Oggi in Svizzera
News
NOTIZIA FLASH 
Trasmissione Live 

SVIZZERA

02/10/2017 - 21:30

E se un cantone volesse chiedere l’indipendenza?

In Svizzera potrebbe succedere ciò che sta accadendo in Spagna con il referendum della Catalogna?

Keystone
0
0

BERNA - Il referendum di ieri indetto della Catalogna sta mettendo in crisi la Spagna e il suo regno. Un referendum che mostra come il 90% dei catalani spingano per l’indipendenza dal Governo centrale di Madrid. Uno scenario simile sarebbe possibile in Svizzera? Un cantone potrebbe chiedere l’indipendenza?

Nella sua edizione odierna, il “Tages-Anzeiger” si è soffermato su questi quesiti. E la risposta è chiara: no, non è possibile che un cantone si ritrovi nella stessa situazione della Catalogna. In effetti, la Costituzione svizzera parla espressamente di «26 cantoni svizzeri». Di conseguenza, se uno di loro volesse ottenere la propria indipendenza o volesse “trasferirsi” in un altro Stato, bisognerebbe modificare la Costituzione. Per farlo, sarebbe dunque necessario votare e servirebbe la doppia maggioranza (popolo e cantoni). Una cosa simile a quanto avvenne per la creazione del 26° e ultimo cantone in ordine di tempo, il Giura.

In ogni caso, il quotidiano sottolinea come i desideri d’indipendenza dei cantoni non siano davvero d’attualità. Al contrario, «la Svizzera è nell’invidiabile posizione per cui si preferisce chiederne l’annessione, piuttosto che andarsene». In effetti, in Savoia (Francia), in Piemonte e in Lombardia (Italia) o ancora nel Vorarlberg (Austria), già in passato si sono levate voci che auspicavano un’annessione alla Svizzera.

Regole del blog. Leggere attentamente prima di commentare

17 commenti da TIO
moma - 3 Ottobre alle 09:48
Bè, gli unici Cantoni in grado di chiedere l'indipendenza sarebbero Zurigo e forse Berna. Gli altri farebbero la fame. Qui si tratta solo di forza economica e null'altro. Io, potente, ricco e forte.

Partecipa anche tu alla discussione, leggi tutti i commenti e interagisci con gli altri blogger.
95 commenti da FACEBOOK
Hugo Pinheiro - 6 Ottobre alle 20:09
La percentuale dei voti che hanno comunicato dal governo della Catalogna sommano 100,88%.. com'è possibile? I media hanno ricevuto dalla Generalitat (così chiamano al governo della Catalogna) dati relativi a solamente 660'000 votanti, non più di 2 millioni. La richiesta di intervento della polizia statale spagnola è stata richiesta poco prima di aprire i seggi..così non doveva essere quella catalana ad intervenire. Dei più di 800 cittadini feriti che "ci sono stati", solo 4 sono rimasti in ospedale e la maggior parte delle immagini di feriti erano fasulle. La Spagna non va in contro della Catalogna, qui abbiamo una Costituzione, che come nella maggior parte dei paesi del mondo, vieta la separazione dei territori nazionali. Non c'è nessuna legge internazionale che lo vieti, quando non c'è sottomissione o violazione dei diritti Umani, e qui non è il caso. Non è altro che un gioco politico che sta usando öa gente e separando la società di questa regione. I dati reali dicono che poco più del 30% della popolazione della Catalogna vuole l'indipendenza. In una democrazia il restante 70% dovrebbe avere diritto ad essere ascoltato. La Spagna è la unione di vari popoli uniti da uno stesso spirito, con il rispetto verso tutte le differenze che ci rende unici e nessuno spagnolo permetterebbe che si usasse la violenza per ragioni politiche, sennò perché sarebbero ancora in libertà quelli che hanno promosso questo caos?..

Partecipa sulla pagina ticinonline.ch

Copyright © 1997-2017 Ticinonline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - POLICY - COMPANY PAGES - ENERGIA SOLARE

Ultimo aggiornamento: 02:40:46 | 91.208.130.56
Tutte le notizie in Svizzera del 24/10/2017 - 0 Notizie