Tipress
BELLINZONA
13.08.2017 - 09:150

«Io ho cercato di salvarla»

Sarebbe alle battute finali l'inchiesta sulla morte della donna eritrea caduta dal sesto piano di una palazzina

BELLINZONA - «Non l’ho spinta fuori io, anzi ho cercato di salvarla. L’ho afferrata al polso, ho stretto mentre lei penzolava nel vuoto fuori dal balcone». È con queste parole che, come riporta oggi il Caffè, si difenderebbe il cittadino eritreo di 35 anni accusato di aver ucciso, lo scorso 3 luglio a Bellinzona, la compagna.

L’inchiesta, coordinata dal procuratore pubblico Moreno Capella, sarebbe quasi terminata. E si è dovuta basare su unico indagato e nessun testimone oculare diretto. Come ricorda il domenicale, i vicini avrebbero comunque parlato di frequenti litigi. E a poche ore dalla morte della donna, qualcuno avrebbe inoltre detto che «già un’altra volta la donna era in bilico sul balcone».

4 mesi fa Delitto di via San Gottardo, il marito continua a negare
5 mesi fa «Aveva già tentato di ucciderla. L'abbiamo vista con le gambe fuori dalla finestra»
5 mesi fa Caduta dal sesto piano: arrestato il convivente
5 mesi fa Donna cade nel vuoto e muore
Potrebbe interessarti anche ... (beta)
Tags
donna
Copyright © 1997-2017 Ticinonline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - POLICY - COMPANY PAGES - ENERGIA SOLARE

Ultimo aggiornamento: 2017-12-11 07:04:52 | 91.208.130.87