MESSICO
06.05.2012 - 09:270

Erutta il vulcano Popocatepetl

483mila mascherine protettive sono state date alla popolazione

CITTÀ DEL MESSICO - Il Popocatepetl, il secondo vulcano più grande e attivo del Messico (5.452 metri di altezza), a una settantina di chilometri dalla capitale, ha fatto registrare nuove espulsione di ceneri, gas e frammenti incandescenti. Il governo - che mantiene l'allerta gialla di fase tre, livello che indica la necessità di tenersi pronti all'evacuazione - ha già avviato la distribuzione di 483 mila mascherine per la bocca nella zona ad est della capitale messicana.

La Segreteria della sicurezza pubblica di Città del Messico (dove vivono 8 milioni di persone) è partita col "piano strategico", che include "pratiche sulle misure preventive che la popolazione deve adottare" in caso dell'arrivo di una "pioggia" di ceneri.

Già da ieri pomeriggio 222 incaricati della protezione civile hanno fatto il giro dei quartieri di Iztapalapa, Milpa Alta, Tlahuac, Xochimilco, Tlalpan, Venustiano Carranza e Iztacalco, tutti ubicati nella parte est della città, per "distribuire le mascherine e materiale sanitario di prevenzione".

Le misure sono rivolte soprattutto a bambini, anziani, e alle persone che già soffrono di malattie polmonari, le più vulnerabili in caso di caduta di ceneri. Inoltre 32 ospedali e oltre 220 centri di salute pubblica sono preparati ad eventuali emergenze.

Le autorità invitano alla calma, ma allo stesso tempo anche a tenersi informati rispetto all'attività vulcanica e alla direzioni dei venti per essere preparati nella possibilità dell'arrivo delle ceneri fino alla capitale.

Ats Ans

Tags
messico
ceneri
popocatepetl
mascherine
vulcano
capitale
città
Copyright © 1997-2017 Ticinonline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - POLICY - COMPANY PAGES - ENERGIA SOLARE

Ultimo aggiornamento: 2017-11-23 19:40:47 | 91.208.130.87