SVIZZERA
05.06.2012 - 10:200

Arriva l'estate, attenzione ai pericoli dell'acqua per i bimbi

L'Upi lancia la campagna di sensibilizzazione e di prevenzione. La SSS raccomanda i genitori di non lasciare mai incustoditi i bambini vicino all'acqua

BERNA - Troppo spesso capita che un bambino anneghi o subisca danni irreversibili dopo essere caduto in acqua perché non sufficientemente sorvegliato dagli adulti che lo accompagnano. È l'avvertimento lanciato dall'Ufficio prevenzione infortuni (upi) in vista della bella stagione.

Ogni anno in Svizzera annegano in media cinque bambini tra gli zero e i nove anni. A ciò si aggiungono 270 incidenti non mortali che possono comportare conseguenze spesso molto gravi per i bimbi.

Dai calcoli dell'upi, emerge che un bambino può annegare in meno di 20 secondi. Se la persona che lo sorveglia non si trova a distanza ravvicinata, ossia a 1-3 passi, il tempo per salvarlo è pochissimo. Eppure capita sovente che i bambini, anche molto piccoli, siano lasciati in acqua a lungo senza sorveglianza o che gli adulti che li accompagnano sono troppo lontani, pur vedendoli e sentendoli.

Nell'ambito di una campagna triennale sulla sicurezza in acqua, l'upi e i suoi partner intendono quindi sensibilizzare genitori, accompagnatori e bambini sui pericoli della balneazione. Il messaggio è semplice "Bambini sempre sott'occhio. I più piccoli a portata di mano".

ATS

Tags
acqua
bambini
upi
pericoli
bimbi
svizzera
Copyright © 1997-2017 Ticinonline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - POLICY - COMPANY PAGES - ENERGIA SOLARE

Ultimo aggiornamento: 2017-11-24 13:53:23 | 91.208.130.86