CANTONE
05.11.2017 - 15:330

«Il Ticino si sta spegnendo e la colpa è delle banche»

L'economista Sergio Rossi accusa il sistema finanziario: «Non investe sul territorio, innovazione e creatività sono paralizzate. Basta start-up, serve un progetto comune»

LUGANO - Un'economia in sofferenza, con molti punti oscuri e un problema strutturale che dopo l'abolizione del segreto bancario rischia, se non si corre ai ripari in tempi brevi, di diventare una realtà di lungo periodo. È questo il quadro dello stato dell'economia ticinese secondo Sergio Rossi, economista e professore ordinario all’Università di Friburgo coordinatore del volume "L'economia elvetica nella globalizzazione"” edito da Armando Dadò Editore. A preoccupare è la fine di un sistema bancario che ha provocato disoccupazione, dumping salariale e chiusura di attività commerciali. E che genera incertezza sul futuro. Ticinonline ha parlato con il Professor Rossi per capire cosa bisognerebbe fare per invertire la rotta.

Professor Rossi, com'è lo stato di salute dell'economia del Ticino?

«Diciamo che è precario, fragile e affetto da una malattia che paralizza l'innovazione e la creatività anche perché a ciò si aggiunge il problema del finanziamento. Un giovane spesso non sa cosa studiare e segue dei cliché pensando di avere un diploma che lo porta ad avere un lavoro sicuro nel settore finanziario o in quello pubblico. Manca una cultura imprenditoriale: la voglia di provare di correre dei rischi e la capacità di creare qualcosa dal nulla così come è stato in passato portando uno sviluppo economico importante. Il cantone Ticino patisce anche una povertà sociale maggiore all'interno della Confederazione: il potere d'acquisto e i patrimoni dei residenti sono inferiori a quelli di altri cantoni di lingua francese o tedesca. Manca anche un capitale finanziario al quale appoggiarsi per avviare un'attività o finanziarsi gli studi».

In questo quadro fosco non stanno meglio i giovani…

«In canton Ticino le prospettive d'impiego per le persone laureate sono poche e con stipendi che altrove sono più del doppio. È facile quindi vedere dei giovani ticinesi che studiano in altri cantoni elvetici o fuori Svizzera e poi non rientrano più in Ticino. Magari poi vengono sostituiti dai frontalieri senza il cui apporto però la situazione dell’economia ticinese sarebbe ancora peggiore di quella attuale».

È colpa anche di una monocoltura bancaria?

«Le banche possono sperare di avere dei rendimenti solo se prima concedono dei crediti alle nuove generazioni per farle crescere assieme al territorio con ricadute positive per la società. Se invece si aspettano di avere capitali a risparmio dal resto del mondo, il mondo è cambiato. Le banche ticinesi dovrebbero essere orientate all'economia cantonale e lavorare per il suo benessere investendo nel territorio i risparmi raccolti e dando credito alle nuove imprese per le attività legate al territorio in vari campi, soprattutto nell'economia sostenibile».

Potrebbe essere la sostenibilità la nuova chiave di sviluppo dell'economia ticinese?

«Senza dubbio: bisognerebbe sviluppare le tecnologie pulite che creano posti di lavoro, così come quelle legate alla mobilità lenta e le tecnologie informatiche. E poi investire in servizi alla persona e nello sviluppo delle scienze mediche dato che il trend della popolazione va verso l'invecchiamento demografico».

E la politica cosa dovrebbe fare?

«Dovrebbe recuperare la forza propulsiva della spesa pubblica, specialmente in un periodo in cui i tassi d'interesse sono storicamente bassi. Oggi vediamo che, di fronte alle difficoltà dell'economia privata, quella pubblica invece di spendere e investire riduce la spesa dello Stato. Questa non è la politica economica adatta per risolvere i problemi attuali. Bisognerebbe, invece, avere un progetto comune, una visione sistemica tra chi fa impresa e chi fa politica, qualcosa che vada oltre alle start-up. E non rifugiarsi nel calcolo contabile in base al quale alla fine dell'anno le entrate devono essere pari alle uscite dello Stato. Servono proposte solide e costruttive per uno sviluppo economico a vantaggio della collettività: non si può pensare di uscire dalle secche pensando solo di abbassare le aliquote fiscali e immaginando che tutto il resto venga da sé».

Si dovrebbe puntare su ricerca e sviluppo?

Certo, sono due concetti chiave per il successo di un'impresa. Per innovare servono sì capitali ma anche persone formate, facendo interagire imprese e centri di ricerca con l'intervento dell'ente pubblico. Ne trarrebbero vantaggio tutte le parti in gioco».

Come potrebbero finanza, impresa e ricerca interagire tra di loro?

«Le imprese che hanno un interesse nell'economia cantonale potrebbero facilmente creare un legame con dei centri di ricerca anche in chiave transfrontaliera per avere un dialogo costruttivo. La ricerca applicata soddisfa i ricercatori e le imprese "sfruttano" le ricerche per inventare e creare nuovi sbocchi di mercato. Non dimentichiamoci che lo "Swiss made" esercita sempre un certo rilievo e ha sempre il suo valore aggiunto in vari settori».

Quindi in conclusione che scenari si posso disegnare per il Ticino nel breve e nel lungo periodo?

«Nel breve lo scenario più realistico è quello meno incoraggiante. E cioè che si prosegua con questa inerzia che spinge verso il basso l'economia e la società. Nel lungo termine non sono in grado di fare una previsione precisa ma temo che, continuando a insistere sul concetto che il Ticino è lasciato a margine dell'economia svizzera, si continuerà a reclamare maggiori aiuti ma senza darsi da fare per farsi capire a Berna. Le forze ci sono e si potrebbe fare squadra con le forze della vicina Italia in modo da guadagnare entrambi anche se non vedo un dialogo costruttivo tra le autorità della Regione Lombardia e del cantone Ticino».

Cerca lavoro in Ticino su www.tuttojob.ch
Commenti
 
Igor Gutschen 1 settimana fa su fb
fintanto che a fare politica ci mettiamo dentro gente che non ha mai lavorato nell'economia privata neppure un singolo giorno e che, lo fa per assicurarsi una pensione e trascinare l'intera famiglia, difficilmente il Ticino avrà un futuro.
MIM 1 settimana fa su tio
La prima da incolpare per questo sfacelo è proprio Berna, al soldo (ormai dimostrato) dell'UE. La fretta, la paura e la totale mancanza di visioni future hanno spinto Berna ad azzoppare il nostro sistema finanziario, senza contropartita e le cui conseguenze ancora non sono finite. Chi parlava di soldi sporchi aveva la bocca completamente sporca, visto che i controlli anti-riciclaggio nel nostro paese erano (e sono) tra i più alti al mondo.
F/A-18 1 settimana fa su tio
@MIM dici che i controlli antiriciclaggio funzionano, sei in chiaro su quanto si sta investendo nel nostro cantone con soldi di provenienza estera? pensi siano tutti soldi sudati? sto parlando di soldi investiti per esempio nel mondo edile, soldi che una volta andavano nelle nostre banche quando queste ti davano un bel percento d'interesse, soldi naturalmente non dichiarati che ora vanno direttamente nel mattone tramite società create dal nulla e subito immensamente grandi, organizzate, promotrici di grosse promozioni immobiliari, sponsor di mille società, ben pubblicizzate, insomma, società miracolose.
Gabriel Arrondo 1 settimana fa su fb
Proviamo a rendere interessanti le città e magari migliorare la mobilità.
Thor61 1 settimana fa su tio
"Manca una cultura imprenditoriale: la voglia di provare di correre dei rischi e la capacità di creare qualcosa dal nulla così come è stato in passato" Anni in cui il governo e lo stato non ti remava contro con mille leggi e leggine fatte solo per complicare le cose più semplici. "Il cantone Ticino patisce anche una povertà sociale maggiore all'interno della Confederazione: il potere d'acquisto e i patrimoni dei residenti sono inferiori a quelli di altri cantoni di lingua francese o tedesca" Possiamo ringraziare di nuovo gli stessi "Geni" della politica e dell'economia, che hanno appunto legiferato usando il lato B invece del cervello. "Magari poi vengono sostituiti dai frontalieri senza il cui apporto però la situazione dell’economia ticinese sarebbe ancora peggiore di quella attuale»" Con le MIGLIAIA di disoccupati residenti in Ticino, molti di questi frontalieri NON hanno/Avrebbero ragione di esistere, e magari la situazione in Ticino sarebbe certamente migliore di quella attuale. "Le banche ticinesi dovrebbero essere orientate all'economia cantonale e lavorare per il suo benessere investendo nel territorio" Questo sarebbe dovuto essere quello che dovevano fare lo STATO e il Cantone, il secondo ancor più del primo per dimostrare di non essere una cozzaglia di incapaci nullafacenti, se non imbrogliare ancor più la già scarsa economia Ticinese.
GI 1 settimana fa su tio
E' per questa ragione che lui insegna a Friborgo....nota località sulle rive del Verbano....
Sole DeLonghi 1 settimana fa su fb
La bolla sta scoppiando. Han voluto giocare al monopoli! Questo é solo l'inizio grazie ad una politica ottusa corrotta e cialtrona si pagheranno serie conseguenze. La neutralità della Svizzera rimarrà un fievole riccordo.
Paolo Rossi 1 settimana fa su fb
e dei bottegai
Pascale Passera 1 settimana fa su fb
Quello che vedo io è che ci sono troppi balzelli e impedimenti che fanno scappare gli imprenditori. Stavolta in primis la colpa è dei governanti!!
Silvano Cuatro Cruces 1 settimana fa su fb
Madona me
samarcanda 1 settimana fa su tio
Grande Rossi! Finalmente un uomo intelligente. Altro che certi piccoli arroganti neo liberticidi che ci propinano come ricetta di sopravvivenza orti e pollai (ormai improbabili anche quelli) mentre loro dal "meno stato" ricevono pagone mirabolanti insieme a parenti, amiche e amici. Il Ticino è stato anche massacrato dal voto di scambio.
Andrea Pellegrini 1 settimana fa su fb
Cazzate la Svizzera è la nazione più forte del mondo e poi il Ticino è ricchissimo
Gabri Ella 1 settimana fa su fb
Arriva uno con un buon business, contratti alla mano con controparti serie, gli manca solo qualcuno che lo aiuti a renderlo reale. Banche: quando le serve? Imprenditore: 1'000'000 Banca: bene, le concedo il fido se mi dà 1'000'000 in garanzia. Imprenditore: beh, forse se avessi 1'000'000 mi sarei finanziato da solo... Banca: beh, se nemmeno lei crede nel suo stesso business e non ci mette niente... R-I-D-I-C-O-L-I
Fran 1 settimana fa su tio
Chapeau Rossi. Anche mia figlia studia a Friborgo e dopo il Master non intende fare rientro in Ticino. Avrebbe un salario, se tutto va bene (se.....) di 3500 lordi, mentre a Friborgo per lo stesso tipo di impiego il salario si aggira attorno ai 7500. Sicché..... cmq mia figlia studia con la borsa di studio del Tesin. Ma se il tuo Cantone non ti da un minimo di garanzia di prospettive e di progettualità.... meglio migrare. E ul Tesin al lassum ai frontaliers che i accettan a lavurà per tri sold. Chiudete il Ticino: è moribondo. Malato terminale. Senza uscita. Senza speranza di guarigione. E ii in oensione scapperò all'estero, che qui farei la fame. Questo é.
Luciano Danti 1 settimana fa su fb
#Falliticino
Mafasa Mafasa Guglielmini 1 settimana fa su fb
che novità
Boris Urs Fantechi 1 settimana fa su fb
Si sta sfruttando soprattutto il vantaggio del bassocosto manodopera frontaliera. Attingendo ai frontalieri tra l’altro paralizziamo anche lo sviluppo economico lombardo e piemontese poiché vengono a mancare a loro preziose risorse.
Michele Anzalone 1 settimana fa su fb
Verissimo
Hrvoje Popovic 1 settimana fa su fb
Gran cazzata !!! Si sta spegnendo grazie ai politici ( ticinesi ) e municipali fattispecie delle grandi aggregazioni ( anch’essi ticinesi ). 🖕🏻🤘🏻
Patricia Widy 1 settimana fa su fb
Solo adesso se n'è stanno accorgento 🤔tutti geni
Karen Leung 2 settimane fa su fb
Ticino NON è Svizzera! Non è mai Stato
David Balzo 2 settimane fa su fb
Il commento ignorante ci voleva. Complimenti!
Karen Leung 2 settimane fa su fb
Fick mich zu meinem Kommentar Schwuchtel! Tessin ist nur ein Downgrade Teil der Schweiz Nichts mehr Weniger Weniger David Balzo
Equalizer 2 settimane fa su tio
Fintanto che le banche per concedere un credito ti chiedono un ugual importo a garanzia, da questa situazione non se ne esce, a questo aggiungiamo che il Ticino politico è di mentalità abbastanza ristretta per quello che concerne le innovazione fuori dai classici canoni (edilizia, finanza) e la miseria è servita.
SosPettOso 2 settimane fa su tio
@Equalizer Come biasimare le banche? Oggigiorno le ditte che incassano i crediti e falliscono lasciando solo debiti sono una consuetudine.
Equalizer 2 settimane fa su tio
@SosPettOso Ho fatto settimane con 60 ore per onorare i miei crediti, nei momenti più duri, so di non essere l'unico, e ne sono sempre venuto fuori bene. Bisogna probabilmente anche saper scegliere.
Giuliano Forlini 2 settimane fa su fb
È un paio di anni che lo penso..il Ticino è campato per anni grazie ai soldi che arrivavano dall'Italia e non si è preoccupato di diversificare la sua economia..in altri cantoni vedi che i soldi sono stati investiti in molte altre cose. Il crollo del segreto bancario ha colpito anche le grandi piazze di Zurigo e Ginevra ma in misura minore rispetto al Ticino, appunto perché la loro economia non era focalizzata quasi esclusivamente sulle banche.
Riky Bertolini 2 settimane fa su fb
Solo in Ticino la gente guadagna meno e paga di più degli altri cantoni!!
Paolo Antognini 2 settimane fa su fb
Credo sia l'emorragia continua e inarrestabile dei costi fissi in aumento per il singolo ticinese a paralizzare lentamente l'indotto economico. Non ci servono le imposte pagate da imprese multi nazionali sul territorio...
Franca Rinaldi 2 settimane fa su fb
Mancano i soldi degli stranieri nelle banche ticinesi.
Ivana Kohlbrenner 2 settimane fa su fb
Manca amore per la ns terra ecco cosa mamma ci hanno e ci stanno svendendo ...chi ? In primis quello che possiamo Veder e cioè la classe politica
Ivana Kohlbrenner 2 settimane fa su fb
Forse in Ticino serve un movimento politico Nuovo ....ora subito
Giuliano Forlini 2 settimane fa su fb
Esatto Franca, era tutto troppo focalizzato sul sistema bancario..finito quello, sono iniziati i problemi veri in Ticino
Walter Quadri 2 settimane fa su fb
Il Ticino si sta spegnendo perché ha 65000 problemi.
Emanuel Emi Bajas 2 settimane fa su fb
Concordo pienamente.
Karen Leung 2 settimane fa su fb
Sei Un Genio! Complimenti!
Walter Quadri 2 settimane fa su fb
Karen Leung cosa vorresti dire?
Walter Quadri 2 settimane fa su fb
Karen Leung commenti stupidi ne abbiamo?
rojo22 2 settimane fa su tio
Non sono filo-banche, tutt’altro! Ma anche noi ticinesi abbiamo riposato sulla sfiga italica (instabilità, fiscalità e chi più ne ha più ne metta) e non abbiamo, fatta eccezione per alcuni lodevolissimo casi, sviluppato una vera mentalità imprenditoriale e industriale. Aspettarsi aiuto dalle banche quando le cose vanno male è come chiedere a una prostituta una sveltina gratis perché si è senza soldi...
Betti Gilomen O 2 settimane fa su fb
Dopo la consapevolezza che il Ticino e' in crisi bisogna agire ..
Marco Edoardo Dozio 2 settimane fa su fb
Ma per piacere.... ditelo a quegli imprenditori che oggi non riescono più a lavorare in quanto LO STATO gli mette i bastoni fra le ruote con balzelli e regolamenti impossibili da rispettare.... LIA in primis.... Al credito bancario non ci arrivano nemmeno... perchè il loro progetto affossa davanti alla burocrazia statale.... Hanno ragione i cugini svizzero tedeschi a chiamarci Trozdem Italiener... perchè stiamo sempre più diventando un quartiere lombardo con tutti i loro difetti....
Paola Villa 2 settimane fa su fb
Con la differenza che in Lombardia l'industria c'è ancora...
Marco Edoardo Dozio 2 settimane fa su fb
Certo.... ma grazie ai sotterfugi per ovviare alla pressione fiscale e i paletti imposti dallo stato....
Franca Rinaldi 2 settimane fa su fb
Più paletti, burocrazia e pressione fiscale non c'è ne in un altro paese del mondo come in Italia.
Boris Urs Fantechi 2 settimane fa su fb
Franca Rinaldi si, l’Etiopia e l’Eritrea. Triste confronto.
sedelin 2 settimane fa su tio
se banche e stato dessero ascolto a un saggio esperto, le cose cambierebbero in meglio. complimenti signor rossi per l'analisi!
Bandito976 2 settimane fa su tio
Il popolo ticinese é da un pezzo che si lamenta. Speriamo che adesso che lo ha detto anche Rossi veniamo presi in considerazione. E non solo per pagare le TASSE.
Jonathan Marcøni 2 settimane fa su fb
Bravo hai scoperto l'acqua calda …Non bisogna essere economisti da 150'000.- annui per capirlo ! Ringrazia anche la BNS che ci sta mettendo del suo con la collaborazione dei politici .
Danny50 2 settimane fa su tio
Uno dei pochi rossi che non dice solo castronate. Merita di più in ambito politico.
Potrebbe interessarti anche ... (beta)
Tags
ticino
economia
sviluppo
ricerca
stato
imprese
banche
rossi
territorio
colpa
Copyright © 1997-2017 Ticinonline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - POLICY - COMPANY PAGES - ENERGIA SOLARE

Ultimo aggiornamento: 2017-11-19 19:04:51 | 91.208.130.86