Tipress
CANTONE
20.03.2015 - 08:000

L’esame di guida? Oggi è una roba tosta

Un terzo dei candidati non ottiene la patente al primo colpo. Intanto l’asticella degli esperti si è alzata: ecco come e perché

CAMORINO - Il 66% ce la fa al primo colpo, gli altri restano a piedi. Le cifre, nazionali e ticinesi, dicono che da qualche anno due terzi dei candidati all’esame pratico di guida riescono a portarsi a casa subito la patente. Allo stesso tempo, però, l’asticella delle aspettative da parte degli esperti è nettamente più alta rispetto al passato. Il giro di vite è evidente. E si sente. “Oggi sulle strade ticinesi circolano 300.000 veicoli - evidenzia Aldo Barboni, capo della Sezione della circolazione -. Il traffico è cambiato parecchio. E noi ci siamo dovuti adeguare”.       

Strade più insidiose - Nel 2014 in Svizzera sono state 92.636 le persone che hanno ottenuto la patente dell’auto, 5.200 in Ticino. “La maggior parte dei candidati - riprende Barboni - ha tra i 18 e i 20 anni. L’esame è più severo, perché oggi muoversi in auto è più impegnativo”. Renato Gazzola, portavoce del Touring Club Svizzero, va oltre. “Fare la patente oggi non deve più essere considerata una cosa normale. La materia è sempre più complessa, uno non può più limitarsi all’acquisizione di nozioni, ma deve conoscere a fondo la problematica della circolazione stradale. Sulla strada ora ci sono molte più insidie, non c’è più spazio per l’improvvisazione”.

Quanta fretta - Aumentano i requisiti per superare l’esame. Ma in parallelo sono cresciuti anche il livello di formazione e il grado di sensibilizzazione da parte delle autorità. Lo conferma Franco Masci, maestro conducente da oltre 40 anni. “Il problema è che i ragazzi, ma anche i loro genitori, oggi hanno più fretta di raggiungere la patente. Certo, ci sono lodevoli eccezioni, ma questa è la tendenza. Forse perché oggi i ritmi sono più serrati. E così nella mentalità di alcuni la patente diventa assolutamente indispensabile per andare a scuola, per recarsi al lavoro, per uscire”.              

Gli errori ricorrenti - Ma quali sono gli errori più ricorrenti all’esame da parte dei giovani candidati del 2015? Masci non ha dubbi. “Si sbagliano le preselezioni e l’osservazione negli specchietti, così come non si elimina il punto morto negli specchi”. Problemi anche a livello di limiti di velocità. “In particolare fuori località. Oppure nelle zone in cui vige il limite dei 30 chilometri orari. Spesso quei tratti di strada sono diritti e allora ci si mette un attimo a distrarsi e a pigiare il piede sul gas”.    

Una visione globale - “L’esperto cerca comunque di mettere sempre a suo agio il candidato - puntualizza Barboni -. Lo scopo dell’esame rimane sempre quello di valutare la capacità dell’allievo di muoversi in situazioni particolari. E nessuno vuole cercare il pelo nell’uovo. Si considerano vari aspetti. Dalla guida sicura alla corretta lettura della segnaletica, fino alla capacità di sapersi adattare ai contesti più delicati”.  

Commenti
 
Potrebbe interessarti anche ... (beta)
Tags
patente
esame
guida
candidati
barboni
Copyright © 1997-2017 Ticinonline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - POLICY - COMPANY PAGES - ENERGIA SOLARE

Ultimo aggiornamento: 2017-12-13 21:49:33 | 91.208.130.87