GINEVRA
15.03.2014 - 13:370

Irregolarità all'Ufficio compensazione, l'ex direttrice non ci sta

Valérie Cavero respinge le accuse e spiega che gli errori sono dovuti soprattutto alla mancanza di tempo

GINEVRA - L'ex direttrice dell'Ufficio centrale di compensazione AVS/AI/IPG (UCC) della Confederazione, con sede a Ginevra, Valérie Cavero, respinge le accuse relative a irregolarità nell'attribuzione di mandati per l'informatica. Gli errori sono dovuti soprattutto alla mancanza di tempo, ha detto in interviste pubblicate sabato dai quotidiani "Tages-Anzeiger" e "Der Bund".

 

Nel 2011, l'Ufficio federale dell'informatica aveva annunciato che non avrebbe più messo risorse a disposizione dell'UCC. L'ufficio ha dovuto creare un proprio dipartimento di informatica e organizzare tutto a tempo di record, ha spiegato Cavero.

 

L'UCC doveva nel contempo garantire il versamento delle rendite. "se non avessimo più potuto pagare le rendite a causa del sistema informatico, le conseguenze per i beneficiari sarebbero state disastrose".

 

L'UCC aveva ingaggiato imprese informatiche senza contratto, ma secondo l'ex direttrice si tratta di casi isolati dovuti a "distrazione". Le prestazioni sono comunque state documentate e le fatture corrispondevano al lavoro svolto, precisa Cavero.

 

L'ex direttrice ha ribadito di essersi dimessa per ragioni personali, non a causa delle accuse che le sono state rivolte. Aveva anche opinioni divergenti sulla direzione futura dell'UCC rispetto ai suoi superiori.

 

Ats

Commenti
 
Potrebbe interessarti anche ... (beta)
Tags
ex direttrice
ucc
ufficio
direttrice
cavero
ginevra
tempo
accuse
informatica
irregolarità
Copyright © 1997-2017 Ticinonline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - POLICY - COMPANY PAGES - ENERGIA SOLARE

Ultimo aggiornamento: 2017-11-17 20:13:46 | 91.208.130.87