LIVE - CONCLUSO
REGNO UNITO

Attentato a Londra, 50 colpi per annientare i terroristi

«Blocchi sul ponte? Non servono» avevano dichiarato le autorità comunali il giorno prima dell'attacco. Tra le vittime un francese e un canadese

LONDRA - Si è trattato di un duplice attacco terroristico quello svoltosi ieri sera nel centro di Londra.

Il primo attacco è avvenuto sul London Bridge, ponte simbolo della città, dove un pulmino ha investito diversi pedoni: dal veicolo sono poi usciti tre aggressori che hanno accoltellato altri passanti; il secondo episodio di violenza ha riguardato la zona di Borough Market, dove lo stesso commando ha continuato la sua azione di morte prima di cadere sotto i colpi della polizia.

Mark Rowley, numero uno dell'antiterrorismo di Scotland Yard, ha precisato prima dell'alba il numero delle vittime: 7 morti, oltre ai tre terroristi uccisi. I feriti sono 48.

Inizialmente era stato ipotizzato che vi fossero alcuni assalitori in fuga, ma la polizia ha smentito la notizia.

La matrice terroristica è apparsa subito evidente.

 

7 mesi fa Furgone travolge i pedoni sul London Bridge, almeno 20 feriti
7 mesi fa Tassista ha cercato di fermare i terroristi
7 mesi fa L'agente 'eroe', i feriti e le vittime di Londra
19:41

Un francese fra le vittime - C'è anche un francese tra i sette morti dell'attentato a Londra. Lo annuncia il ministero degli Esteri di Parigi. La polizia britannica ha parlato di "stranieri" tra le vittime, finora si era conoscenza del decesso di un canadese.

19:02

Lotta al terrorismo proteggendo i valori - Parlando di «violenza ingiustificabile», il segretario generale dell'ONU, Antonio Guterres, si è unito al coro di condanna e di cordoglio per gli attacchi di ieri a Londra.

Guterres, in una dichiarazione diffuse dal suo portavoce, ha espresso solidarietà al governo britannico nella lotta al terrorismo e all'estremismo violento: «È una battaglia in varie parti del globo che costringe la comunità internazionale a unire gli sforzi per portare davanti alla giustizia chi usa tattiche inumane proteggendo allo stesso tempo e promuovendo i valori fondamentali, i diritti e i principi che i terroristi così fervidamente cercano di negare».

18:59

«Blocchi sul ponte? Non servono» - Il giorno prima dell'attentato al London Bridge, le autorità comunali della capitale britannica avevano detto esplicitamente di non trovare necessario mettere dei blocchi di cemento a protezione dei pedoni dal trafficato ponte.

Lo rivela il Sun spiegando di aver rivolto una domanda precisa su questo tema qualche giorno fa dopo aver constatato che il marciapiede del London Bridge è molto ampio e basso. Venerdì, a 24 ore dall'attacco, la risposta di Jennifer Ogunleye, portavoce della City of London Corporation, era stata: «Al momento non abbiamo in programma di mettere barriere o blocchi di cemento sul London Bridge».

18:13

Cittadino ferito dalla polizia - La polizia intervenuta per fermare i tre terroristi di Londra ha ferito con un colpo di arma da fuoco anche un cittadino, che è stato ricoverato in ospedale ma non è in pericolo di morte. Lo ha detto il capo dell'anti-terrorismo di Scotland Yard, Mark Rowley, secondo cui sarà avviata un'inchiesta interna sull'accaduto.

17:58

Escluse vittime italiane«Al momento si esclude la presenza di italiani tra le vittime dell'attentato di Londra. Continuiamo, comunque, a fare tutte le verifiche con l'Unità di crisi e con le autorità britanniche, visto che a Londra la presenza di italiani è molto alta»: lo dice il sottosegretario agli Esteri Enzo Amendola, giungendo nella zona dell'attentato di ieri.

17:57

Una vittima è canadese - C'è un canadese tra le sette vittime dell'attentato al London Bridge Londra. Lo ha annunciato il premier del Canada Justin Trudeau.

 
17:56

Ancora 36 feriti in ospedale - Ancora 36 feriti dell'attacco al London Bridge sono in ospedale, di questi 21 si trovano in gravi condizioni. Lo ha detto il capo della polizia di Scotland Yard, Mark Rowley, in un punto con i giornalisti, sottolineando che serve tempo per identificare le vittime perché alcune sono straniere.

Rowley ha anche detto che sono stati sparati 50 colpi per "neutralizzare" i tre terroristi entrati in azione ieri notte nel centro di Londra.

«L'attacco è stato condotto da tre assalitori, ora stiamo cercando di capire se vi siano fiancheggiatori. Dobbiamo finire il lavoro prima di rivelare l'identità delle persone coinvolte», ha aggiunto il numero 2 di Scotland Yard. La polizia britannica non esclude quindi che i tre abbiano avuto complici esterni al commando tuttora da individuare.

Il pulmino bianco della Renault utilizzato dai terroristi per sferrare l'attacco al London Bridge era stato "noleggiato di recente dai terroristi" stessi.

17:20

Nuovo raid nella zona di East Ham - C'è un nuovo raid anti-terrorismo in corso nell'est di Londra, nella zona di East Ham, non lontano da Barking dove è avvenuto il primo questa mattina dopo l'attacco di ieri sera nel centro della capitale britannica. Ne dà notizia Sky News.

17:00

Ventun feriti in condizioni critiche - Ventuno dei feriti dell'attacco di ieri sera a Londra versano «in condizioni critiche». Lo riferisce la BBC che cita l'NHS, il servizio sanitario nazionale britannico.

16:58

«Il sindaco ha cose più importante da fare che rispondere a Trump» - Un portavoce dell'ufficio del sindaco di Londra Sadiq Kahn, citato dal Mail online, ha affermato che il primo cittadino «è occupato a lavorare con la polizia, con i servizi di emergenza e con il governo per coordinare la risposta a questo orrendo e codardo attacco terrorista» e quindi, «ha cose più importanti da fare che rispondere ai tweet male informati di Donald Trump che deliberatamente prendono fuori contesto le parole con cui (Kahn) si è rivolto ai londinesi per dir loro di non allarmarsi quando vedono più polizia - compresi agenti armati - nelle strade».

Questa mattina il presidente americano ha attaccato via Twitter il sindaco Kahn, scrivendo: «Almeno sette morti e 48 feriti in un attacco terroristico e il sindaco di Londra dice che non c'è ragione di allarmarsi!».

16:56

May visita i feriti - La premier britannica Theresa May ha compiuto una visita privata al Kings College Hospital di Londra dove sono ricoverate alcune persone ferite nell'attacco avvenuto ieri sera nel centro della capitale. Ne dà notizia lo stesso ospedale.

16:46
16:46
16:04

Identikit di un terrorista - È stato diffuso il primo identikit di uno dei tre terroristi: è un uomo sposato, con figli, dai tratti mediorientali ed è stato definito di modi gentili. Il suo appartamento, nel quartiere periferico di Barking, è stato perquisito dalla polizia.

14:50

Quattro agenti feriti - Sono quattro gli agenti di polizia rimasti feriti nell'attacco di ieri sera a Londra, di cui uno in modo grave ma non è in pericolo di morte. Lo ha detto ad Itv Ken Marsh, presidente della Police Federation for the Metropolitan Police, secondo cui il poliziotto era fuori servizio ed è stato accoltellato dai terroristi.

14:28
14:28
14:24

Dodici persone arrestate - La polizia ha arrestato dodici persone connesse all'attentato di ieri sera a Londra. Lo comunica la stessa polizia. 

14:15

Sequenza dell'attacco - L'attacco al London Bridge e al Borough Market di Londra nel quale sono morte sette persone, oltre ai tre aggressori, e rimaste ferite 48, si è svolto tutto nell'arco di otto minuti. Ecco la sequenza temporale.

- 23.07 (ora svizzera) - Il servizio ambulanze di Londra viene chiamato per un incidente al London Bridge

- 23.08 - La polizia viene allertata sul fatto che un pullmino ha travolto diversi passanti sul London Bridge. Testimoni hanno raccontato del un pullmino che correva contro la folla a 80 chilometri all'ora e di diversi corpi sulla strada. Il pullmino prosegue la sua folle corsa fino alla Borough High Street e si schianta fuori dal pub Barrow Boy e Banker. Lì i tre assalitori escono fuori e iniziano ad accoltellare le persone

- 23.14 - Le ambulanze arrivano sul luogo dell'attentato

- 23.16 - La polizia arriva sul luogo dell'attentato, spara e uccide i tre terroristi fuori dal pub Wheatsheaf.

14:04

Reazioni di Trump - «Dobbiamo smettere di essere politicamente corretti e occuparci della sicurezza per la nostra gente. Se non ci facciamo furbi potrà solo peggiorare». Così il presidente degli Stati Uniti Donald Trump in uno di una serie di tweet di prima mattina all'indomani degli attacchi a Londra.

«Almeno sette morti e 48 feriti in un attacco terroristico e il sindaco di Londra dice che non c'è ragione di allarmarsi!», afferma il presidente americano riferendosi a Sadiq Khan sermpre su Twitter.

«Avete notato che non c'è ora un dibattito sulle armi? È perché hanno usato coltelli e un furgone!», scrive sempre il presidente degli Stati Uniti riportando in questa circostanza l'attenzione su un tema interno agli Usa circa il controllo delle armi, tra quelli centrali nella campagna di Trump.

13:36

Cinque fermi - Cinque persone sono state fermate dalla polizia britannica nel quartiere londinese di Barking, durante un raid compiuto questa mattina in relazione all'attacco di ieri sera sul London Bridge e a Borough Market. Lo riporta fra gli altri il Daily Telegraph online.

 

11:57

Tre attacchi in tre mesi - «Le cose devono cambiare». La premier britannica Theresa May annuncia battaglia «all'estremismo islamico» e la revisione della strategia anti-terrorismo. La Gran Bretagna è stata colpita tre volte in tre mesi e l'intelligence ha sventato altri cinque attacchi.

Attentati non collegati l'uno all'altro ma che si sono "ispirati" l'uno all'altro, ha sottolineato la May parlando per la prima volta di una nuova tendenza: «il terrorismo chiama altro terrorismo». Non bisogna farsi intimidire e restare un «unico grande Regno Unito», è il messaggio ai britannici della premier che annuncia la ripresa della campagna elettorale domani e il regolare svolgimento delle elezioni giovedì 8.

Non c'è ancora nessuna rivendicazione, e la polizia sta indagando per individuare eventuali complici dell'assalto e ha confermato che gli attentatori di Londra indossavano cinture esplosive finte con lo scopo di terrorizzare i passanti nel corso dell'attacco. In queste ore è in corso un raid della Met Police nel quartiere di Barking, nell'est di Londra. Gli agenti sono all'interno di un condominio e la zona intorno è stata transennata.

Oltre alla solidarietà dei leader di tutto il mondo è giunto dal Vaticano il messaggio di papa Francesco che «prega per le vittime e i familiari» e auspica che lo «lo spirito doni pace al mondo intero; guarisca le piaghe della guerra e del terrorismo».

Intanto da Manchester arriva l'annuncio della polizia che il concerto in memoria delle vittime in programma questa sera allo stadio Old Trafford di cricket è confermato. L'evento renderà omaggio anche alle persone rimaste uccise nell'attentato a London Bridge. Le forze dell'ordine sottolineano tuttavia che saranno schierati più agenti del già ingente numero previsto. «Ogni persona sarà sottoposta a controlli, se potete non portate borse così da rendere più rapide le verifiche», è l'appello della polizia di Manchester.

11:27

Messaggio di solidarietà dalla Svizzera - Il consigliere federale Didier Burkhalter, a nome delle autorità e del popolo svizzero, ha trasmesso stamane un messaggio a Londra dopo gli attentati della scorsa notte. La presidente della Confederazione Doris Leuthard ha espresso in un tweet la sua costernazione.

In un sms inviato al ministro degli esteri britannico Boris Johnson, Burkhalter esprime la «solidarietà della Svizzera». «Dobbiamo proseguire negli sforzi per combattere le radici della violenza e per prevenirla», scrive il capo del dipartimento federale degli affari esteri (DFAE).

Dal canto suo Doris Leuthard si è detta «scioccata» in un tweet, nel quale ha «condannato duramente l'attacco». «I miei pensieri - ha scritto la presidente - vanno alle vittime dell'attentato e alle loro famiglie».

 

11:10

Confermato il concerto Il concerto in memoria delle vittime di Manchester in programma questa sera allo stadio Old Trafford di cricket è confermato.

Lo annuncia la polizia della città sottolineando che l'evento si terrà e renderà omaggio anche alle persone rimaste uccise nell'attentato a London Bridge.

Le forze dell'ordine annunciano tuttavia che saranno schierati più agenti del già ingente numero previsto. «Ogni persona sarà sottoposta a controlli, se potete non portate borse così da rendere più rapide le verifiche», è l'appello della polizia di Manchester.

10:54

Appello della polizia - L'unità antiterrorismo della polizia britannica lancia via Twitter un appello: «Chiunque abbia immagini o filmati dell'incidente a #LondonBridge e #BoroughMarket per favore aiuti la polizia inviandoli a ukpoliceimageappeal.co.uk».

In un comunicato diffuso sempre via Twitter il National Police Chief's Council precisa che personale specializzato esaminerà tutto il materiale in arrivo al più presto possibile, ma «considerato la grande quantità di immagini che prevediamo di ricevere, potremmo non essere in grado di rispondere ad ognuno. In ogni caso, apprezziamo le immagini che ci invierete».

10:53

Sette vittime - Sale a sette il numero delle vittime degli attacchi di Londra. Lo ha detto Cressida Dick, comandante di Scotland Yard.

La comandante della Met Police ha affermato che sono 48 i feriti nell'attacco. Come già detto in precedenza si ritiene che ci fossero solo tre attentatori nell'azioni terroristica, che sono stati uccisi dalle forze dell'ordine.

Sono in corso le indagini per individuare eventuali complici che li abbiano aiutati nella preparazione dell'assalto. Dick ha ringraziato i londinesi per il loro «coraggio straordinario» mostrato la notte scorsa e ha affermato che gli agenti di Scotland Yard sono impegnati al massimo per garantire la sicurezza della capitale.

10:33
10:10

Ariana Grande: «Prego per Londra»: «Prego per Londra»: così in un tweet Ariana Grande, la pop star americana idolo dei giovanissimi protagonista suo malgrado il 22 maggio scorso del sanguinoso attentato terroristico suicida della Manchester Arena, avvenuto a conclusione di un suo concerto.

Grande è tornata a Manchester proprio in questi giorni, per visitare in ospedale alcuni dei bambini rimasti feriti in quell'attacco, e partecipare oggi a un evento musicale di solidarietà e beneficenza nello stadio del cricket di Old Trafford con altri grandi nomi del pop - come Justin Bieber, Katy Perry, Miley Cyrus, Coldplay, Take That o Robbie Williams - da lei stessa promosso.

 
09:52

Leader della comunità islamica britannica condanna l'attacco - Condanna senza appello da uno dei leader della numerosissima comunità islamica britannica degli attacchi terroristici perpetrati stanotte a Londra da aggressori che sembra abbiano invocato il nome di Allah.

«Sono inorridito e infuriato», afferma Harun Khan, segretario generale del Muslim Council of Britain, per «questi attacchi terroristici nella mia città. Sono attacchi di violenza scioccanti, che condanno nei termini più forti», insiste.

«I musulmani - assicura Khan - si sentono ovunque oltraggiati e sono disgustati da questi codardi che ancora una volta distruggono le vite di nostri compatrioti britannici». Il fatto che tutto ciò sia accaduto nel pieno del Ramadan «dimostra che queste persone non rispettano la vita, né la fede», conclude Khan, offrendo le sue preghiere per le vittime.

09:46

«I terroristi odiano la democrazia» - «I terroristi hanno in odio la nostra democrazia. L'8 giugno dobbiamo andare a votare per difendere la civiltà, i diritti umani e la democrazia». È l'appello lanciato dal sindaco di Londra Sadiq Khan. 

Intanto il partito conservatore ha confermato di aver sospeso la campagna elettorale. In un comunicato, ha reso noto che «oggi non ci sarà campagna nazionale. Rivedremo la situazione nel corso della giornata e quando emergeranno ulteriori dettagli sull'attacco».

09:43

I primi racconti - Emergono i primi racconti dell'orrore, dall'inferno di Londra. Per esempio la scena di una donna investita su London Bridge dalla furia contemporanea dei tre aggressori.

Infierivano con i coltelli contro di lei, ha riferito un testimone oculare, Gerard Vowls, con gli occhi ancora sbarrati. «Gridava, chiedeva aiuto», rievoca Gerard, che dice di aver cercato di fare qualcosa, lanciando «sedie e bottiglie» prese in un bar contro i tre.

«Ma loro a quel punto hanno cominciato ad avvicinarsi a me, per cercare di accoltellarmi, tiravano coltellate a tutti, gente malvagia, davvero malvagia», continua. Ora l'uomo vorrebbe sapere «se quella ragazza è ancora viva». «L'ho cercata in giro per un'ora e mezzo piangendo, ma non non ne ho trovato traccia, non so cosa fare», conclude sconsolato.

Anche il barista Alex Martinez narra di momenti spaventosi: «Ho visto un uomo con un coltello in mano che gridava qualcosa. Ho capito che stava succedendo qualche guaio e mi sono nascosto». Dove? «In un bidone dell'immondizia».

09:34

Due feriti francesi - Tra i 40 feriti dell'attentato a Londra ci sono anche due francesi, di cui uno è grave. Lo ha detto il portavoce del governo francese, Christophe Castaner.

«Il ministero degli Esteri francesi ha attivato un centro per gestire l'emergenza», ha aggiunto, sottolineando che il presidente francese e il governo sono in contatto con le autorità britanniche.

09:33

Reazioni - Theresa May, immediatamente informata, ha interrotto la sua campagna elettorale in veste di leader del Partito Conservatore (al pari del rivale laburista Jeremy Corbyn) e ha riconvocato a Downing Street il comitato di emergenza Cobra: che dopo Manchester aveva elevato l'allerta terrorismo al livello massimo ('critico'), quello che presuppone nuovi attacchi imminenti, salvo riportarlo poi al livello 'grave'.

May ha definito quanto accaduto stanotte «terribile», Corbyn «brutale e scioccante». Mentre Donald Trump, in una telefonata con la premier, ha condannato l'eccidio e offerto aiuto all'alleato britannico. Ma è anche tornato a evocare il divieto dei laptop sui voli. Nessuna rivendicazione finora, ma sostenitori dell'Isis, in pieno Ramadan, hanno affidato come di consueto la loro esultanza ai social media.

09:32

Testimonianze - A London Bridge numerosi testimoni hanno visto il van, un veicolo bianco noleggiato dalla Hertz, piombare ad alta velocità, attorno agli 80 chilometri all'ora, su un marciapiede e falciare una mezza dozzina di persone. Finché dal mezzo sono saltati fuori tre ossessi, tutti uomini e armati con coltelli dalle lunghe lame (30 centimetri, stando ad alcuni racconti), e si sono scagliati a tirare fendenti gridando: «Questo è per Allah».

09:30

Movente - Il movente del terrorismo, evocato inizialmente come «potenziale» dalla premier Theresa May, è stato confermato quasi subito dagli investigatori. La sequenza si è consumata in pochi minuti (ne sono passati 8 fra la prima telefonata di allarme e la sparatoria finale), a neppure due settimane di distanza dell'atroce attentato suicida commesso alla Manchester Arena il 22 maggio: dove Salman Abedi, giovane britannico figlio di ex rifugiati politici libici anti-Gheddafi, si era fatto esplodere fra la folla che usciva dal concerto di Ariana Grande - fra cui molti giovanissimi - causando 22 morti e circa 120 feriti.

Ma il paragone più evidente è quello con un altro episodio avvenuto a Londra qualche mese fa, nella zona di un secondo ponte cittadino celebre, Westminster Bridge, quando un uomo, Khalid Masood, si lanciò alla guida di un Suv su un gruppo di pedoni, uccidendone 5, per poi scendere dalla vettura e accoltellare a morte un poliziotto all'ingresso dell'adiacente palazzo del parlamento prima d'esser ucciso a sua volta da un agente armato.

09:29

48 feriti - I feriti sono 48, secondo quanto ha confermato il vice direttore delle operazioni del London Ambulance Service, Peter Rhodes. «Abbiamo portato 48 pazienti in cinque ospedali in varie zone di Londra...Diverse altre persone sono state soccorse sul posto per ferite meno serie». Il sindaco laburista di Londra, Sadiq Khan, ha precisato che diversi dei feriti ricoverati in ospedale versano in condizioni critiche.

08:25
08:24
08:23
08:23
08:20

False cinture esplosive - Gli assalitori indossavano false cinture esplosive, precisa la polizia questa mattina. Alcune immagini diffuse dai media britannici lo lasciavano già supporre. 

08:14

Cittadini francesi feriti - Secondo l'Eliseo tra i feriti figurerebbero alcuni cittadini francesi

08:12

Nessuna vittima svizzera - Tra le vittime non vi sarebbero cittadini svizzeri, ma il DFAE resta in contatto con le autorità britanniche. 

08:09
08:09
08:09
08:09
08:09
08:09
08:09
08:09
08:09
08:09
08:09
08:09
08:09
08:09
08:09
08:08
08:08
08:08
08:08
08:08
08:08
08:08
08:08
08:08
08:08
08:08
08:08
08:08
08:08
08:08
08:08
08:03
08:03
08:03
08:03
08:03
08:03
08:03
08:03
08:03
08:03
08:03
08:03
08:03
08:03
08:03
08:03
08:03
08:03
08:03
08:03
07:58
Copyright © 1997-2018 Ticinonline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - POLICY - COMPANY PAGES - ENERGIA SOLARE

Ultimo aggiornamento: 2018-01-16 16:25:35 | 91.208.130.86