In laguna le veneziane prendono in mano il timone

Le donne alla guida di natanti sono una rarità tra i canali di Venezia. Un'associazione sfida i pregiudizi

di Redazione
Dario Antonelli, foto di Giacomo Sini

Con la pandemia il trasporto pubblico nella Laguna ha subito restrizioni. E le veneziane ne hanno approfittato per imparare un'arte tradizionalmente maschile


Chiome di alghe, uova di pesce, denti di cane. Tutto finisce sul nudo cemento della banchina sotto il potente getto dell’idropulitrice che spazza lo scafo, sospeso al braccio della gru. «Io ho fatto, ve la lascio qui così ci potete lavorare» borbotta allontanandosi l’operatore del cantiere nautico. Sotto il sole primaverile le ragazze allora iniziano a raschiare lo scafo con le spatole metalliche per grattare via dalle fiancate e dal fondo piatto della patanella le concrezioni calcaree.


foto Giacomo Sini
Una delle lezioni di pratica in laguna dell’ASD Fie a Manetta presso Sacca Sessola, isola a sud della Laguna di Venezia. Marta fa eseguire manovre le manovre in accostata a Sara, membra dell’associazione e guida turistica a Venezia.

Solo donne - È una giornata di lavori collettivi per “Fie A Manetta”, un progetto partito a metà maggio dello scorso anno come “corso di barca a motore per donne e ragazze”. Oggi, dopo un anno di scorrerie nella Laguna di Venezia, è diventata un’associazione sportiva dilettantistica registrata. «Senza turismo hanno ridotto il trasporto pubblico, è difficile spostarsi dalle piccole isole. Il barchino ti dà autonomia, ma sono poche le donne che guidano, e muoversi nella laguna è difficile» spiega Marta Canino, 36 anni, ideatrice e allenatrice del progetto, che ha così unito la profonda passione per la laguna, per il mare e la nautica, con la necessità di crearsi un lavoro in questo duro periodo.


foto Giacomo Sini
Marta, ideatrice della ASD Fie a Manetta mentre da indicazioni sull’assetto dell’imbarcazione sull’acqua della Laguna a Sara, membra della Associazione sportiva.

Lavori da uomini - «Ragazze! ora sembra quasi nuova se non guardate la manetta e il motore!» esclama rivolgendosi alle amiche Marta Sottoriva. Ha quasi 30 anni ed è arrivata a Venezia da Padova per studiare all’università. Si sfila i guanti arancioni e osserva la sua barca mentre la gru la cala su un carrello. L’ha comprata da un anziano signore che la teneva ferma da anni. L’area di rimessaggio dei Campi Sportivi di Sacca Fisola è piena di gente che si dà da fare intorno alla propria barca, quasi tutti uomini. Intanto le ragazze hanno finito di stendere la pittura antifermentative sulla carena della patanella di Martina, è quasi l’ora di pranzo.


foto Giacomo Sini
Marta da indicazioni a Sara su come governare la barca tra i canali della città di Venezia. Molte delle lezioni svolte da Marta si svolgono proprio tra i canali della città lagunare.

La nuova normalità - Il cameriere serve frittura di calamari e patatine. «La sede è quasi pronta, dobbiamo definire una data per l’inaugurazione. Avete visto la proposta di logo per l’associazione?» Marta, l’allenatrice, è seduta al centro della grande sala illuminata dalle tante finestre aperte sulla laguna. Ciascuna è seduta ad un tavolino singolo, a distanza, ma oggi anche la mensa per lavoratori ai Campi Sportivi sembra un pranzo al ristorante. «Ma cosa dite dell’assemblea di domani, non dovrò mica farlo io l’intervento?» chiede Eleonora alle altre ragazze.


foto Giacomo Sini
Marta ed alcune delle membri dell’ASD Fie a manetta, durante una lezione di pratica di motonautica in gruppo nel Canale della Giudecca.

Contro le Grandi Navi - Le sedie sono tutte piene, le persone in piedi occupano una buona parte della piazza, fino al pozzo. Oggi in Campo Santa Maria Formosa c’è l’assemblea lanciata dal Comitato No Grandi Navi. Molte delle ragazze sono qui, fanno parte dello stesso gruppo universitario, Eleonora si prepara l’intervento, alla fine tocca a lei. Ci sono questioni urgenti da discutere, sembra che le grandi crociere torneranno al Bacino di San Marco da giugno, e il movimento deve decidere come intervenire. Il passaggio di queste navi giganti oltre a danneggiare l’equilibrio della laguna e della città, è anche un fattore centrale nell’economia del turismo di massa che sta distruggendo il tessuto sociale della città, spopolandola. C’è però chi continua a venire a vivere qui, e ci sono attività che provano a mantenere viva la città, a partire dai suoi canali, dalla laguna, imparando a conoscerla e ad amarla.


foto Giacomo Sini
Marta nella sua casa alla Giudecca mentre legge l'Atlante della Laguna di Venezia.

Un'isola per esercitarsi - «È una topetta del cantiere Amadi, l’ho comprata a Burano da un pescatore» spiega orgogliosa Marta mentre rimuove il tiemo che copre la sua barca. Stamani è passata a prendere Sara, veneziana di quasi 40 anni, fa la guida turistica e abita sulla terraferma, oggi è sua terza lezione. Sacca Sessola è una piccola isola occupata interamente da un hotel a cinque stelle, ora chiuso a causa del covid. È diventata un luogo perfetto per gli esercizi. Ma non sono le sole a frequentare questo luogo. Un vogatore si allena remando alla valesana, in piedi e rivolto in avanti, le guarda e passa oltre. Poco più in là un signore, imbacuccato nel suo barchino, sta pescando seppie lasciandosi portare dalla corrente e le osserva, con uno sguardo misto di curiosità e sufficienza. Sara lo ignora e prova l’esercizio: accostare controcorrente al molo. Deve stare attenta «Il motore va comunque verso l’ormeggio?» chiede, «ciò sì!» le risponde subito Marta che segue con premura ogni suo movimento. Manovra perfetta.


foto Giacomo Sini
Marta indica a Rebecca, veneziana, ed Eleonora, studentessa romana a Venezia, il cantiere dove verrà trainata la barca di Marta Sottoriva, una delle giovani associate alla ASD Fie a Manetta. Nel luogo verrà anche aperta la sede ufficiale dell’ASD Fie a Manette.

Lo sguardo del pescatore - Il pescatore di seppie mette in moto e lancia uno sguardo storto, allontanandosi. «Ah bene!» si libera soddisfatta Sara e aggiunge ferma. «Il modo in cui mi guardava è il motivo per cui faccio lezione». Perché «il modo in cui ti guardano – continua Sara – ti toglie ogni sicurezza». Marta si alza in piedi nella barca, preme entrambe le mani contro il molo e per scostarsi dalla riva spinge forte «non era manco beo!» ("bello" in veneziano, ndr.). Le due si sorridono mentre il rumore del motore si fa più forte.


foto Giacomo Sini
Daniela, Sofia e Clare, studentesse a Venezia legate a Fie a Manetta mentre puliscono lo scafo della barca di Marta Sottoriva.

Lezione tra i canali - Il pomeriggio c’è una nuova lezione. Giovanna ha 58 anni e dirige un albergo vicino al Canal Grande, ha una barca nuova, ma sta ancora imparando a portarla tra rii e canali. «Òe!» grida Marta mentre rallentando gira verso sinistra e passa sotto un ponte «Navigare nella laguna e ancora di più in città a Venezia non è facile». Tutto il traffico si muove su acqua e gli spazi di manovra spesso sono molto ridotti «bisogna sapere cosa fare altrimenti anche le situazioni più semplici diventano pericolose, come far manovra per tornare indietro se si trova un canale bloccato, o come lasciar libera la strada ad una lancia ambulanza stando attente all’onda creata dal suo passaggio».


foto Giacomo Sini
Marta Sottoriva mentre rivernicia con un solvente lo scafo della propria barca insieme a Martina, una delle tante ragazze veneziane legate alla ASD Fie a Manetta.

Dai remi al motore - Nel canale c’è un certo traffico e si procede più lentamente «Quante donne vedete guidare?» domanda Marta accennando agli uomini sulle altre imbarcazioni. «Con me si sentono sicure. Gli uomini ti guardano, giudicano, commentano. Non è come in macchina, non si è chiusi nell’abitacolo, in barca da sole si è come su un palcoscenico». Nella tradizione remiera veneziana la donna ha sempre avuto un ruolo importante, ma la guida della barca a motore è un’attività quasi esclusivamente maschile. Per capire perché bisogna guardare al modello patriarcale. «Per guidare un barchino in laguna non hai bisogno di prendere la patente, quindi si impara in famiglia, e di solito si insegna di padre in figlio. Io ho imparato da piccola da mio zio che non aveva figli. Ma le femmine di solito restano escluse. Anche perché non c’è una scuola, anzi – aggiunge con un sorriso – non c’era!»


foto Giacomo Sini
Davide, Marta Sottoriva, Clare e Marta si prendono un momento di pausa sulla banchina del cantiere navale a Sacca Fisola, dopo un lungo lavoro di recupero e pulizia della barca di Marta Sottoriva, una delle associate alla ASD Fie a Manetta.

La scuola di Marta - Superato l’Arsenale si apre la laguna. Marta sorride e parte a manetta lasciando una lunga scia alle sue spalle, il vento e il mare nei capelli, è il suo mondo. Tra l’isola della Certosa e quella delle Vignole, lungo il canale, Giovanna si mette alla prova con esercizi di inversione a 180°, oppure nel mantenere la barca in posizione, esercizi resi più difficili dalla corrente e dal vento. Fa di testa sua, ma poi completa gli esercizi secondo le indicazioni dell’allenatrice. «La scorsa settimana non mi sarei neanche immaginata di fare queste cose, Marta è proprio brava ad insegnare».


foto Giacomo Sini
Alcune delle associate e simpatizzanti della ASD Fie Manetta durante un pranzo sociale a Sacca Fisola, Venezia.

I maschi sono accetti - Con un rombo si avvicina una barca, è arrivata Chiara con Davide, hanno approfittato della giornata di sole per uscire, ora con tre barche proveranno a rientrare a Venezia simulando una situazione di traffico. Ogni tanto Davide dà dei colpi di acceleratore. Ha quasi 18 anni, abita a Lido. Sua madre Alice ha seguito il corso l’estate scorsa, e anche lui ha preso lezioni da Marta. Ora esce in barca con lei per dare una mano, per perfezionarsi, ma anche, come Chiara, per conoscere meglio la laguna e fare delle uscite in compagnia. Perché il barchino a Venezia è un mezzo di trasporto ma è anche un modo per socializzare. Il progetto di “Fie A Manetta” per Davide è stato importante in questo ultimo anno «mi ha aiutato molto in un periodo difficile». Per ragazzi dell’età di Davide a Venezia non ci sono grandi prospettive, e questo anno e mezzo di pandemia ha solo peggiorato la situazione. Qui non sembra esserci futuro, e i comportamenti dei più giovani sono mal tollerati in una città ormai riservata al consumo turistico.


foto Giacomo Sini
Rebecca, studentessa veneziana legata a Fie a Manetta, mentre attende che la barca di Marta Sottoriva, una delle associate della ASD Fie a Manetta, venga caricata nel piazzale del cantiere a Sacca Fisola, Venezia.

Navigare da sole - Questo progetto ha creato dei legami che nella nuova sede ai Campi Sportivi potranno crescere anche senza la mediazione dell’allenatrice. Le donne che in queste settimane iniziano a fare le prime lezioni potranno confrontarsi con quelle che hanno già autonomia, che hanno seguito il corso lo scorso anno e ora partecipano alle uscite di gruppo in laguna. Sedute a poppa, lasciando dietro di loro una scia bianca, Marta e Sara pensano a progetti per il futuro «la laguna si sta modificando molto – dice la prima – alcune mappe sono superate, segnalano canali che non esistono più».


foto Giacomo Sini
Eleonora, studentessa romana che vive a Venezia e Marta Sottoriva, una delle ragazze della ASD Fie a Manetta parlano durante un incontro pubblico organizzato dal Comitato No Grandi Navi a Venezia del quale sono forti sostenitrici.

Una sfida collettiva - Sara annuisce «servirebbero dei nuovi strumenti». «Potremmo creare una dispensa con istruzioni di base per la guida – riflette Marta – per orientarsi in laguna, dando indicazioni aggiornate su canali e secche, ma anche informazioni di carattere storico». Non è una cosa facile, ne è consapevole «ma farla collettivamente, tutte insieme, sarebbe importante anche per creare un sapere condiviso».


foto Giacomo Sini
Veduta su Venezia e parte dell'isola di Sacca Fisola sullo sfondo viste dal Campanile di San Giorgio Maggiore. Venezia

Gallery

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-23 23:26:33 | 91.208.130.85