Keystone
VAUD
08.11.2017 - 09:310

Svizzera base per i terroristi. «Ci saranno altri arresti»

Il suolo rossocrociato può essere utilizzato come base logistica o come Paese di transito. Ma i servizi di intelligence collaborano a livello internazionale

LOSANNA - È di ieri la notizia di dieci arresti nell’ambito di un procedimento antiterrorismo. In manette anche una colombiana di 23 anni residente su suolo svizzero e un 27enne confederato che si trovava in Francia. Secondo "Le Parisien", gli indagati partecipavano a un gruppo di discussione del servizio di messaggistica istantanea Telegram, in cui pianificano un attentato a Nizza.

Non è la prima volta che le tracce del terrorismo islamico portano alla Svizzera. Gli attacchi a Barcellona, Berlino, Turku e Rouen hanno coinvolto persone che avevano transitato nel nostro Paese. Nel rapporto TETRA sulla lotta al terrorismo di matrice jihadista in Svizzera di aprile si legge: «La minaccia è destinata a perdurare. E la Svizzera può essere utilizzata come base logistica per la preparazione di attentati all’estero o come Paese di transito».

«La frequenza degli arresti aumenta» - Sono diversi gli esempi di relazioni tra militanti jihadisti e la Svizzera: nel mese di giugno di quest’anno tre arresti si sono verificati nel canton Vaud. Il procuratore generale ha confermato che c’era il pericolo che diventassero in breve tempo «attivi». In febbraio nell'ambito di una vasta operazione di polizia - che ha coinvolto più di un centinaio di funzionari - sono finite in manette due persone. Alla fine del 2016 - come confermato dal "Tages-Anzeiger" - due terroristi erano a Zurigo per acquisire competenze sugli esplosivi. E in gennaio Anis A., che ha ucciso dodici persone ai mercatini di Natale di Berlino, ha trascorso indisturbato due settimane in Svizzera.

Peter Regli, ex capo dei servizi segreti svizzeri, ha spiegato: «Gli arresti continueranno ad aumentare. Molti jihadisti sfruttano i flussi migratori dalla Siria. La nuova Legge federale sulle attività informative aiuterà molto in questo senso, ma è in vigore solo dal 1. settembre e non ci si può aspettare miracoli. Tuttavia, il servizio di intelligence lavora a stretto contatto con quelli stranieri. Se ti trovi sul radar delle autorità francesi, stai pur certo di essere anche su quelli svizzeri».

«Un’organizzazione mobile e dinamica» - Alexandre Vautravers, esperto di sicurezza e responsabile del nuovo Master in Global Safety presso l’Università di Ginevra, tenta di rassicurare: «Non si può dire che la Svizzera funge da hub (apparecchio per connettere più dispositivi a una rete e più reti fra loro, ndr) per i terroristi in Europa. Il fatto che si possa stabilire un collegamento con la Svizzera in tutti gli attentati che hanno colpito l’Europa, ha a che fare con la posizione geografica e la vicinanza con Francia e Germania. L’intera organizzazione è molto mobile e dinamica: cambia ogni sei mesi». 

La cooperazione internazionale tra i servizi di intelligence resta fondamentale. Per Vautravers è importante che la Svizzera si aggiorni alla tecnologia più moderna.

2 settimane fa Retata anti-terrorismo in Francia, arresti anche in Svizzera
4 mesi fa Arrestati due presunti terroristi a Aubonne
10 mesi fa Attentato di Berlino, aperto un procedimento in Svizzera
1 anno fa Il religioso incarcerato aveva documenti falsi
9 mesi fa Maxi intervento antiterrorismo, oltre 100 agenti mobilitati
2 settimane fa Radicalizzazione islamica tra gli autisti delle società a noleggio?
Commenti
 
Papy Krishnasamy 2 settimane fa su fb
Spero che faranno bene nostro agente. Come altre fanno solo politico
curzio 2 settimane fa su tio
Chi esprime dubbi sull'attuale politica migratoria viene subito bollato come un razzista intollerante xenofobo da quelli che si sciacquano le bocca con le belle parole come integrazione, arricchimento culturale, risorse per la società... I risultati sono lì da vedere.
lo spiaggiato 2 settimane fa su tio
@curzio Non mi pare proprio... questo succede solo a chi accampa argomentazioni razziste e xenofobe... Quando le argomentazioni sono serie e non chiacchere da bar vengono (quasi) sempre ascoltate con interesse...
limortaccituoi 2 settimane fa su tio
@curzio Il problema è che tutti i razzisti e gli xenofobi hanno queste posizioni. Secondo me non è un caso. E comunque i risultati sono li da vedere. Gli arresti ci sono stati, gli attentati no. Mi sembra che i risultati siano ottimi.
moma 2 settimane fa su tio
Triste, ma veramente triste, dovere dare ragione al duo zico&danny. Non dimentichiamo l'invasione sproporzionata dei 65mila, dove ogni limite è stato calpestato. Non succederebbe a parti invertite, sicuro.
Zico 2 settimane fa su tio
@moma mi spieghi perchè è triste dar ragione a me e a Danny?
Zico 2 settimane fa su tio
domanda pellegrina: e dopo che li avete arrestati? gli facciamo un bel corso di integrazione a spese dei contribuenti?
Danny50 2 settimane fa su tio
Non c’é da sorprendersi. Un paese dalla pancia molle che protegge di più i criminali delle vittime, che ha rinunciato a controllare le frontiere e che ha più stranieri in cass che autoctoni non puó che essere un campo ideale per questo genere di attività criminale sommersa.
Zico 2 settimane fa su tio
@Danny50 ...e dove le pene sono ridicole, dove vuoi che si rifugino i delinquenti? e se poi sei delinquente ci pensano i sociologhi a mantenerti a 30'ooo. franchi al mese... concordo con te al 100%
Potrebbe interessarti anche ... (beta)
Tags
svizzera
arresti
terrorismo
servizi
intelligence
paese
Copyright © 1997-2017 Ticinonline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - POLICY - COMPANY PAGES - ENERGIA SOLARE

Ultimo aggiornamento: 2017-11-23 12:23:40 | 91.208.130.87