Tipress
CANTONE
26.04.2016 - 11:030

«Ecco come risparmieremo 185 milioni»

Il Consiglio di Stato ha informato sulle misure concordate per risanare le finanze cantonali

BELLINZONA - Dopo tanto dibattere sulle famose misure di risparmio da 180 milioni, oggi il Consiglio di Stato ha finalmente scoperto le carte. E alle misure si sono aggiunti altri 5 milioni. Il pacchetto per il riequilibrio delle finanze cantonali avranno infatti un’incidenza finanziaria complessiva di 141 milioni di franchi nel 2017, di 168 milioni di franchi nel 2018 e 185 milioni nel 2019. Le misure concernono varie aree: dalla riorganizzazione dell’Amministrazione, all’aumento dei ricavi.

Pareggio di bilancio nel 2019 - L’obiettivo principale è quello di raggiungere un sostanziale pareggio di bilancio entro la fine della legislatura con misure strutturali e misure che rientrano nelle competenze dell’esecutivo. Le prime ammontano a circa 67 milioni di franchi e «richiedono una modifica legislativa e quindi una decisione parlamentare». Mentre le seconde corrispondono a circa 118 milioni. «Esse comprendono sia delle misure strutturali sia delle revisioni di spese ed entrate, rispetto alle tendenze di Piano finanziario, conseguenti ad interventi previsti nel corso della presente legislatura di ottimizzazione delle procedure e dei processi decisionali come pure ad un aggiornamento delle previsioni secondo i dati consolidati più recenti». Senza queste misure di risanamento il disavanzo sarebbe destinato a salire, fino a raggiungere i 182 milioni nel 2019.

Condivisione politica - Il pacchetto di riequilibrio finanziario - sottolinea il Consiglio di Stato - impone una solida condivisione da tutte le componenti politiche. «Siamo coscienti che le singole misure descritte non sono certamente destinate a raccogliere un consenso unanime, ma riteniamo che si tratta di una proposta pragmatica per concretizzare l’obiettivo prioritario del riequilibrio delle finanze cantonali».

Le misure - Il pacchetto di riequilibrio prevede diverse misure, alcune delle quali andranno a toccare il borsello del cittadino e le prestazioni fornite dallo Stato. Ma non solo. Sull’altare delle misure di risparmio vi saranno pure una riorganizzazione dell’Amministrazione, la revisione delle prestazioni e un contenimento della spesa sulla legislatura, oltre che una diversa relazione finanziaria con i comuni.

Ecco, in sintesi, le manovre più importanti:

Aumento ricavi (importo totale di 52.7 milioni) - Nell’accrescimento dei ricavi troviamo l’aumento dei valori di stima sugli immobili (+18.03%), riallineamento delle imposte di circolazione e l’adeguamento delle deduzioni chilometriche per uso del veicolo privato dal domicilio al luogo di lavoro. 

Un altro modo per migliorare le finanze cantonali è aumentare i ricavi della legislatura corrente rispetto a quanto indicato nelle tendenze del Piano finanziario. «Ad esempio gli introiti della nuova stazione di controllo sull’autostrada A2 in territorio di Balerna, l’adeguamento della tendenza relativa al ricupero spese della commissione legge acquisto fondi esteri (LAFE) e l’adeguamento dell’importo per sequestri targhe».

Revisioni delle prestazioni (40.2 milioni con riferimento al 2019) - In quest’area confluiscono le misure che prevedono un adeguamento delle prestazioni fornite dallo Stato. Ad esempio quelle sul riorientamento attraverso misure a sostegno dell’autonomia e della conciliabilità in ambito di politica familiare, la revisione di prestazioni nella formazione professionale e l’abolizione dell’art. 10 per l’indennità straordinarie di disoccupazione della Lrilocc.

Riorganizzazione dell’Amministrazione (11.8 milioni con riferimento al 2019) - Il Consiglio di Stato intende pure diminuire i costi riorganizzando l’Amministrazione, mantenendo gli stessi servizi ma aumentando la produttività. «Ad esempio sono previste la revisione dell’Ufficio tecnico del Servizio circolazione e la chiusura parziale delle sedi periferiche degli Uffici di esecuzione, fallimenti, registri e stato civile; inoltre è stata stabilita una riduzione di personale da raggiungere attraverso misure riorganizzative non ancora definite».

Nuova Legge sugli stipendi per gli statali - Una parte importante delle misure individuate dal Governo avrà applicazione già a partire dal primo gennaio 2017; fra queste figurano anche la nuova Legge stipendi per i dipendenti dell’Amministrazione cantonale, che adotta un nuovo modello semplificato e consente – senza costi aggiuntivi per i contribuenti – di rimodulare la carriera dei funzionari, e il nuovo sistema retributivo e previdenziale dei membri del Consiglio di Stato.

Contenimento spese sulla legislatura (35.1 milioni con riferimento al 2019) - Area in cui confluiscono tutte le misure sulla spesa che limitano i valori di tendenza di Piano finanziario nel periodo di riferimento della legislatura, come ad esempio: l’ulteriore effetto dovuto alla riforma Ripam del 2015, il contenimento della spesa nel settore dell’assistenza sociale e il contenimento della spesa per prestazioni complementari.

Relazioni finanziarie con i Comuni - A compensazione dei benefici indotti dalla manovra a vantaggio dei Comuni, il Consiglio di Stato ha stabilito che a partire dal 2017 la partecipazione al finanziamento dei compiti cantonali sarà di 36.73 milioni di franchi. Ma ci saranno anche effetti positivi per i Comuni. «Questi, che corrispondono a 42.1 milioni di
franchi nel 2019, sono compensati a favore del Cantone». 

Commenti
 
siska 1 anno fa su tio
Ma io vedo un governo debole fatto da ministri non all'altezza e mi dispiace pensarla così, che non riesce neppure a chiudere le toppe in modo coerente e costruttivo. Saranno comunque e sempre le fasce più deboli a pagarne le spese in quanto se tu alzi o abbassi le asticelle sempre e comunque nell'ambito sociale prima o poi esplode il bubbone cioé= non si pagheranno più i premi di cassa malati ( già oggi succede) o se non altro si pagheranno i premi solo per i figli, non si pagheranno più certune tasse, non arriverà più a fine mese e con questo le persone andranno sempre di più in italia a fare la spesa..cari signori delle belle palanche vergogna!
siska 1 anno fa su tio
Un'altra volta vergona, e avete pure una fastidiosa arroganza se qualche giornalista o chi non la pensa come voi vi critica in base alla vostra decisione del pacchetto di risparmio da fr 185 milioni! L'arroganza e la mancanza di tatto verso il popolo alla lunga non vi favorirà anzi con i soldi degli altri é facile blaterare.
siska 1 anno fa su tio
I cinque non riceveranno mai un'appoggio da parte mia ne un voto nella prossima ri???candidatura??? in quanto avanti di questo passo per i cittadini meno abbienti di questo cantone vi saranno 2 pasti al giorno e non più tre pasti al giorno in quanto fare la spesa anche alla denner o migros costa e poi avanti di questo passo favoriranno un'ulteriore indebitamento delle persone e non favoriranno il consumo per l'economia. È stato votato da molti l'economista/ministro/dipartimentale delle finanze ed eccoci ai già al primo esordio di risparmio cantonale...... E poi il colonnello che dice: mi sembra giusto dare un contributo attraverso i nostri stipendi! E ci mancherebbe solo ora vi accorgete che vivete nella bambagiona e vi siete e vi dimenticate che molti cittadini/e vivono con pochi spiccioli e nell'ombra. Vergogna!
Libero pensatore 1 anno fa su tio
beh, qualcosa andava fatto poi criticare è sempre facile. Ad ogni modo mi pare che si vada sostanzialmente a colpire il ceto medio ed i poveri cristi tagliando prestazioni varie e la cosa a me personalmente non piace. D'altra parte però siamo noi ticinesi ad aver votato questo governo e questo parlamento per cui adesso accettiamo le proposte.
Led Swan 1 anno fa su fb
Si però dove si poteva risparmiare non lo si fa; ad esempio perchè un qualsiasi cittadino con permesso B fresco di stampa ha diritto ai sussidi CM? perchè non si aboliscono gli assegni prima infanzia che non fanno altro che produrre casi assistenziali? La realtà è che la classe politica, non solo cantonale ma pure a livello federale, è schiava della propria mediocrità.
lm 1 anno fa su tio
L'aumento delle stime immobiliari peserà sugli inquilini e sui piccoli proprietari, giacché i grandi scaricheranno l'onere dell'aggravio sui loro inquilini. L'aumento della tassa di circolazione (già ora tra le più care in Svizzera) inciderà ancora maggiormente sulle tasche dei lavoratori costretti, in un cantone con numerose valli laterali e mal servite dai mezzi pubblici, a far uso loro malgrado dell'auto. Il risultato finale sarà una busta paga più leggera che imporrà inevitabilmente alle famiglie tagli dolorosi alle spese con la probabile conseguenze di spingerli comprensibilmente e legittimamente a spendere per il necessario (e forse pure per il superfluo, se resta attaccato qualcosa) là dove TUTTO (o quasi) costa meno... e cioè in ITALIA!
Tipp-ex 1 anno fa su tio
Secondo me è prematuro criticare, che mi fa rabbia è vedere come il Cantone sperperi centinaia di milioni in affitti di strutture sparse per il Cantone e non si sia ancora mosso per cercare di costruire un proprio centro... Guardate solo gli uffici tassazione a Lugano, in pieno centro in un palazzo in affitto e poi ci sono piani vuoti sempre a Lugano nello stabile dove lavoravano prima, i casi sono due o chi programma non capisce uno zufolo o qualcuno da da mangiare al compagno di merende. Idem la Polizia, affitti su affitti ma non uno straccio di stabile dove metterli tutti (magistratura, Polizia, uffici circolazione, ecc. Sono investimenti milionari ma comunque molto, ma molto, meno onerosi dei milioni buttati in affitto ogni anno.
The Osage 1 anno fa su tio
Un bel si al 5 giugno sul reddito di base e mettiamo a posto economia, diminuzione costi della salute (ci saranno in giro meno depressi), più persone che spenderanno in CH. Se non passa beh dopo questa manovra non ci si lamenti che i Ticinesi se ne vanno all'estero ad acquistare, spesa, auto, vacanze, ecc.
nordico 1 anno fa su tio
@The Osage Se passa il reddito di base non saranno più necessari sussidi di disoccupazione, AVS e complementari, assegni familiari e tutta la pletora di prestazioni statali. Cadendo queste necessità cadranno anche i relativi posti di lavoro, con notevoli risparmi per gli enti pubblici. Ma pensiamo veramente che tutte queste persone verranno "messe in libertà"? Col piffero !
JoZ 1 anno fa su tio
Per ora ho leggo da nessuna parte e non ho sentito nessuno parlare di "aumento tassazione delle ditte con sedi all'estero" ... soltanto aumento delle imposte ai privati...
Gus 1 anno fa su tio
Questa manovra dimostra che un qualsiasi abitante delle Valli viene considerato meno di un richiedente l'asilo, di uno straniero o di un frontaliere
Gus 1 anno fa su tio
Naturalmente nelle misure proposte dal Consiglio di Stato a maggioranza leghista non vi è niente a svantaggio di richiedenti l'asilo, stranieri e frontalieri.
Gus 1 anno fa su tio
Una manovra che va a colpire le fasce più deboli della popolazione e, proporzionalmente, soprattutto le Valli e i loro abitanti. Questo è il risultato di un Cantone che in Consilgio di Stato si è dato una maggioranza leghista luganocentrica e con due partiti (il PPD e IL PLR), all'interno dei quali la destra ha conquistato il potere. Tutti stanno lavorando a favore ricchi!
Amos Bianchi 1 anno fa su fb
Ahah non leggo l'articolo, ma ce d'aver paura
Omar Baesso 1 anno fa su fb
Omar Baesso 1 anno fa su fb
Io ho letto! Hai fatto bene tu a non leggere hihihi!
vulpus 1 anno fa su tio
Ma quanta nebbia e fumo sono stati liberati. La sostanza è che in governo non sono assolutamente disposti a tagliare dove i costi sono spropositati e ingiustificati. Come mai i lavori che lo stato esegue, sia immobiliari e sopratutto stradali costano sempre il doppio di quello che costa quando è il privato che esegue? Quanti milioni si sprecano nel trasporto pubblico, di cui tutti si lavano la bocca, ma che all'esterno dei centri è ompletamente inefficace ed inutile? Quanti di questi bus circolano costantemente a vuoto su tante tratte? Ma forse qui sono in tanti a mangiare. Bisognava introdurre il referendum obbligatorio sul deficit di gestione, unica medicina per calmare gli appetiti: il popolo decideva se autorizzare ulteriori spese, oppure no, chiamato poi in primis a pagare. Qui pochi politici continuano a fare il bello e il brutto tempo a loro piacimento,prelevando risorse preziosi ai cittadini , mettendo tutti in difficoltà.
nikon 1 anno fa su tio
Come sempre prima di criticare leggere attentamente, tra l'altro con i tassi d'interesse a zero e le stime preistoriche gli inquilini non hanno avuto benefici anzi negli anni le pigioni sono aumentate; per i consiglieri è prevista una riduzione e modifica sulla pensione....leggere aspettare il calcolo definitivo sull'aumenti delle imposte e poi criticare....
castigamatti 1 anno fa su tio
e dell'aumento di stipendio previsto per i Consiglieri di Stato in quanto ora devono pagarsi la pensione...., non ne parliamo? alla fine i cittadini pagano più tasse e i 5 consiglieri si aumentano lo stipendio...
Foxdilollo78 1 anno fa su tio
Aumento dei costi per proprietari di immobili equivale ad un aumento per gli inquilini Aumento dei costi per proprietari di automobili Tagli al personale Statale Tagli alle prestazioni Statali Tutto il resto non l'ho capito... ma un taglio agli investimenti fuori-di-testa dello Stato?? No?? Esempio il Tram a Lugano o il nuovo Stadio Cornaredo... Va bene che in situazione di crisi e' sempre bene investire ma investire con testa e' meglio che investire sulla testa degli altri...
Andrea E Angela Limonta 1 anno fa su fb
che strano non leggo : diminuzione del salario dei politici ma .....
lo spiaggiato 1 anno fa su tio
Mah...
GI 1 anno fa su tio
Letto tutto, capito niente......di certo, come proprietario immobiliare, possessore di veicoli passerò anch'io alla cassa.....lo stipendio rimane il medesimo......avrò dunque meno denaro a disposizione per far girare l'economia.....che, di solito produce imposte, genera posti di lavoro e così di seguito....la coda del cane è sempre più corta....
Meno 1 anno fa su tio
@GI Bravo! Hai colto il punto. i pagliacci in governo sfoderano l'unica abilità intellettuale che dispongono: l'aumento delle tasse! Se avessero gli attributi darebbero un bel taglio alla spesa, basterebbe fare investimenti nelle infrastrutture senza inseguire standard di lusso e vedi subito come saltano fuori i milioni!
roma 1 anno fa su tio
@GI Gi, quelli che scrivi è corretto dal mio punto di vista. Forse si potrebbe aggiungere, per completare il quadro, che vanno a colpire la dove ci sono i "senza voce". Quelli che possono "urlare forte" non li toccano...
patrick28 1 anno fa su tio
@Meno Che discorso da bar ! forse sei già al bar con un bicchiere di bianco in mano. Complimenti, grandi proposte. Forza Vitta !
Meno 1 anno fa su tio
@patrick28 so di cosa parlo e non sono discorsi da bar... e la tua risposta mostra benissimo che non hai la minima idea del costo dei materiali di costruzione sia per la realizzazione ma specialmente per il mantenimento. Come non sai nulla degli espropri che effettua il cantone e che costa a tutti noi per soli motivi estetici. Per favore!
patrick28 1 anno fa su tio
Mi sembra un programma equilibrato. Bravo Vitta, ottimo consigliere di stato !
bm51 1 anno fa su tio
Stiamo prendendo sempre più esempio dalla vicina Italia, tartassare i contribuenti per poter spendere sempre di più. Bisognerebbe diminuire drasticamente le uscite. Stiamo prendendo veramente una brutta piega, poveri noi in che mani ci siamo messi!
Meno 1 anno fa su tio
@bm51 Infatti! vallo a dire ai giullari al governo!
patrick28 1 anno fa su tio
@bm51 magari hai pure votato Lega. ma per favore ...
Meno 1 anno fa su tio
@patrick28 perché dici questi? pensi che in Ticino siano tutti leghisti o volevi solo muovere un po le dita?
bm51 1 anno fa su tio
@patrick28 Piuttosto mi taglio gli attributi.
Potrebbe interessarti anche
Tags
stato
consiglio
legislatura
prestazioni
misure
consiglio stato
amministrazione
ricavi
spesa
milioni franchi
Copyright © 1997-2018 Ticinonline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - POLICY - COMPANY PAGES - ENERGIA SOLARE

Ultimo aggiornamento: 2018-01-18 16:27:58 | 91.208.130.87