TEST DRIVE
19.09.2017 - 17:410

La E 43 AMG è davvero il compromesso perfetto?

Ovunque la si guardi, la Mercedes-AMG E 43 è il risultato di un’ossessiva ricerca del compromesso ideale. Che può avere due esiti: unire due mondi o rendere insoddisfatto qualsiasi tipo di guidatore.

Non sono mai stato un grandissimo amante dei compromessi, specie in ambito automobilistico. Perché finiscono sempre per l’asciarti l’amaro in bocca ed un costante sapore di insoddisfazione. Facciamo un esempio partendo da Mercedes-Benz e dalla sua Classe E: una vettura comodissima, talmente ben rifinita da essere la prima della classe, completata da un comparto tecnologico talmente moderno da farla sembra una Classe S venduta a metà prezzo. In altre parole ottieni il massimo del comfort e del lusso offerto dalla sua categoria d’appartenenza. Sempre nel listino della Classe E c’è poi una certa E 63 S sviluppata da AMG, che se dotata della trazione integrale 4MATIC+ diventa nientemeno che la miglior quattro porte sportiva del pianeta: potenza inesauribile, autorevolezza dinamica e soprattutto una trasmissione che permette di scegliere a piacimento la trazione posteriore o integrale. È quindi facile comprendere lo scetticismo con cui mi sono avvicinato a quella che dovrebbe essere una via di mezzo tra le due, ovvero la Mercedes-AMG E 43 4MATIC. Un’automobile che vuole unire un po’ della comodità della Classe E e un po’ della sportività della più potente AMG attualmente in commercio, cioè due mondi agli antipodi. Il risultato solitamente è che non riesce mai ad essere sufficientemente rilassante per chi cerca il comfort e mai sufficientemente sportiva per chi desidera qualche emozione.

Dando tuttavia una prima occhiata alla documentazione del costruttore inizia a spuntare qualcosa di promettente. Prima di tutto il prezzo: per poco meno di 100'000 franchi vi potrete portare a casa una berlina (o una famigliare, come in questo caso) da 401 cavalli capace di accelerare da 0 a 100 km/h in 4,7 secondi, corredata da quella pregevole sensazione di lusso che offrono le vetture della stella a tre punte compreso il bagaglio tecnologico. E se anche volete esagerare con gli accessori ed aggirarvi attorno ai 130'000 franchi come l’esemplare in prova non avrete comunque la sensazione che qualcuno vi stia rubando dei soldi. Per estrapolare quella cavalleria e i 520 Nm di coppia dal 3 litri V6 biturbo, i tecnici di Affalterbach hanno implementato turbine di maggiori dimensioni, aumentato la pressione di sovralimentazione ad 1,1 bar e ritoccato il software di gestione del motore. Al pari di quello del cambio automatico 9G-Tronic a nove rapporti che ora vanta tempi di innesto più brevi. Per scaricare a terra tutta questa potenza è stata saggiamente scelta la trazione integrale 4MATIC “Performance” AMG, la quale privilegia il retrotreno indirizzandogli il 69% della coppia. Per il reparto sospensioni sono state mantenute le pneumatiche AIR BODY CONTROL: per incrementarne la sportività è stata in generale irrigidita l’elastocinematica di entrambi gli assi, cui ha fatto seguito qualche fine intervento di messa a punto come la maggiore campanatura negativa. Completa il tutto un impianto frenane che prevede su entrambi gli assi dischi dal diametri di 360 millimetri.

Il risultato e la resa di tutto ciò, lo ammetto, non poteva che essere più imprevedibile. Stuzzicando l’acceleratore il V6 biturbo emerge la sua erogazione rotonda ed il suo carattere docile, cui fa seguito un allungo sorprendentemente vigoroso caratterizzato da un sound emozionante quando si spinge e che non si fa mancare nemmeno qualche scoppiettio, per poi tornare discreto alle andature più tranquille. Molto sincera la sua risposta, ed anche il cambio non lascia spazio a critiche e addirittura – se utilizzato nella modalità manuale – non innesta il rapporto superiore quando si raggiunge il limitatore. Che bella sorpresa! Inanellate le prime curve questa Classe E è prevedibilmente stabile, cela bene la massa e sembra assecondare con piacere qualsiasi ritmo le si imponga. Pur essendo “ferma” quanto basta di assetto, anche nella taratura più rigida conserva ottime qualità stradali. A sorprendere è la predisposizione con cui affronta le curve quando si aziona lo sterzo pronto e omogeno, collegato ad un avantreno preciso ma mai irruento, cioè commisurato alle ambizioni e prestazionali della “43” che sono di buon livello ma mai esasperate. Eppure capace, proprio come la sua trazione integrale, di assecondarti con grande neutralità: non è certo fatta per farti divertire in senso stretto, ma d’altro canto non ti pervade mai nemmeno l’ombra di un senso di frustrazione. Al contrario: non c’è proprio un singolo momento nel quale, guidandola, non ti senti soddisfatto.

E ho una conclusione piuttosto personale a riguardo. Ovvero che se vuoi qualcosa di più cattivo e mostruoso allora devi prendere per forza una E 63 S, e solo il fatto che tu lo voglia è un motivo più che sufficiente per passare oltre. Ma se non vuoi di più, o ancora peggio non saresti in grado di sfruttarlo, allora non potresti desiderare nulla di meglio della E 43: perché non ti fa mancare davvero niente.

 

SCHEDA TECNICA

Modello, versione Mercedes-AMG E43 4MATIC "T"
Motore V6 3 litri, benzina, biturbo, 401 cv, 520 Nm
Trasmissione Cambio automatico a 9 rapporti
Massa a vuoto 1'930 kg
Accelerazione 0-100 km/h 4,7 secondi
Velocità massima 250 km/h (limitata elettronicamente)
Consumo medio 8,4 l/100 km (omologato)
Prezzo 95'900 CHF
Potrebbe interessarti anche ... (beta)
Tags
classe
amg
km
4matic
trazione
v6
risultato
mercedes-amg
prezzo
trazione integrale
ULTIME NOTIZIE Motori
Copyright © 1997-2017 Ticinonline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - POLICY - COMPANY PAGES - ENERGIA SOLARE

Ultimo aggiornamento: 2017-12-16 19:56:37 | 91.208.130.87