ITALIA
09.11.2017 - 16:000

Morta di malaria a Brescia, l'ospedale ammette: «Errore umano»

La piccola di quattro anni sarebbe stata contagiata da un altro bambino quando era stata ricoverata a Trento

TRENTO - Aveva perso la vita agli Spedali Civili di Brescia questo settembre la piccola Sofia (4 anni) che si trovava in vacanza sulle spiaggie Bibione (VE) con la famiglia aveva misteriosamente contratto la malaria. Misteriosamente perché la piccola non era mai stata in visita in paesi a rischio. 

Una conferma sull'origine del contagio è arrivata oggi dai eriti dell'Istituto Superiore di Sanità, che hanno trasmesso alla procura di Trento le loro conclusioni, il contagio sarebbe avvenuto in ambito ospedaliero proprio nella struttura del Trentino.

Stando agli inquirenti «è escluso che il veicolo dell'infezione sia una zanzara. Se c'è stato un errore - riporta il rapporto - si è trattato di una macroscopica falla nelle procedure, un errore umano non facilmente individuabile».

Ad agosto la bimba era stata ricoverata al reparto di pediatria del Santa Chiara di Trento in un reparto con due bambine del Burkina Faso affette da un parassita dello stesso ceppo di quella contratta da Sofia.

 

 

2 mesi fa Malaria: probabile contagio in campeggio
2 mesi fa Malaria: «Infettata dallo stesso parassita di altre due bambine»
2 mesi fa Bimba di 4 anni muore di malaria a Brescia
Potrebbe interessarti anche ... (beta)
Tags
errore
trento
brescia
piccola
errore umano
malaria
Copyright © 1997-2017 Ticinonline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - POLICY - COMPANY PAGES - ENERGIA SOLARE

Ultimo aggiornamento: 2017-11-17 18:43:19 | 91.208.130.87