraina, ma fornisce un sostegno concreto alla difesa dell'Ucraina. Grazie a Dmytro Kuleba per avermi accolto a Kiev», ha scritto Cleverly in un messaggio su Twitter pubblicato oggi e accompagnato da una foto con il suo omologo ucraino Kuleba. Cleverly, riporta la Bbc, ha affermato che il Regno Unito è «al fianco dell'Ucraina» e che l'attacco della Russia «fallirà». Il ministro ha anche annunciato un ulteriore pacchetto di assistenza all'Ucraina per tre milioni di sterline di finanziamenti destinato alla ricostruzione delle infrastrutture, come scuole e rifugi. Inoltre, Londra invierà a Kiev ambulanze e altri 11 veicoli di emergenza, tra cui sei veicoli blindati. (fonte ats)

09:00

Bombe russe su un ospedale a Zaporizhzhia
Un ospedale di Zaporizhzhia è stato danneggiato la notte scorsa da un attacco missilistico delle forze russe: lo riferisce su Telegram il governatore della regione, Oleksandr Starukh, come riporta il Guardian. «Il nemico ha nuovamente attaccato la periferia di Zaporizhzhia. Questa volta i missili sono caduti vicino all'ospedale. Fortunatamente le persone non sono rimaste ferite, ma non si può dire lo stesso dell'edificio. Decine di finestre rotte», ha precisato Starukh. (fonte ats)

08:42

Alimentazione ripristinata alla centrale di Zaporizhzhia
L'alimentazione esterna della centrale nucleare di Zaporizhzhia è stata ripristinata ieri: lo ha confermato il direttore generale dell'Agenzia internazionale per l'energia atomica (Aiea), Rafael Grossi, in un comunicato pubblicato sul sito dell'organizzazione. «L'energia esterna è stata ripristinata nella centrale nucleare ucraina di Zaporizhzhia un giorno dopo la perdita dell'accesso all'elettricità esterna», ha dichiarato Grossi. L'industria nucleare ucraina ha subito mercoledì la più grave perdita di energia esterna dall'inizio del conflitto, ha affermato Grossi, sottolineando la necessità di misure serie per prevenire il pericolo di un grave incidente nucleare. (fonte ats)

08:28

Forbes: «Mosca ha speso 82 miliardi per la guerra in Ucraina»
La Russia ha speso 82 miliardi di dollari, pari a un quarto del suo bilancio annuale, per la guerra in l'Ucraina dall'inizio dell'invasione il 24 febbraio scorso. E' la stima della rivista statunitense Forbes, secondo cui Mosca ha speso finora più di 5,5 miliardi di dollari solo per le forniture di artiglieria. I costi della guerra per la Russia stanno peraltro aumentando, mentre le sue risorse si stanno esaurendo, scrive la rivista che cita l'accordo con l'Iran per la fornitura di armi e un possibile accordo con la Corea del Nord. L'anno prossimo, il "conto della guerra" potrebbe diventare troppo alto, ritengono gli esperti di Forbes. La stima degli 82 miliardi di dollari, precisa il bisettimanale, rappresenta i costi militari diretti della Russia per i 9 mesi di guerra, ovvero include i costi necessari per sostenere le operazioni militari, ma non la spesa per la difesa stabile del Paese o le perdite legate all'economia. (fonte ats)

08:01

Oltre 15'000 persone scomparse dall'inizio della guerra
Oltre quindicimila persone sono scomparse in Ucraina dall'inizio dell'invasione russa il 24 febbraio scorso: lo ha reso noto un funzionario della Commissione internazionale per le persone scomparse (Icmp), come riporta l'agenzia di stampa Reuters sul suo sito web. Non è chiaro al momento quante persone siano state trasferite con la forza, siano detenute in Russia, siano vive e separate dai loro familiari o siano morte, ha precisato il direttore del programma dell'Icmp per l'Europa, Matthew Holliday. In ogni caso, la ricerca dei dispersi durerà anni, anche dopo la fine dei combattimenti, ha aggiunto Holliday sottolineando che la cifra di 15'000 è prudente se si considera che nella sola città portuale di Mariupol le autorità stimano fino a 25'000 persone morte o disperse. (fonte ats ans)

07:25

«Kherson, raid continui»
I rapporti sugli attacchi russi nell'oblast di Kherson arrivano «quasi ogni ora». Lo ha reso noto il presidente Volodymyr Zelensky, scrive il Kiev Independent. «Solo la liberazione della nostra terra con garanzie di sicurezza affidabili per l'Ucraina possono proteggere il nostro popolo da qualsiasi escalation da parte della Russia», ha affermato Zelensky nel suo messaggio. Il governatore regionale Yaroslav Yanushevych ha intanto fatto sapere che è salito a sette il numero dei morti dopo i bombardamenti russi di ieri su Kherson. (fonte ats)

07:19
AFP
07:19

Zelensky: «Le nostre truppe sono pronte ad andare avanti»
Il presidente dell'Ucraina, Volodymyr Zelensky ha affermato che l'esercito ucraino si sta preparando ad andare avanti in alcune direzioni. «La situazione in prima linea è stata esaminata molto attentamente e in dettaglio. Non importa quanto sia difficile, manteniamo punti chiave in tutte le direzioni. I nostri ragazzi si stanno difendendo coraggiosamente. E ci sono direzioni in cui ci stiamo preparando a andare avanti», ha detto il presidente nel suo consueto discorso serale, riporta Unian. (fonte ats)