Keystone / AP
BANGLADESH
13.09.2017 - 12:260

102 rohingya affogati nel fiume Naf in 20 giorni

Nelle ultime ore la polizia del Bangladesh ha recuperato sette cadaveri di profughi

DACCA - La polizia del Bangladesh ha recuperato sette cadaveri di profughi rohingya in fuga dalla Birmana nelle acque del fiume Naf, portando a oltre 100 quelli morti nell'attraversamento del corso d'acqua che segna il confine birmano-bengalese. Lo riferisce oggi il portale di notizie BdNews24.

Il commissario di polizia di Cox's Bazar, Mainuddin Khan, ha precisato che gli ultimi cadaveri sono stati recuperati in vari punti e che si tratta di tre donne e quattro bambini. «Riteniamo - ha spiegato Khan - che si tratti di passeggeri di una barca che si è capovolta mentre tentava la traversata del fiume».

Da quando è scoppiata la nuova emergenza profughi dallo Stato birmano di Rakhine il 25 agosto, i soccorritori hanno recuperato nelle acqua del fiume Naf, all'altezza di Bandarban e Cox's Bazar, un totale di 102 corpi senza vita. I media hanno dato notizia nelle scorse tre settimane dell'affondamento di imbarcazioni piene di profughi rohingya in questo fiume.

Fonti Onu hanno stimato ieri a 370.000 i rifugiati entrati di in Bangladesh, precisando che si aggiungono ai 400.000 che da tempo hanno trovato rifugio in territorio bengalese.

Ieri visitando un campo profughi a Cox's Bazar, la premier Sheikh Hasina ha dichiarato che «non ho dubbi che quanto succede là è una violazione dei diritti umani» e che "è difficile trattenere le lacrime quando si vedono centinaia di cadaveri di uomini, donne e bambini che galleggiano nel Naf».

Tags
fiume
näf
profughi
fiume naf
cadaveri
rohingya
cox bazar
cox
bazar
bangladesh
Copyright © 1997-2017 Ticinonline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - POLICY - COMPANY PAGES - ENERGIA SOLARE

Ultimo aggiornamento: 2017-11-20 20:00:38 | 91.208.130.86