Immobili
Veicoli
23.05.2022 00:00 - LIVE CONCLUSO
UCRAINA: SEGUI IL LIVE

Serviranno «15-20 anni» all'Ucraina per entrare nell'Ue: LIVE

Zelensky e Johnson hanno discusso del blocco del porto di Odessa, che mette a rischio la sicurezza alimentare globale.

Il sindaco di Enerhoidar nominato dai russi è rimasto ferito in seguito a un'esplosione, è in gravi condizioni.

La via del negoziato è l'unica percorribile per arrivare a una soluzione del conflitto in Ucraina. Ne è convinto il presidente Volodymyr Zelensky, che accusa la Russia di non essere interessata al dialogo. Posizione che non trova d'accordo il Cremlino, che anzi accusa Kiev di aver boicottato i negoziati, fermi dal 22 aprile.
Intanto si continua a combattere nel Donbass: anche sabato l'offensiva si è concentrata sulla città di Severodonetsk, nella regione di Lugansk.

23:49

Bombe a grappolo su Mykolaiv
L'Ucraina accusa: l'esercito russo sta bombardando Mykolaiv con bombe a grappolo. Il sindaco Oleksandr Senkevych ha chiesto ai residenti di stare lontano dalle finestre, riferisce il Kiev Independent.

23:47
keystone-sda.ch / STF (Francisco Seco)
Mykolaiv.
23:14

Zelensky e Johnson sul blocco del porto di Odessa
Domenica sera il presidente ucraino Volodymyr Zelensky e il primo ministro britannico Boris Johnson hanno discusso del blocco del porto di Odessa da parte dei russi. La situazione sta causando crescenti preoccupazioni tra i leader mondiali, per i sempre più fondati timori della messa a rischio della sicurezza alimentare globale in caso della mancata esportazione dei prodotti agricoli ucraini.

22:32

Bombardati 45 insediamenti, almeno sette civili morti
È di almeno sette civili morti, otto feriti e 45 insediamenti bombardati il bilancio dell'offensiva russa nella regione di Donetsk nella giornata di domenica. È il bilancio del comando militare ucraino. I dati sulla regione di Lugansk non sono ancora disponibili.

21:38

Kiev esclude un accordo di cessate il fuoco
L'Ucraina esclude un accordo di cessate il fuoco con la Russia e qualsiasi accordo con Mosca che riconosca l'occupazione del territorio nazionale. È quanto dichiarato a Reuters da Mykhailo Podoliak, capo di gabinetto del presidente Zelensky. Podoliak ha riconosciuto che la posizione di Kiev sta diventando sempre più intransigente e si dice convinto che queste concessioni non basteranno a fermare la guerra. «Dopo un po', con nuova forza, i russi aumenteranno le loro armi, le truppe e risolveranno i loro errori, si modernizzeranno un po', licenzieranno molti generali e lanceranno una nuova offensiva, ancora più sanguinosa e su larga scala». Gli appelli dell'Occidente per un cessate il fuoco immediato? «Molto strani», considerando che i soldati russi sono ancora in Ucraina. «Devo lasciare il Paese, dopodiché sarà possibile riprendere il processo di pace».

20:56
20:24

Stop all'energia dell'esportatore russo
L'esportatore di elettricità russo InterRAO ha perso da oggi la facoltà di vendere ai clienti dei paesi baltici. Questo sulla base delle sanzioni internazionali imposte contro la Russia in seguito all'invasione dell'Ucraina. Lo ha dichiarato all'agenzia stampa Afp il ministro dell'Energia lituano, Dainius Kreivys. «Si tratta di una tappa importante nel nostro cammino verso l'indipendenza energetica».

 

19:59

Mosca pronta a riprendere i negoziati con Kiev
La Russia è pronta a continuare i colloqui con l'Ucraina, che sono stati congelati da Kiev. Lo ha detto il capo negoziatore di Mosca, Vladimir Medinsky, citato dalla Tass. (fonte ats)

19:19
keystone-sda.ch (Dmytro Kozatsky)
Un soldato ucraino prima nell'acciaieria Azovstal di Mariupol.
19:18

L'Ucraina potrebbe perdere fino a 100 soldati al giorno
Le forze armate ucraine potrebbero perdere tra 50 e 100 uomini ogni giorno a causa dell'offensiva russa nella parte orientale del paese, ovvero «il settore più difficile». Lo ha affermato il presidente Volodymyr Zelensky nel corso di un incontro con i media. 

19:05

Russia "Stato terrorista"
Il Parlamento ucraino ha approvato un disegno di legge che definisce la Russia come "Stato terrorista". Lo ha riferito su Twitter il deputato Roman Hryshchuk. (fonte ats)
 
 

18:03

La petizione per i coscritti, Zelensky non è d'accordo
Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ritiene che non sia il momento appropriato per discutere della petizione che chiede che gli uomini in età militare possano lasciare l'Ucraina. In questo momento, ha osservato il leader di Kiev, ci sono centinaia di migliaia di soldati al fronte che stanno difendendo il Paese, mentre altri vogliono andarsene.

18:00
keystone-sda.ch / STF (Efrem Lukatsky)
Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky.
17:11

Vietati i simboli dell'invasione russa
Il Parlamento ucraino ha approvato una legge che vieta i simboli dell'invasione russa, compresi quelli contenenti le lettere Z e V. Lo rendono noto i media ucraini. Il nuovo disegno di legge vieta la creazione di ong che utilizzano simboli di guerra russi e le cui attività sono finalizzate a diffondere la propaganda di guerra e a minare la sovranità e l'integrità territoriale dell'Ucraina. Le lettere "Z" e "V", che non esistono nell'alfabeto russo, sono state usate per simboleggiare il sostegno all'invasione russa dell'Ucraina. Vengono utilizzate per contrassegnare i veicoli militari russi sul campo di battaglia. (fonte ats)

17:02

Nuovi bombardamenti sul confine nella regione di Cernihiv
Il Comando operativo Nord delle Forze armate ucraine ha denunciato nuovi bombardamenti russi nelle aree di confine nella regione di Chernihiv. Non si registrano vittime né danni al materiale bellico.

16:37

Ferito il sindaco di Enerhodar nominato dai russi
Andrei Shevchuk, nominato sindaco della città di Enerhodar dagli occupanti russi, è rimasto ferito oggi in seguito a un'esplosione. Lo riferisce l'agenzia stampa Reuters. Sarebbe ricoverato in un reparto di terapia intensiva e le sue condizioni sarebbero gravi, secondo Ria Novosti. «Abbiamo un'accurata conferma che in seguito all'esplosione l'autoproclamato capo della "amministrazione popolare" Shevchuk e le sue guardie del corpo sono rimasti feriti» ha invece scritto su Telegram Dmytro Orlov, colui che viene riconosciuto sindaco di Enerhodar dalle autorità ucraine.

16:33
AFP
L'impianto nucleare di Zaporizhzhia, nei pressi della città di Enerhodar.
16:18

Lukashenko è arrivato a Sochi
Il presidente bielorusso Alexandr Lukashenko è arrivato nella città turistica sul Mar Nero di Sochi, dove incontrerà domani il presidente russo Vladimir Putin. Lo ha annunciato il sindaco di Sochi, Alexey Kopaigorodsky, secondo quanto riporta l'agenzia Tass. «Sochi è diventata nuovamente un luogo per importanti colloqui tra Stati. Il presidente bielorusso Alexander Lukashenko è arrivato nella nostra città per incontrare il presidente russo Vladimir Putin», ha scritto il sindaco su Telegram. I due si incontreranno domani. Il portavoce del Cremlino aveva annunciato l'incontro venerdì. (fonte ats)

15:46

«Per l'Ucraina nell'Ue ci vorranno 15-20 anni»
Per un ingresso dell'Ucraina nell'Ue ci vorranno «15 o 20 anni, sarà molto lunga». Lo ha detto il nuovo ministro francese per gli Affari europei, Clement Beaune, affermando che nel frattempo potrebbe entrare a far parte della comunità politica europea proposta dal presidente Emmanuel Macron. «Bisogna essere onesti. Se si dice che l'Ucraina entrerà in 6 mesi, 1 anno o 2 anni, si mente. Non è vero», ha affermato a Radio J. «Nel frattempo dobbiamo agli ucraini un progetto politico nel quale possano entrare», ha aggiunto. (fonte ats)

15:10

Minsk: «Gruppi di sabotaggio ucraino in territorio bielorusso»
Il segretario del Consiglio di sicurezza bielorusso Oleksandr Wolfovych ha affermato che «gruppi di sabotaggio e ricognizione ucraini» sono entrati nel territorio della Bielorussia. Lo riportano i media statali di Minsk, secondo cui sono circa 20 mila le truppe ucraine schierate nei pressi del confine con la Bielorussia, distribuite tra le regioni di Rivne, Kiev e Chernihiv. Nei giorni scorsi, Minsk ha annunciato il rafforzamento delle sue unità di sicurezza frontaliere e l'acquisto dei sistemi missilistici russi S-400 e Iskander. (fonte ats)

14:48

Nuove esplosioni a Kiev e Zhytomyr
Esplosioni nella regione di Kiev sono state registrate intorno alle 13.30, le 12.30 ora svizzera. Subito dopo sono state segnalate anche nella vicina regione di Zhytomyr. Lo riferisce Ukraine 24. Gli amministratori locali hanno avvisato sui cellulari i cittadini ad andare nei rifugi. Secondo i media ucraini le forze di difesa aerea di Kiev hanno abbattuto un missile russo nella regione della Capitale. Allarmi aerei a partire dalle 14 di oggi, le 13 svizzere, anche in altre 16 regioni ucraine dell'Ovest, del Nord e nel Centro dell'Ucraina. L'allarme aereo è risuonato anche nel distretto orientale di Pervomaisky. Intanto, il parlamento ucraino ha approvato un decreto presidenziale, secondo il quale la legge marziale è prorogata per altri 90 giorni fino al 23 agosto. E' stato approvato anche un decreto, secondo il quale la mobilitazione generale durerà per altri 90 giorni, sempre fino al 23 agosto. (fonte ats)

14:27
Reuters
L'abbraccio di Zelensky al presidente Duda, dopo il suo discorso in Parlamento.
13:50

Bombe a grappolo su Kherson: 3 morti
I russi hanno lanciato bombe a grappolo su un villaggio nella regione di Kherson, nel sud dell'Ucraina uccidendo tre persone. Lo riferisce l'amministrazione statale regionale di Kherson su Facebook, secondo quanto riporta Ukrinform. Nel villaggio di Belozersk, «dopo i bombardamenti a grappolo ieri da parte degli occupanti tre persone sono state uccise e 10 abitazioni private sono state parzialmente distrutte», si spiega. (fonte ats)

12:00

Perché proprio Severodonetsk
Oggi si sta parlando molto di Severodonetsk, finita nel mirino delle forze armate russe che si stanno impegnando attivamente per conquistarla. La città, che si trova nel Donbass e più precisamente nell'Oblast di Luhansk, si trova al momento proprio sul fronte orientale con le truppe russe e i territori già occupati. La sua posizione è anche particolarmente strategica perché è situata a ridosso del fiume Siversky Donec. Malgrado se ne sia parlato poco è sempre stata uno degli obiettivi primari dell'avanzata del Cremlino che ha provato a prenderla in più occasioni, dopo il fallimento del blitz su Kiev. 

11:53
AFP
Un padre, rimasto vedovo a causa dei bombardamenti, abbraccia le figlie in attesa di essere evacuato da Severodonetsk.
11:51

La visita di Duda a Kiev
Il presidente polacco Andrzej Duda è oggi in visita ufficiale a Kiev dove ha anche tenuto un breve discorso davanti al parlamento come riportato dal media ucraino Ukrinform. Ad accoglierlo una standing ovation e un lungo applauso, come mostrato da diversi video diffusi sui social (e soprattutto via Telegram, che è un po' il medium prediletto per questa guerra). È il primo capo di Stato straniero a farlo dall'inizio della guerra. Duda, lo ricordiamo, era già stato in Ucraina ad aprile quando aveva visitato le martoriate Bucha, Irpin e Borodyanka.

11:41

Anche il WEF 2022 si tinge di guerra

Al via oggi nella capitale grigionese il summit economico, attesi 50 capi di stato e anche Zelensky e Stoltenberg

Apri articolo

11:09

Mariupol: il timore di un'epidemia
Fosse comuni stipate di corpi, tubature dell'acqua potabile danneggiate dai bombardamenti e le imminenti piogge stagionali. È questa la triste ricetta per un'emergenza sanitaria di proporzioni preoccupanti. A dare l'allarme, come di consueto via Telegram, è stato il sindaco di Mariupol Vadim Boychenko che descrive la città «sull'orlo di un'epidemia». La speranza di  Boychenko, al momento, risiede in una possibile collaborazione da parte dei miliziani filorussi attualmente al potere.

09:56

I russi tentano di accerchiare Severodonetsk
I russi stanno tentando di sfondare a Severodonetsk da quattro direzioni ma per ora sono stati respinti. Lo riferisce il capo dell'amministrazione militare regionale di Lugansk, Sergey Gaidai, come riporta Unian. La città in prima linea nel Lugansk è ora a rischio di accerchiamento dopo che 12 persone sono state uccise e altre 40 ferite dai bombardamenti russi, ha aggiunto Gaiday. «I bombardamenti continuano dalla mattina alla sera e anche per tutta la notte», ha detto in un video postato su Telegram. (fonte ats)

09:33

La situazione nel Donbass «è estremamente difficile»
Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha descritto la situazione nel Donbass come «estremamente difficile» nel suo ultimo discorso nazionale, citato dal Guardian. L'Ucraina intende chiedere all'Organizzazione delle Nazioni unite per l'educazione, la scienza e la cultura (Unesco) di togliere alla Russia lo status di membro dell'Unesco. Lo riferisce l'agenzia ucraina Ukrinform, precisando che la bozza di risoluzione, la n. 7394, è stata registrata al Parlamento ucraino, la Verkhovna Rada. (fonte ats)

08:30

Isola dei Serpenti, nave civile straniera minacciata dai russi
I russi hanno cercato di allontanare, minacciando l'uso delle armi, una nave civile straniera, che stava transitando nelle acque territoriali dell'Ucraina, vicino all'Isola dei serpenti. Lo riferisce Ukrinform, citando il servizio stampa delle forze armate ucraine su Facebook. «Il 21 maggio, la nave civile Britta K, che batte bandiera della Repubblica del Togo, mentre transitava nelle acque territoriali ucraine nei pressi dell'Isola dei serpenti, ha ricevuto un segnale dai russi che chiedevano di lasciare le acque territoriali della Russia, altrimenti avrebbero utilizzato le armi», spiegano le forze armate. Secondo la Marina ucraina, ciò conferma i tentativi della Russia di appropriarsi illegalmente del territorio dell'Ucraina, anche senza pseudo-referendum. (fonte ats)

08:23

Sanzioni, Mosca ammette: «Seri problemi logistici»
Il ministro dei Trasporti russo Vitaly Savelyev ha affermato che le sanzioni per la guerra in Ucraina hanno portato a seri problemi con la logistica in Russia, secondo quanto riporta il media in lingua russa Meduza. «Le sanzioni imposte oggi alla Federazione Russa hanno praticamente rotto tutta la logistica del nostro Paese. E siamo costretti a cercare nuovi corridoi logistici», ha detto Savelyev ai giornalisti durante una visita nella regione di Astrakhan. Secondo il ministro, le autorità russe risolveranno i problemi sorti con l'aiuto del corridoio di trasporto Nord-Sud, che attraversa i porti del Caspio di Astrakhan sul Volga. (fonte ats)

08:21

Missili nella notte sulla regione di Zaporizhzhia
Nella notte le truppe russe hanno sparato missili contro infrastrutture civili di un villaggio nel distretto di Vilna nella regione di Zaporizhzhia (nel sud dell'Ucraina), causando delle vittime. Lo fa sapere l'amministrazione militare regionale di Zaporizhzhia su Telegram, secondo quanto riporta l'Ukrainska Pravda. Secondo le prime informazioni, ci sono cittadini feriti. (fonte ats)

08:20

Il presidente polacco Duda in Ucraina
È arrivato in Ucraina il presidente polacco Andrzej Duda, dove interverrà al Parlamento. Lo rende noto la presidenza della Polonia sul suo account Twitter, sottolineando che Duda sarà il primo capo di Stato straniero a tenere un discorso alla Verkhovna Radad dell'Ucraina dall'inizio dell'invasione da parte della Russia. (fonte ats)

08:08
AFP
Un uomo cammina per le strade devastate di Kharkiv, Ucraina.
08:06

Kiev teme un attacco dalla Bielorussia
«C'è una minaccia di attacchi missilistici e aerei sul territorio dell'Ucraina dal territorio della Repubblica di Bielorussia». È quanto evidenzia lo Stato maggiore delle forze armate ucraine nel suo ultimo aggiornamento, spiegando che nel nord del Paese, «nelle direzioni di Volyn e Polissya», le unità delle forze bielorusse «hanno intensificato la ricognizione ed è stato notato il dispiegamento di ulteriori mezzi di ricognizione elettronica nelle aree di confine della regione di Gomel».


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-06-27 03:58:37 | 91.208.130.87