Screenshot video Twitter
BASILEA CITTÀ
27.12.2017 - 10:560

Sassi e bottiglie contro la polizia, 18 persone a processo

I fatti risalgono al 24 giugno 2016. Gli imputati dovranno rispondere di danneggiamento qualificato, sommossa, violenza o minaccia contro le autorità e i funzionari, aggressione e lesioni semplici

BASILEA - La procura di Basilea città ha comunicato oggi di aver avviato un procedimento nell'ambito di una manifestazione violenta di estrema sinistra del 2016. Diciotto persone fra i 18 e i 29 anni - di cui 11 svizzeri, sei svizzere e un olandese - dovranno comparire davanti al Tribunale penale.

Negli scontri erano rimasti feriti due poliziotti e una facinorosa. Vennero inoltre causati danni per 180'000 franchi. Gli imputati dovranno rispondere di danneggiamento qualificato, sommossa, violenza o minaccia contro le autorità e i funzionari, aggressione e lesioni semplici.

I fatti risalgono al 24 giugno 2016: poco dopo le 22.00 una cinquantina di persone si riunirono nel centro città per una manifestazione non autorizzata. La polizia, giunta sul posto in seguito ai primi danneggiamenti, venne aggredita con violenza e bersagliata con sassi e bottiglie. I vandali ruppero numerosi vetri, imbrattarono facciate e provocarono danni a diversi veicoli della polizia. I due agenti e la ragazza feriti necessitarono di cure ospedaliere.

Le forze dell'ordine arrestarono in tutto 14 persone, sette delle quali vennero poste temporaneamente in detenzione preventiva.

In seguito, su un sito internet autonomo apparve una lettera di rivendicazione secondo cui si era trattato di un'azione di circa 50 persone per manifestare contro "Razzismo, repressione ed espulsione".

1 anno fa Sassi e bottiglie contro la polizia: guerriglia urbana nel centro di Basilea
Potrebbe interessarti anche
Tags
polizia
violenza
bottiglie
sassi
Copyright © 1997-2018 Ticinonline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - POLICY - COMPANY PAGES - ENERGIA SOLARE

Ultimo aggiornamento: 2018-01-20 13:52:41 | 91.208.130.87