CANTONE
17.12.2013 - 18:350
Aggiornamento : 07.11.2014 - 11:21

Scuola Media 1 di Lugano, interviene il SISA

LUGANO - Sulla problematica della Scuola Media 1, collocata nel Palazzo Studi presso il Parco Ciani e bisognosa di una nuova destinazione interviene anche il Sindacato Indipendente degli Studenti e Apprendisti (SISA) che già nelle recenti elezioni comunali l'aveva sollevata. "Si sa che la scuola non è in cima alle priorità della classe politica, e i continui disagi che soffre lo testimoniano. E purtroppo il discorso non va semplicemente applicato a Lugano ma a tutto il Cantone, dove il tema dell'edilizia scolastica sta sempre più diventando uno dei punti maggiormente dolenti del mondo dell'educazione", si legge nel comunicato del SISA.

Ora, come il SISA prevedeva, la vicenda è giocoforza balzata agli onori della cronaca, e si agisce consultando meno persone interessate possibili (docenti, genitori, allievi).

 

"Dopo le sacrosante lamentele dei genitori, e di qualche esponente politico non dedito soltanto ai propri interessi, ecco muoversi anche i liberali-radicali Badaracco e Viscardi - spiega il Sindacato- con una proposta che non può che alimentare diversi dubbi".

 

I due consiglieri chiedono al Governo "di attuare velocemente tutti i passi necessari per trovare un'alternativa valida alla Scuola Media di Lugano – che non siano i container provvisori al Parco Ciani – se del caso con la collaborazione della città di Lugano nell'ottica di valutare eventuali ubicazioni alternative o definitive in città, come quella dell'ex Macello".

 

Ma il SISA risponde: "Se da una parte non possiamo che rallegrarci della presa in considerazione del problema anche da parte loro - era ora! - aleggia un pesante presentimento sulla natura della loro proposta. Premettendo che dovremmo essere ormai tutti d'accordo sulla necessità di trovare una sistemazione consona alla Scuola Media 1 non rischia di essere, tale soluzione, una delle migliori maniere per buttarla in caciara, finendo in un'interminabile querelle tra Municipio e molinari, alla faccia degli allievi, che attendono giustamente di potersi accomodare altrove?".


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-08-12 09:37:38 | 91.208.130.85