Fotolia
CANTONE / SVIZZERA
30.10.2017 - 08:420

A noi piace ordinarlo online, un po' meno riceverlo a casa

Il cibo è il settore e-commerce più promettente in Svizzera, ma il click&collect è preferito alla consegna a domicilio

LUGANO - In un paio d'anni, i numeri sono cresciuti del 24%: e oggi il 21% degli svizzeri abituati ad acquistare su internet si rivolge alla rete anche per ordinare quel che desidera portarsi in tavola. Da 444 franchi (2016) a 628 franchi (2017) la spesa media, per un milione di e-consumer e un mercato  stimato in 629 milioni di franchi. Le statistiche, elaborate da Netcomm Suisse, non lasciano grandi margini al dubbio: è quello del food&beverage il settore con le più ampie potenzialità di crescita e-commerce in Svizzera; il fresco la prossima scommessa dello shopping online.

Il Ticino resta indietro: solo uno su 10 - Le cifre lievitano con una fretta pari solo all'interesse mostrato negli ultimi tempi verso l'alimentazione. Il cibo è così arrivato a occupare i posti alti della classifica dei beni più acquistati sul web, dopo moda, viaggi, libri, tecnologia. Anche se, a onor del vero, in Ticino resta parecchio da lavorare: qui compra da mangiare tramite pc (93%), tablet (47%) o smartphone (79%) non una persona su 5, come nel resto della Confederazione, ma appena una su 10, vale a dire in proporzione la metà.

Vendite incrementate del 20% - Manca l'interesse o manca l'offerta? «Sicuramente manca l'offerta, ma molte realtà locali si stanno attrezzando per colmare la lacuna», tranquillizza Carlo Terreni, direttore Netcomm Suisse. Perché quella del cibo è un'opportunità che rischia di essere parecchio grossa: «In media, gli ordini ricevuti da chi attiva anche un canale di vendita online aumentano del 20%. Vuol dire che non c'è un semplice travaso di guadagni da un canale all'altro, ma che si intercettano più clienti». 

Obiettivo: annullare i tempi di attesa - Un esperienza sensoriale e immediata, relegata ai tempi di attesa di internet? Il paradosso è solo apparente, a patto di riuscire a dare alla gente ciò che davvero vuole: e che non è il prodotto comodamente ricevuto sulla porta di casa. La chiave del successo futuro è il click & collect: «Quello del food è un consumo semi immediato. Tipicamente si ordina per mangiare: il momento di accesso dunque diventa fondamentale. Se ordini online e passi a ritirare, autogestisci il tempo di consegna annullando anche l'attesa in coda prima di andare in cassa».

Lo vuole uno svizzero su 4 - Ci si aspettava forse che il fattorino che suona alla porta fosse preferito. Invece no: «Lo dicono le statistiche: il 23% vorrebbe approfittare del click and collect, oltre 1,2 milioni di persone in Svizzera. È un ulteriore servizio rispetto alla ricezione a casa, prediletto perché consente di adattare l'acquisto alla proprie esigenze».

Cerca lavoro in Ticino su www.tuttojob.ch
Commenti
 
Essio Celestini 2 settimane fa su fb
Jessica Celestini
Potrebbe interessarti anche ... (beta)
Tags
casa
attesa
tempi
cibo
manca
franchi
svizzera
Copyright © 1997-2017 Ticinonline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - POLICY - COMPANY PAGES - ENERGIA SOLARE

Ultimo aggiornamento: 2017-11-18 00:13:34 | 91.208.130.86