ZURIGO
28.03.2012 - 15:240

Borsa svizzera: vicina alla parità

ZURIGO - La Borsa svizzera continua ad oscillare attorno alla linea di demarcazione. Alle 15.15 il listino principale SMI segna 6262,75 punti, in calo dello 0,11%. L'indice allargato SPI è a quota 5739,95 (-0,17%).

Nel primo pomeriggio è stato reso noto che gli ordini di beni durevoli negli Stati Uniti in febbraio sono saliti del 2,2%. Gli economisti avevano previsto un incremento del 3%. Al netto della componente trasporti l'aumento è dell'1,6%.

A Zurigo incide in particolare l'arretramento del titolo Nestlé, che perde lo 0,53%. UBS ha peggiorato la sua valutazione sull'azione del gruppo alimentare, hanno osservato gli operatori. I due giganti farmaceutici sono invece chiaramente in positivo: +0,40% per Novartis, +1,01% per Roche.

Fra i bancari, UBS cede l'1,38%, mentre Credit Suisse sale dello 0,49% e Julius Bär è in calo marginale (-0,14%). Negativi i valori guida assicurativi, con Swiss Re che scende dello 0,77% e Zurich Financial dello 0,41%.

Contrastati i titoli più legati ai cicli congiunturali. ABB perde lo 0,27%, Adecco cresce dello 0,19% e Holcim è in flessione dello 0,76%.

Nel listino allargato va segnalato il crollo di Petroplus (-59,72%). Il consiglio di amministrazione dell'impresa in moratoria concordataria ha chiesto la revoca della società dalle negoziazioni alla Borsa svizzera. L'ultimo giorno di contrattazione dell'azione Petroplus dovrebbe essere fissato all'11 maggio.



ATS
Cerca lavoro in Ticino su www.tuttojob.ch
Tags
borsa svizzera
borsa
zurigo
Copyright © 1997-2017 Ticinonline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - POLICY - COMPANY PAGES - ENERGIA SOLARE

Ultimo aggiornamento: 2017-11-20 08:34:00 | 91.208.130.87