CONFINE
16.05.2012 - 10:140

La rabbia della sorella di Mariangela Parisi: "Frontaliera vittima di serie B"

VENEGONO SUPERIORE - Nessun colpevole per la morte di Mariangela Parisi, la donna che due anni fa fu però urtata prima da un’auto, e poi scaraventata nella corsia opposta e travolta da un secondo veicolo. Ma non era sulle strisce pedonali.

Con buone probabilità potrebbe non esserci quindi alcun processo, contrariamente a quanto invocato dai legali dei familiari. Secondo le perizie infatti l'automobilista svizzero che per primo travolse Mariangela stava procedendo rispettando i limiti e non vide la donna anche perché questa era vestita con abiti scuri. Da qui l'assenza di colpevolezza.

Notizia questa che ha lasciato sgomenta la sorella Silvana che - come riporta la Provincia di Varese - è sconvolta e fatica a credere a questo epilogo: "Sarebbe scandaloso - tuona la donna - inaccettabile. Che modo è questo di fare giustizia? Alla fine magari ci diranno che la colpa è di mia sorella. Ci spiegheranno che è morta per colpa sua. Se tutti saranno prosciolti vorrebbe dire che mia sorella è morta da sola. Evidentemente in Svizzera c'è una giustizia di serie A e una di serie B, mia sorella in quanto frontaliera è una vittima di serie B".

Potrebbe interessarti anche ... (beta)
Tags
sorella
serie
mariangela
mariangela parisi
donna
vittima
frontaliera vittima
parisi
Copyright © 1997-2017 Ticinonline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - POLICY - COMPANY PAGES - ENERGIA SOLARE

Ultimo aggiornamento: 2017-12-15 05:33:39 | 91.208.130.86