Oggi in Svizzera
News
NOTIZIA FLASH 
Trasmissione Live 

GINEVRA

19/05/2017 - 15:57

I pedoni non hanno vita facile a Ginevra, Losanna e La Chaux-de-Fonds

Lo rivela un test di "praticabilità pedonale"

Keystone
0
0

GINEVRA - I pedoni non hanno la vita facile nei centri urbani: a Losanna e Ginevra sono costretti a subire tempi di attesa troppo lunghi ai semafori, mentre a La Chaux-de-Fonds la loro circolazione è impedita dall'eccessivo numero di vetture, attirate dalla gratuità dei parcheggi.

Lo rivela un test di "praticabilità pedonale" condotto nelle tre città dall'organizzazione actif-trafiC. A La Chaux-de-Fonds, i pedoni sono confrontati alle numerose vetture parcheggiate sui marciapiedi, che li costringono a dover camminare sulla strada.

È d'altronde a La Chaux-de-Fonds che è stato constatato il maggior numero di situazioni conflittuali fra veicoli motorizzati e pedoni. Alla città neocastellana è stato attribuito un indice di soddisfazione appena sufficiente (64%), mentre Ginevra ha ottenuto il 92%.

Nella città di Calvino e a Losanna, la qualità globale delle vie pedonali è piuttosto buona, ma sono stati rilevati tratti problematici, quali marciapiedi troppo stretti a Ginevra. In entrambe le metropoli lemaniche, tuttavia, i pedoni sono costretti ad aspettare troppo a lungo ai semafori, mal regolati.

Un test supplementare al riguardo ha rivelato che a Ginevra per 10 minuti di tragitto a piedi, un pedone aspetta in media circa 3 minuti che il semaforo diventi verde per lui. I tempi di attesa al semaforo rosso rappresentano a Ginevra fino al 40% del tempo impiegato per l'intero tragitto, mentre a Losanna possono persino raggiungere il 50%.

In entrambe le città è d'altronde quasi impossibile attraversare un incrocio a piedi in una sola volta, a meno di correre. Al riguardo, actif-trafiC chiede una migliore sincronizzazione dei semafori verdi agli incroci e di accrescere la durata di ogni singolo semaforo.

Secondo l'organizzazione, questi test dimostrano che le autorità dispongono di un ampio margine di manovra per migliorare la situazione dei pedoni e incoraggiare gli spostamenti a piedi in città. I prossimi test saranno condotti in periferia, dove la situazione dei pedoni è spesso meno favorevole.

Il test si basa su quello pubblicato nel novembre 2016 dall'equivalente svizzero-tedesco di actif-trafiC (umverkehR), che coinvolgeva otto città della Svizzera tedescofona. Il metodo impiegato è identico: si tratta di valutare in base a diversi criteri la qualità dei tratti (marciapiedi, strade), degli attraversamenti (passaggi pedonali, semafori), le fermate dei trasporti pubblici e le piazze.
 
 

Regole del blog. Leggere attentamente prima di commentare

0 commenti da TIO
Non è ancora stato inserito nessun commento.

Loggati a Tiolounge per poter essere il primo a commentare questo articolo.

Copyright © 1997-2017 Ticinonline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - POLICY - COMPANY PAGES - ENERGIA SOLARE

Ultimo aggiornamento: 06:32:02 | 91.208.130.56
Tutte le notizie in Svizzera del 25/07/2017 - 1 Notizie