SEGNALACI mobile report
focus
IL CONSIGLIO
22.12.2017 - 15:000

Raffreddore nei gatti, cosa fare

Molteplici i sintomi del malessere, alcuni suggerimenti per individuarli

 

Anche ai gatti, nonostante il folto pelo, può capitare di beccarsi un raffreddore. Riconoscerlo è piuttosto facile perché gli starnuti sono solitamente continui e fanno un rumore davvero facilmente riconoscibile. Il naso, inoltre, si presenta umido o bagnato, irritato o addirittura screpolato: se è davvero chiuso, il micio potrebbe provare a sfregarlo contro le coperte o le zampe, causandosi anche piccole ferite.

Il pericolo maggiore è proprio questo: i gatti, animali indipendenti, tendono a rifuggire le cure e ferendosi potrebbero poi andare incontro a infezioni. Tra i sintomi, inoltre, compare l’inappetenza, causata dall’impossibilità del micio nel fiutare gli odori per via del raffreddore. La cura del raffreddore felino dev’essere affidata al veterinario, che prescriverà antinfiammatori, antibiotici o antistaminici, nel caso la ragione del disturbo sia allergica.

Tra i farmaci, sarebbe meglio scegliere quelli inodori che possono essere sciolti nella pappa, più facili da somministrare. Infine, meglio non disturbare troppo il micio quando è malato: proprio come l’uomo, quando è stordito dal raffreddore non ama essere disturbato o sentire rumori molesti. 

 

Copyright © 1997-2018 Ticinonline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - POLICY - COMPANY PAGES - ENERGIA SOLARE

Ultimo aggiornamento: 2018-01-20 12:06:05 | 91.208.130.86