Tipress
CANTONE
09.11.2017 - 11:580

Civica: una multa e un richiamo per gli sfoghi "social" dei docenti

Il Consiglio di Stato chiarisce i provvedimenti presi rispondendo ad un'interrogazione di Massimiliano Robbiani

BELLINZONA - Una multa, un richiamo ed una lavata di capo agli esponenti più “indisciplinati” del corpo docenti cantonale, che all’indomani del risultato del voto sulla civica si erano espressi attraverso i social media con termini e linguaggi non consoni alla propria professione, parlando di «Ticino vergognoso», «trionfo del populismo becero e ignorante» e tracciando paragoni con il nazismo.

Sono questi i provvedimenti presi da parte del Dipartimento dell’educazione, della cultura e dello sport (DECS), che - viene spiegato dal Governo in risposta all’interrogazione presentata lo scorso 26 settembre da Massimiliano Robbiani - in seguito all’accaduto ha aperto diverse inchieste disciplinari, ora concluse, ricordando inoltre ai membri del corpo docenti cantonale, mediante una newsletter interna, le direttive da rispettare nell’utilizzo dei social network.

Pur definendo «inaccettabili» alcune generalizzazioni proposte nell’interrogazione, il Governo ha sottolineato come determinate espressioni possano «costituire un effettivo problema per la reputazione del corpo docente nei confronti dell’opinione pubblica».

1 mese fa Civica, un'altra docente critica il voto e Robbiani non ci sta
Potrebbe interessarti anche ... (beta)
Tags
docenti
multa
interrogazione
richiamo
corpo
Copyright © 1997-2017 Ticinonline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - POLICY - COMPANY PAGES - ENERGIA SOLARE

Ultimo aggiornamento: 2017-11-18 03:55:50 | 91.208.130.86