Immobili
Veicoli

UCRAINA: SEGUI IL LIVEUn altro giorno di guerra: segui il live

07.07.22 - 07:17
L'ex presidente russo gioca di sponda sulle annunciate dimissioni di Boris Johnson per dileggiare l'Ucraina
REUTERS
L'ex presidente russo gioca di sponda sulle annunciate dimissioni di Boris Johnson per dileggiare l'Ucraina
Zelensky: «Grazie alle armi dall'Occidente le perdite russe aumenteranno». Hangar pieni di grano distrutti dai missili russi a Odessa.

Gli ucraini resistono all'avanzata russa nel Donbass, respingendo gli assalti alle due città chiave del Donetsk, Sloviansk e Kramatorsk, prossimi obiettivi di Mosca che intende assicurarsi l'intera regione dell'est dell'Ucraina.

Gli 007 britannici riferiscono che le truppe di Vladimir Putin si trovano ad appena 16 km a nord di Sloviansk. Ma lo Stato Maggiore ucraino rivendica di averle respinte e ricacciate a Dolyna, una ventina di km più a nord, e di averne fermato l'avanzata anche in direzione di Kramatorsk. «I russi hanno sparato contro le infrastrutture civili nelle aree di Siversk e Gryhorivka. Ma le unità ucraine hanno inflitto perdite significative al nemico durante il suo tentativo di offensiva nelle aree di Verkhnokamianske, Belogorivka e la stessa Gryhorivka», costringendo «gli occupanti a ritirarsi», ha riferito lo Stato Maggiore su Facebook.

17:13

Kiev conta sul sostegno del Congresso americano
L'Ucraina conta sul sostegno del Congresso degli Stati Uniti in termini di fornitura di moderni sistemi di difesa aerea. Lo ha dichiarato il presidente ucraino Volodymyr Zelensky su Facebook, riporta Ukrinform. «Sono lieto di incontrare i senatori degli Stati Uniti, Lindsey Graham e Richard Blumenthal. Per noi è molto importante il sostegno dei due rami» del parlamento Usa e «dei due partiti». «Ora l'obiettivo primario è garantire che le donne con bambini possano tornare a casa e che gli studenti possano andare a scuola e/o all'università entro il 1 settembre 2022 - ha scritto il leader ucraino -. Contiamo sul sostegno del Congresso in termini di fornitura di moderni sistemi di difesa aerea . Dobbiamo garantire un certo livello di sicurezza dei cieli in modo che la nostra gente non abbia paura di vivere in Ucraina». Il 7 luglio 2022, i senatori statunitensi, Lindsey Graham e Richard Blumenthal, sono stati a Bucha, nella regione di Kiev. (fonte ats)

17:12

Putin: «Faremo di tutto per aiutare i cittadini del Donbass»
La leadership russa «farà di tutto per aiutare le persone residenti nel Donbass». Lo ha assicurato il presidente russo Vladimir Putin, citato dall'agenzia russa Tass. La «Russia aiuterà il Donbass in modo che le persone qui possano vivere in buone condizioni», aggiunge il leader del Cremlino ribadendo le accuse all'Ucraina di aver «organizzato il genocidio e di aver isolato i residenti» di questa regione negli ultimi otto anni. (fonte ats)

15:45
REUTERS
15:43

Colpita nave con gasolio, è una «bomba ambientale»
Secondo l'esercito ucraino, un missile russo ha colpito una nave cisterna che trasportava 500 tonnellate di gasolio, già alla deriva nel Mar Nero: la Millenial Spirit, battente bandiera moldava, era già stata colpita da un missile qualche giorno dopo l'invasione, ora è una «bomba a orologeria ambientale», ha detto il comando operativo Sud ucraino. Lo riporta il Guardian. Da quando il cargo è stato colpito una prima volta, sta andando alla deriva senza equipaggio e con i resti del carburante diesel a bordo, ha detto l'esercito ucraino aggiungendo che «probabilmente il resto del carico» a bordo della Millenial Spirit sta «bruciando». (fonte ats)

12:24
keystone-sda.ch (EKATERINA SHTUKINA/ SPUTNIK / SE)
12:21

«Se ne vanno i migliori amici di Kiev»
«Notizie da Londra. I 'migliori amici dell'Ucraina' se ne vanno. La 'Vittoria' è in pericolo! Il primo è andato...». È il commento sarcastico su Telegram dell'ex presidente e attuale vice presidente del Consiglio di Sicurezza russo, Dmitri Medvedev, alle previste dimissioni di Boris Johnson in Gran Bretagna, definendo la crisi «il logico risultato dell'arroganza britannica e della politica mediocre. Soprattutto sulla scena internazionale». Il post termina con un «P.S. Attendiamo notizie da Germania, Polonia e Stati baltici», seguito da uno smile che ride fino alle lacrime. (fonte ats)

12:01

Ancora bombardamenti sull'isola dei Serpenti
Il ministero della Difesa russo ha affermato di aver ucciso nella notte soldati ucraini che stavano cercando di alzare la bandiera dell'Ucraina sull'isola dei Serpenti, recentemente riconquistata, riporta il Guardian. La notte del 7 luglio - ha detto il ministero - Kiev ha tentato di consegnare simbolicamente la bandiera sull'isola. Intorno alle 5 del mattino diversi militari ucraini sono sbarcati e hanno scattato foto con la bandiera. L'aereo delle forze aerospaziali russe ha immediatamente lanciato un attacco con missili ad alta precisione sull'isola e alcuni soldati sono stati uccisi. Il comando operativo ucraino ha confermato l'attacco missilistico sull'Isola, parlando di danni al molo d'attracco, ma senza alcun riferimento a vittime tra i suoi soldati. (Fonte ats)

10:50

Prima frenata dopo 133 giorni di guerra
«Per la prima volta in 133 giorni di guerra, l'esercito russo non ha rivendicato avanzamenti sul territorio in Ucraina a sostegno della valutazione secondo cui le forze russe hanno in gran parte avviato una pausa operativa»: lo scrive nel suo ultimo rapporto l'americano Institute for the the study of war (Isw). Il Ministero della Difesa russo ha rivendicato conquiste territoriali ogni giorno dall'inizio della guerra - si legge nel report - ma non ha rivendicato alcun nuovo territorio o movimento di forze di terra da quando ha completato l'accerchiamento di Lysychansk il 3 luglio. Tuttavia, le forze russe hanno ancora condotto assalti di terra limitati e senza successo su tutti gli assi il 6 luglio.
Questi tentativi sono coerenti con una pausa operativa russa, che non implica la completa cessazione delle ostilità attive. In questo caso, significa che le forze russe si limiteranno probabilmente ad azioni offensive su scala relativamente ridotta, nel tentativo di creare le condizioni per operazioni offensive più significative e di ricostruire la potenza di combattimento necessaria per tentare queste imprese più ambiziose. (fonte ats)

10:18

Russia e Cina, cooperazione anti-Usa più forte
Russia e Cina rafforzeranno la loro cooperazione di fronte ai tentativi degli Usa e dei loro satelliti di contenere il loro sviluppo. Lo ha detto il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov, arrivato a Bali per la riunione con i propri omologhi del G20, citato dalla Tass. «La posizione di Russia e Cina trova sempre più sostegno, in contrasto con le politiche aggressive dell'Occidente», ha aggiunto. Lavrov incontrerà oggi i colleghi di Turchia e Cina, Mevlut Cavusoglu e Wang Yi, riferisce la Tass. (fonte ats)

09:55

Ex modella e cecchino brasiliana uccisa a Kharkiv
Uccisa durante i bombardamenti russi a Kharkiv l'ex modella brasiliana Thalita do Valle, che combatteva con le truppe ucraine insieme con il fratello. La famiglia - riporta il Daily Mail - ha reso noto che la 39enne è morta per asfissia dopo essere rimasta intrappolata in un bunker in fiamme per le esplosioni. Do Valle in precedenza aveva combattuto con le forze curde contro l'Isis in Iraq. «Ci sono stati attacchi russi e il battaglione è stato diviso. Thalita si è rifugiata nel bunker, è morta il 30 giugno per asfissia, non è stata colpita da schegge», ha raccontato il fratello Theo Rodrigo Vieira, aggiungendo che la sorella mandava messaggi dal fronte praticamente ogni giorno, lavorava sia come soccorritrice che come tiratore scelto. Era anche responsabile di fornire copertura dalle forze russe che avanzavano. (fonte ats)

08:47

Missili russi distruggono hangar pieni di grano a Odessa
Missili da crociera russi hanno colpito e distrutto nella notte hangar agricoli con tonnellate di grano nella regione di Odessa. Lo riferisce il Comando Operativo Sud dell'Esercito ucraino, riportato da Ukrinform. Nelle prime ore del mattino, aerei della Federazione hanno attaccato l'isola dei Serpenti, liberata dalle forze ucraine nei giorni scorsi: «L'isola è stata centrata da due missili lanciati dall'aria. Il molo è stato danneggiato in modo significativo», afferma Kiev. (fonte ats)

08:47
keystone-sda.ch / STR (Maxim Penko)
07:14

Zelensky: «Grazie alle armi dall'Occidente le perdite russe aumenteranno»
«Le armi che l'Ucraina ha ricevuto dai suoi partner occidentali funzionano in modo molto potente. Di conseguenza, le perdite degli occupanti russi non potranno che aumentare di settimana in settimana»: queste le parole del presidente ucraino Volodymyr Zelensky nel consueto messaggio serale riportato da Ukrinform. «Oggi a Kharkiv, l'Università Pedagogica è stata distrutta da un missile russo, l'edificio principale, le aule, il museo universitario, la biblioteca scientifica. Questo caratterizza l'invasione russa con una precisione del 100%. Quando si parla di definizione di barbarie, questo attacco è il più adatto. Solo un nemico della civiltà e dell'umanità può fare cose del genere: colpire con missili un'università, un'università pedagogica», ha detto il presidente. «Oggi l'opinione pubblica è venuta a conoscenza del fatto che nel sud del nostro Paese, nelle aree occupate, è stato chiuso l'accesso ai social network, ai messenger e a YouTube. Le forze russe hanno bloccato ogni possibilità per la gente di conoscere la verità su ciò che sta accadendo e sul nostro potenziale, che stiamo gradualmente aumentando. Le forze ucraine stanno attualmente avanzando in diverse direzioni tattiche, in particolare nel sud, nella regione di Kherson, nella regione di Zaporizhzhia. Non rinunceremo alla nostra terra, l'intero territorio sovrano dell'Ucraina sarà ucraino. La gente dovrebbe saperlo», ha dichiarato il presidente Zelensky. (fonte ats)

07:13

Indagini su più di 21'000 crimini di guerra
Oltre 21'000 crimini di guerra presumibilmente commessi dalle forze russe sono oggetto di indagine da parte delle autorità ucraine. Lo riferisce il procuratore generale dell'Ucraina, Irina Venediktova. L'ufficio di Venediktova riceve ogni giorno segnalazioni di 200-300 crimini di questo tipo, rende noto Nexta Tv. (fonte ats)

07:12
AFP
07:11

8'000 persone bloccate a Severodonetsk
Circa 7000-8000 persone rimangono ancora bloccate nella città ucraina orientale di Severodonetsk, ma presto vivranno in «condizioni orribili» senza acqua, gas o elettricità. È l'allarme lanciato da Oleksandr Striuk, capo dell'amministrazione militare di Severodonetsk, riferisce il Guardian online. Le forze russe hanno distrutto i servizi di pubblica utilità in questa città chiave nella regione del Donbass e stanno cercando personale che li aiuti a ripristinarli, ma quasi nessun membro è rimasto a Severodonetsk in quanto sono stati evacuati, ha detto Striuk. Le forze russe che ora occupano la città stanno lavorando per organizzare il dipartimento dell'Istruzione affinché i bambini tornino a scuola a partire dal 1 settembre, ha aggiunto. (fonte ats)