Oggi in Svizzera
News
NOTIZIA FLASH 
Trasmissione Live 

GINEVRA

14/09/2017 - 15:14

Una piattaforma online per imparare a cercare lavoro

"JobIn" è un progetto pilota ginevrino, il primo in Svizzera, che forma a distanza chi è disoccupato

Keystone
0
0

GINEVRA - Il Canton Ginevra ha creato una piattaforma online per insegnare a chi non ha un lavoro come facilitarsi la ricerca di un impiego e accelerarla. Si tratta di un progetto pilota in Svizzera, presentato oggi alla stampa dal consigliere di Stato Mauro Poggia, capo del dipartimento cantonale dell'impiego, degli affari sociali e della sanità.

Chiamata "JobIn" e lanciata a fine giugno, questa formazione digitale a distanza è accessibile sin dall'annuncio di disoccupazione e aiuta chi cerca un lavoro sviluppando diversi aspetti: definizione del profilo professionale, preparazione del curriculum vitae e della lettera di presentazione, sviluppo della rete e della presenza su internet, candidatura online, preparazione ottimale dei colloqui di lavoro. Video, quiz ed esercizi pratici consentono al candidato di progredire al proprio ritmo.

«Con JobIn diamo ai candidati all'impiego maggiori chance di tornare sul mercato del lavoro», ha affermato Mauro Poggia. La nuova piattaforma - ha aggiunto - mira a rendere la maggioranza di loro autonomi nelle ricerche.

Offrendo la stessa formazione a tutti gli iscritti all'Ufficio cantonale dell'impiego (OCE) «il dispositivo acquista coerenza», ha rilevato Caroll Singarella, responsabile del Servizio delle misure per l'impiego. Il sito conta già 700 utenti sulle 15'000 persone alla ricerca di un'occupazione nel cantone lemanico. Seguendo i loro progressi sulla piattaforma online, i consulenti in materia di personale sono meglio in grado di aiutarli.

Le persone che non sono abbastanza autonome potranno continuare a beneficiare di corsi tradizionali. Ma a medio termine l'OCE vuole vedere l'80% dei candidati all'impiego formarsi grazie a JobIn, ha detto il suo direttore Charles Barbey. Sono ancora previsti sviluppi della piattaforma, con l'introduzione di un simulatore video di colloquio di lavoro e ulteriori formazioni.

La piattaforma online mira anche a spingere chi non ha dimestichezza con il mondo digitale a fare il passo. «Le pratiche di collocamento hanno subìto un'evoluzione. Oggi non si può non tener conto di internet, delle reti sociali, dell'e-reputation», ha rilevato Barbey. E ha sottolineato che la prima cosa che un datore di lavoro interessato a un candidato fa è di guardare su internet.

La Segreteria di Stato dell'economia (SECO) potrebbe proporre una iniziativa simile ad altri cantoni. Avendo avviato la sua svolta digitale nel 2015, l'OCE è ormai un punto di riferimento in Svizzera, secondo Poggia. «Ginevra è all'avanguardia, perché è uno dei cantoni più colpiti dalla disoccupazione», ha affermato.

Potrebbe interessarti anche ... beta

Copyright © 1997-2017 Ticinonline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - POLICY - COMPANY PAGES - ENERGIA SOLARE

Ultimo aggiornamento: 02:47:42 | 91.208.130.56
Tutte le notizie in Svizzera del 25/09/2017 - 0 Notizie