Keystone
SVIZZERA
08.12.2017 - 14:330

Parmelin soddisfatto delle dimmissioni di Buttet

Il consigliere federale commenta l'addio del consigliere nazionale alla vicepresidenza della Società svizzera degli ufficiali. «Ha tratto le dovute conseguenze»

BERNA - Il consigliere federale Guy Parmelin ha accolto favorevolmente la notizia delle dimissioni di Yannick Buttet dalla vicepresidenza della Società svizzera degli ufficiali (SSU). «Dal mio punto di vista ha tratto le dovute conseguenze», ha detto Parmelin alla "Schweizer Illustrierten". Il consigliere nazionale democristiano, tenente-colonnello dell'esercito, è accusato di stalking.

Buttet ha deciso autonomamente, ha aggiunto il ministro. Le dimissioni sono state annunciate all'inizio della settimana dalla SSU. Nel comunicato si precisa che la direzione della SSU attenderà la fine di una eventuale procedura penale per decidere ulteriori passi.

Buttet è stato sospeso anche dalle sue funzioni di tenente-colonnello e deve consegnare l'arma di servizio all'arsenale. Si tratta di una prassi abituale quando i militi sono oggetto di denuncia.

Interrogato su eventuali casi analoghi nell'esercito, il consigliere federale ha assicurato che non sono state presentate denunce finora. Quanto alle battute sessiste, Parmelin ha precisato che «l'esercito è uno specchio della società». Ci sono uomini che fanno battute «sotto la cintura, ma possono già essere considerate molestie? Dobbiamo fare attenzione a non cadere nell'estremo opposto», ha concluso.
 
 

Commenti
 
Potrebbe interessarti anche ... (beta)
Tags
buttet
parmelin
consigliere
esercito
società
consigliere federale
ssu
Copyright © 1997-2018 Ticinonline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - POLICY - COMPANY PAGES - ENERGIA SOLARE

Ultimo aggiornamento: 2018-01-18 00:55:37 | 91.208.130.87