TAVERNE - MILANO
14.09.2017 - 06:400

«Andarsene dal Ticino? All'inizio è un dramma»

Studenti universitari "emigrati" fuori cantone: il racconto di Maria Rosaria, trasferitasi a Milano. «Prezzi più bassi, ma la burocrazia è un problema»

TAVERNE-MILANO. I corsi universitari stanno per iniziare. Continua la serie di 20 minuti/tio.ch dedicata agli studenti ticinesi "emigrati" fuori Cantone. Dopo Zurigo, facciamo tappa a Milano dove Maria Rosaria Maruca, 23 anni di Taverne, studia scienze politiche alla Statale. «Sono venuta qui per l'offerta formativa e per la lingua: ma certamente anche i prezzi sono diversi» ammette. 

Abbiamo fatto i conti in tasca per capire la differenza: Maria Rosaria paga 380 euro (430 franchi) per una singola in periferia, zona Lampugnano. Il contratto però è del 2014: «Sono stata fortunata. I prezzi medi attuali si aggirano sui 500-600 euro nelle zone centrali».

I pro? Il costo del cibo. «Le mie amiche oltre Gottardo si portano la spesa dal Ticino. Per me è il contrario: faccio io qui le commissioni per amici e conoscenti!». I contro: la famigerata burocrazia italiana – «ti rimbalzano da un ufficio all'altro, anche all'università» – ma soprattutto «lo spaesamento della grande città» racconta la 23enne. «All'inizio è drammatico. È troppo diverso dal Ticino, trovare amici e orientarsi non è facile. Ma è questione di abitudine».  

2 mesi fa «Ecco perché ce ne andiamo dal Ticino»
Potrebbe interessarti anche ... (beta)
Tags
ticino
maria rosaria
rosaria
prezzi
maria
inizio
Copyright © 1997-2017 Ticinonline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - POLICY - COMPANY PAGES - ENERGIA SOLARE

Ultimo aggiornamento: 2017-11-17 22:06:10 | 91.208.130.87