Tipress
CANTONE
06.11.2017 - 19:110

Ecco la Commissione parlamentare d’inchiesta

La sua costituzione è stata approvata dalla stragrande maggioranza del Gran Consiglio: «Va ristabilita la fiducia dei cittadini nei confronti delle istituzioni»

BELLINZONA - La Commissione parlamentare d’inchiesta è realtà: poco fa il Gran Consiglio ticinese ne ha approvata la costituzione con 66 voti a favore, 2 contrari e 11 astenuti. Il compito della Commissione sarà di fare luce sulla vicenda Argo 1, verificando in particolare le responsabilità politiche e operative. L’obiettivo: dare delle risposte entro il mese di giugno 2018.

«Una necessità» - «Questa Commissione parlamentare d’inchiesta è necessaria: porta la voce e la pressione di questo Parlamento che rappresenta la popolazione ticinese in cerca di chiarezza» ha detto il capogruppo PLR Alex Farinelli. Anche Daniele Caverzasio (Lega) ha insistito sulla necessità di dare risposte. Da parte del gruppo PPD, che ha a sua volta ha dato la sua adesione alla proposta, Maurizio Agustoni ha confermato che la vicenda Argo 1 deve essere considerata come «un evento di grande portata istituzionale». E ha sottolineato: «Non ho l’impressione che il Consiglio di Stato stia cercando di sfuggire ai suoi obblighi nei confronti del Parlamento». Ivo Durisch (PS) ha detto che non si tratta soltanto di fare luce sulla questione, ma soprattutto «di ristabilire la fiducia dei cittadini nei confronti delle istituzioni». Così Francesco Maggi (Verdi) che, a nome del gruppo, ha sottolineato che «tutto questa vicenda fa male alla credibilità dell’istituzione». Anche Gabriele Pinoja (La Destra) ha parlato di «Commissione parlamentare d’inchiesta necessaria», elencando le varie irregolarità emerse negli scorsi mesi: «Speriamo che Argo 1 sia un caso isolato».

Le richieste di Pronzini - Il deputato Matteo Pronzini (MPS-PC) non si è detto del tutto d’accordo alla proposta avanzata dalla Commissione della gestione e delle finanze. Da parte sua è dunque giunta la richiesta di modificare il decreto, parzialmente accettata. E anche per quanto riguarda la composizione della Commissione parlamentare d’inchiesta, ha detto che «non credo che possa essere la somma dei gruppi parlamentari». Per Germano Mattei (Montagna Viva), invece, non era ancora il momento di fare questo passo. Chiedendo comunque di poter far parte della Commissione.

La composizione - La Commissione sarà presieduta da Michele Foletti (Lega), che sarà affiancato dai membri Giorgio Galusero (PLR), Claudio Franscella (PPD), Carlo Lepori (PS), Michela Delcò Petralli (Verdi) e Tiziano Galeazzi (La Destra).

1 settimana fa Argo 1, tra «imbarazzo» e «delusione»
Commenti
 
navy 1 settimana fa su tio
SOLO PER INFORMAZIONE DI TUTTI QUEI SIGNORI CHE OPERANO NEL PUBBLICO DA ANNI. QUELLO CHE È CAPITATO CON ARGO1, NEL PRIVATO, AVREBBE, DA UN PEZZO, GENERATO LICENZIAMENTI. NEL PRIVATO CHE CONOSCO IO (non lavoro da l'altro ieri) O SEI OPERATIVO ED IN GRADO DI SPIEGARE LE COSE, OPPURE SEI FUORI E VAI A TIMBRARE...... QUESTI POLITICI DI M.....SONO GLI STESSI CHE SI RIEMPIONO LA BOCCA DI BELLE PAROLE IN CAMPAGNA ELETTORALE MA, NEL CONCRETO, GENTE SENZA ARTE NÈ PARTE.
navy 1 settimana fa su tio
DUMPING & MOBBING istituzionalizzato! I parac.....che hanno fatto e disfatto e hanno preso e continuano a prendere I MIEI SOLDI ancora belli freschi e con sorrisetti da ipocriti. Il buon Beltraminelli è il TOP della vergogna e sintetizza bene la gentaglia che gira in governo.
samarcanda 1 settimana fa su tio
Certo che non capisco tutto questo scandalo e queste critiche. Cosa c'è realmente dietro? Ma se ne hanno sempre fatte di cotte e di crude! Sono più di vent'anni che sostengono il dumping e il disprezzo per i lavoratori, svizzeri e non, e ora si svegliano, soprattutto per la cena di Dadò. Le mangiate vanno senz'altro ben oltre la cena di Bormio. E non si sente quasi parlare della schiavitù e dei maltrattamenti imposti ad esseri umani. Ho visto nelle file di chi criticava anche Morisoli e mi sono detta: "Poveri noi!". No, non usciremo da questo pantano senza l'aiuto di Berna o addirittura dell'Europa. È molto preoccupante l'indifferenza di Berna.
WGWG 1 settimana fa su tio
Che si dimettano non è il caso ma che non si ripresentino alle prossime elezioni è il minimo. Il peggior governo di tutti i tempi una vergogna.
Meridiana 1 settimana fa su tio
Queste vicenda fanno risdere tutta la Svizzera e la vicina Italia !!! Ma purtroppo cersti ministri dirigono... con il nuovo loro sistema di gestione con la delegazione senza controlli, Bravi, no c'é da dire.... VERGOGNA !!!
tip75 1 settimana fa su tio
basciamo le mani ahahha che barzelletta
samarcanda 1 settimana fa su tio
Ma si indagano fra di loro? Ma dai!
albertolupo 1 settimana fa su tio
@samarcanda No, si tengono d’occhio, così nessuno sgarra...
samarcanda 1 settimana fa su tio
@albertolupo Vero!
pillola rossa 1 settimana fa su tio
11 astenuti?! Aspettano di vedere da che parte tira il vento?
tip75 1 settimana fa su tio
togliete i costi alla paga dei consiglieri
Tarok 1 settimana fa su tio
apriamo le scommesse: 1000 dinari che l‘esito dell’inchiesta sarà un nulla di fatto senza colpevoli
F/A-18 1 settimana fa su tio
@Tarok Vedi asfaltopoli, tutti colpevoli nessun colpevole, solo una ridicola multa.
Potrebbe interessarti anche ... (beta)
Tags
commissione
inchiesta
commissione parlamentare
parlamentare inchiesta
commissione parlamentare inchiesta
argo
confronti
vicenda
consiglio
Copyright © 1997-2017 Ticinonline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - POLICY - COMPANY PAGES - ENERGIA SOLARE

Ultimo aggiornamento: 2017-11-20 01:25:10 | 91.208.130.87