Ti Press
CANTONE
04.09.2017 - 17:290

«Un NO deciso a metodi contrari al civismo»

Il Partito Socialista disapprova la pubblicazione dei nomi dei propri granconsiglieri che hanno sostenuto un compromesso sulla civica in Parlamento e invita a votare contro la modifica della Legge

BELLINZONA - Il Gruppo del PS al Gran Consiglio e il Partito Socialista affermano con decisione la propria disapprovazione riguardo all’inserto dei promotori dell’iniziativa sulla civica “Educhiamo i giovani alla cittadinanza (diritti e doveri)”, pubblicato oggi sulla “La Regione” e sul “Corriere del Ticino”.

I promotori dell’iniziativa, nel loro inserto, hanno pubblicato la lista dei nominativi delle deputate e dei deputati PS al Gran Consiglio che hanno sostenuto un compromesso in Parlamento senza chiedere loro il permesso e senza avvisarli che avrebbero agito in questo modo. Per il partito, si tratta di «una pratica scorretta e fuorviante, che strumentalizza la democrazia a scopo puramente propagandistico: un modo di fare che non ha nulla a che fare con un corretto comportamento civico né col rispetto dei principi e della prassi della nostra democrazia».

La pubblicazione di questo inserto e della lista dei nominativi - si legge - «vien meno anche alla corretta informazione della cittadinanza in vista delle votazioni. Le deputate e i deputati del PS al Gran Consiglio hanno sostenuto un compromesso in Parlamento solamente al fine di limitare i danni alla scuola, alle ragazze e ai ragazzi che i dettami di quest’iniziativa avrebbero generato».

«Alla luce dell’accordo raggiunto, in cui ognuno rinuncia a qualcosa affinché si possa ottenere un risultato, la prassi avrebbe richiesto che i promotori ritirassero l’iniziativa. Ma così non è stato, i promotori dell’iniziativa hanno voluto forzare la mano. Il Gruppo PS al Gran Consiglio e il Partito erano e restano convinti che il miglior modo d’insegnare la civica sia il metodo attuale. La civica viene insegnata in modo interdisciplinare, non nozionistico, e questo è proficuo in termini d’apprendimento e d’insegnamento. Visto che i promotori dell’iniziativa sulla civica non hanno ritirato l’iniziativa, e che siamo chiamati a scegliere tra lo stato attuale o la modifica della Legge della scuola, non c’è più nessuna ragione affinché il Partito Socialista rinunci a difendere l’insegnamento della civica così com’è oggi. Oltre a dire NO ai metodi poco civici dei promotori di quest’iniziativa, ribadiamo quindi il nostro NO alla modifica della Legge sulla scuola».

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Commenti
 
beta 3 mesi fa su tio
Il trio degli sapienti ; sempre una pagina in più del libro ?
Zico 3 mesi fa su tio
PS, unico partito che ha reclamato per la pubblicazione dei nomi. Oltre la trasparenza negata, vogliono che al loro interno governi l'assoluta dedizione ai capi. e naturalmente che il cittadino del futuro resti ignorante in materia di democrazia.
GIGETTO 3 mesi fa su tio
Siamo sempre alle solite, loro (Kompagnuzzi ro$$i per intenderci) fanno la morale a tutti quanti ma poi pretendono di poter combinarne di cotte e di crude senza dover essere richiamati al rispetto e alla trasparenza!! Troppo facile...... A proposito la Kompagna Bosia-Mirra siede sempre tra i banchi del Gran Consiglio ticinese....giusto?
Macjack 3 mesi fa su tio
Evviva la trasparenza!! Preso esempio dal partito dei lavoratori nord-Coreano?!
Kahr 3 mesi fa su tio
Hai capito, per il PS, i cittadini non hanno diritto di sapere cosa vota chi li dovrebbe rappresentare. Alla faccia della trasparenza.
Potrebbe interessarti anche ... (beta)
Tags
iniziativa
promotori
partito
ps gran
consiglio
ps gran consiglio
ps
gran consiglio
no
promotori iniziativa
Copyright © 1997-2017 Ticinonline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - POLICY - COMPANY PAGES - ENERGIA SOLARE

Ultimo aggiornamento: 2017-12-13 02:45:53 | 91.208.130.86