mobile report Segnala alla redazione
CANTONE
26.10.2018 - 14:280

L’edicola elettronica di Unitas ora anche con tio.ch e 20 minuti

LUGANO - Leggere i quotidiani cartacei o passare del tempo informandosi per conto proprio sfogliando riviste è un attività che diverse persone con problemi di vista hanno dovuto progressivamente abbandonare. In loro aiuto è venuta l’edicola elettronica che ha visto il suo esordio già nel 1991 con un progetto tra Unitas, il signor Gabriele Scascighini e il signor Cleto Pescia dove alcuni utenti beneficiarono giornalmente delle testate “La stampa di Torino”, “La borsa della spesa” e la rivista “Argomenti” del Giornale del Popolo. La data ufficiale è tuttavia stata posticipata al 15 ottobre del 1992 con l’aggiunta dei due quotidiani ticinesi “Corriere del Ticino” e Giornale del Popolo”. Col passare degli anni sempre più testate sono state aggiunte ed oggi se ne contano oltre 70 nelle diverse lingue nazionali.

Ma come funziona il tutto?  Tramite accordi specifici tra i produttori dei giornali, delle riviste o quant’altro vengono stabilite le modalità di consegna degli articoli. Dato che ogni testata usa strutture diverse si rende necessario adattarle e uniformarle. Questo lavoro viene fatto da una ditta esterna che archivia e mette in seguito a disposizione le varie testate.

Il diritto di poter prelevare le pubblicazioni è regolato da un contratto gestito dalla Federazione Svizzera dei ciechi. La Unitas agevola i propri utenti occupandosi dell’attivazione e di far da tramite per eventuali anomalie. Solo persone con forti problemi di vista o cieche hanno diritto a poter sottoscrivere tale contratto con possibilità di disdetta entro il 31 dicembre.

Ci sono tre metodi per poter leggere queste pubblicazioni, il primo e più comodo è tramite un PC (non MAC) dove viene installato oltre al programma anche una sintesi vocale, il secondo tramite App per Smartphone ed il terzo meno performante tramite una pagina web. In pratica si sceglie una testata, la si scarica sul proprio dispositivo, si sfoglia tra le rubriche, si scelgono gli articoli da ascoltare.

Una nota dolente è che per motivi tecnici non è più disponibile il “Corriere del Ticino” in versione integrale come pure il “Giornale del Popolo” per cessata attività. Con soddisfazione si comunica tuttavia che si è riusciti recentemente a implementare le pubblicazioni italofone con tre nuove testate: “TicinOnline” (Tio.ch), “20 minuti” e “L’osservatore”.

 

Tags
unitas
testate
edicola elettronica
tio.ch
giornale
pubblicazioni
giornale popolo
edicola
popolo
minuti
Copyright © 1997-2018 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2018-12-15 13:10:36 | 91.208.130.87