Oggi in Finanza
News
Postfinance
NOTIZIA FLASH 
Trasmissione Live 

SVIZZERA

27/05/2012 - 09:55

BNS, il presidente Jordan: "Determinati a difendere l'1,20"

Il presidente della Banca Nazionale Svizzera Thomas Jordan ha ribadito la determinazione dell'istituto nel difendere il tasso minimo di cambio di 1,20 franchi per un euro

Keystone (archivio)




BERNA - Il presidente della Banca nazionale svizzera (BNS), Thomas Jordan, ha ribadito oggi la determinazione dell'istituto di emissione nel difendere il tasso minimo di cambio di 1,20 franchi per un euro. Non v'è motivo di dubitare, ha assicurato Jordan in un'intervista pubblicata dal domenicale "SonntagsZeitung".

"In futuro, anche nelle condizioni più difficili, continueremo a difendere il corso minimo e a imperniare la nostra politica monetaria sul suo mantenimento", ha dichiarato il presidente della BNS.

La situazione si è degradata nel corso delle ultime settimane ed è diventata più incerta, ha rilevato ancora Jordan. Gli investitori cercano un rifugio e molti lo trovano nel franco. "La politica della Banca nazionale ha permesso al franco svizzero di non rafforzarsi rispetto all'euro", ha aggiunto.

Se il tasso è passato per qualche secondo sotto la soglia dell'1,20 franchi in aprile, "ciò è imputabile alle controparti che non trattano con la BNS". Per motivi incomprensibili, talune banche erano disposte a vendere euro ad altri istituti al di sotto del tasso minimo di cambio.

Vi sono poi state due domeniche in cui Bloomberg ha riferito di dati al di sotto dell'1,20 franchi per un euro. Tuttavia, non si trattava di transazioni concrete, ma di una media dei prezzi legati all'offerta e alla domanda proposta dalle banche ai loro clienti, ha sottolineato Jordan.

Il presidente della BNS capisce gli appelli a un innalzamento del tasso minimo. Il franco è chiaramente sopravvalutato e, tenuto conto dei dati fondamentali, dovrebbe diminuire. La situazione è difficile per numerose imprese.

"Ma non possiamo manipolare arbitrariamente la nostra moneta. In una situazione di crisi ancor più grave, ciò sarebbe fatale e controproducente. Il tasso minimo deve avere la sua legittimità. Il corso attuale è realistico e ha aiutato la congiuntura in Svizzera", ha concluso Jordan.


BNS prende sul serio un aggravarsi della crisi

La BNS non prevede peraltro un'esplosione della zona euro, né un'uscita della Grecia. Tuttavia l'istituto di emissione prende sul serio l'ipotesi di un'acutizzazione della crisi. Per questo ha creato un apposito gruppo di lavoro, ha aggiunto il successore di Philipp Hildebrand.

Si tratta di valutare l'attuazione di misure preventive che influenzerebbero direttamente l'afflusso di capitali in Svizzera, ha spiegato Jordan, il quale non ha però voluto fornire ulteriori dettagli.

Il gruppo di lavoro, evocato ieri sulle onde della radio svizzerotedesca DRS anche dal consigliere federale Johann Schneider-Ammann, costituisce un progetto comune di BNS e Confederazione. La sua missione consiste nel lottare contro il rafforzamento del franco, nonostante il tasso minimo di cambio di fissato a 1,20 franchi per un euro.

ATS
 

&
Ultime
N° lista news:   10 |  25 |  50


Copyright © 1997-2014 Ticinonline SA - Tutti i diritti riservati - IMPRESSUM - SEGNALACI
Last Cache Update: 20.08.2014 18:31:19
Tutte le notizie in Finanza del 20/08/2014 - 18 Notizie