SEGNALACI mobile report
focus
SUPSI
18.04.2017 - 06:000

Gli obbiettivi si raggiungono un passo alla volta

Intervista a Maria Boudouris, studentessa del Master in Conservation-Restoration

 

Chi sei?

Sono Maria Boudouris, ho ventisette anni e sono nata in Grecia, dove ho vissuto fino a diciassette anni, ovvero quando mi sono resa conto di avere un debole per l’arte. Mi sono perciò trasferita a Parigi e mi sono laureata in Storia dell’arte alla Sorbonne. Questo è stato solo il primo passo verso ciò che mi affascina. L’osservazione minuziosa dei dettagli delle opere d’arte, la comprensione precisa delle tecniche di realizzazione, soprattutto delle testimonianze architettoniche, agire sui manufatti, dar loro nuova vita, sono cose che una formazione teorica non mi poteva dare. Per questo, forse anche stimolata dal lavoro di mia madre, che è archeologa, ho deciso di intraprendere una nuova formazione alla SUPSI. Qui ho ottenuto il mio secondo Bachelor e ora, dopo un anno di lavoro a Friborgo e Montreux nell’ambito della conservazione, sono tornata per svolgere il Master in Conservation-Restoration.

Perché hai scelto la SUPSI?

Per la sua realtà a misura d’uomo. Nelle grandi università ci si sente anonimi, tutto il contrario rispetto a ciò che sto vivendo alla SUPSI.

Come è studiare in una nuova lingua?

Sono stata aiutata dai corsi di italiano offerti dalla SUPSI e dalla mia conoscenza del francese, oggi mi sento a mio agio.

I venti minuti più stimolanti alla SUPSI?

Capitano ogni giorno, mi entusiasma il fatto di avere una sempre maggiore padronanza delle tecniche di conservazione e una migliore comprensione delle opere d’arte.

Il tuo futuro?

Procedere su questa strada, un passo alla volta.

Copyright © 1997-2017 Ticinonline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - POLICY - COMPANY PAGES - ENERGIA SOLARE

Ultimo aggiornamento: 2017-12-12 03:46:34 | 91.208.130.86