ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
52 min
Il Covid che separa papà e figli
Durante il lockdown il diritto di visita tra genitori separati ha subito limitazioni, che in qualche caso continuano
BELLINZONA
1 ora
Troppa rigidità per le startup ticinesi?
Post Covid-19. A sollevare la questione è un imprenditore che si sente penalizzato: «Così ci escludono dagli aiuti».
CANTONE
1 ora
Abbonamenti Arcobaleno, ecco come avverranno gli indennizzi
Quindici giorni in più di validità per gli abbonati annuali, un buono per quelli mensili.
GAMBAROGNO
10 ore
Continua il calvario per il Porto del Gambarogno
Un'interpellanza firmata dalle commissioni delle opere pubbliche e della gestione è stata recapitata in Municipio.
CANTONE
10 ore
Scattano le manette per un badante
L'uomo, di origine straniera, è stato arrestato giovedì. L'accusa è di aver sottratto 20mila franchi a un anziano.
FOTO
LUGANO
14 ore
Godersi la foce con la distanza sociale
Per il lungo weekend di Pentecoste sono entrate in vigore le nuove misure per favorire il distanziamento sociale.
MELIDE
15 ore
Swissminiatur riapre un po' di più, ed è a senso unico
Al via la stagione 2020 con novità post Covid
PONTE TRESA
15 ore
Il nuovo serbatoio dell'acqua potabile arriverà in elicottero
Il luogo di posa non è raggiungibile con gli autocarri
LUGANO
18 ore
Svizzeri all'estero: sul Ceresio ma un anno dopo
Slitta all'anno prossimo il congresso previsto per il mese di agosto
CANTONE / SVIZZERA
19 ore
Un ticinese ha percorso più di 100 km in due giorni
One Million Run: il muro del milione di chilometri da percorrere in due giorni è stato abbattuto.
CANTONE / SVIZZERA
19 ore
Mascherine sull'autopostale: in Ticino la indossa uno su 5
E oltre il San Gottardo va anche peggio, come dimostrano le cifre della Svizzera tedesca e della Romandia
ARGOVIA
26.10.2013 - 14:540
Aggiornamento : 16.11.2014 - 16:34

Assemblea nazionale PS, la linea ticinese non passa

La sezione ticinese ha chiesto senza successo di introdurre emendamenti per dare la possibilità ai cantoni di limitare il numero di lavoratori distaccati e indipendenti con una clausola di salvaguardia.

BADEN AG - Il Partito socialista esige che vengano migliorate le misure di accompagnamento alla Libera circolazione come condizione preliminare per l'allargamento alla Crozia. I delegati, riuniti a Baden, hanno respinto l'iniziativa UDC contro l'immigrazione di massa che chiede la reintroduzione di contingenti per tutti gli stranieri. Bocciate anche la proposta della sezione ticinese di introdurre la clausola di salvaguardia anche per distaccati e indipendenti.

In un documento di posizione, approvato con 156 voti contro uno e tre astensioni, i socialisti hanno denunciato il persistere del dumping salariale e l'aumento vertiginoso degli affitti malgrado le misure di accompagnamento alla libera circolazione. Il testo precisa che il PS "non farà campagna" per l'estensione dell'accordo alla Croazia se non saranno adottate misure supplementari.

"La libera circolazione è oggi utilizzata dalla destra per far pressione sui salari. Questa politica ha trasformato i migranti in capri espiatori", ha detto la vicepresidente Jacqueline Fehr. "Dobbiamo offrire una risposta alla sofferenza sociale nei cantoni di frontiera", ha aggiunto il consigliere nazionale ginevrino Carlo Sommaruga.

Il testo chiede di estendere l'obbligatorietà delle convenzioni collettive di lavoro, l'introduzione di salari minimi e controlli più severi sui salari nelle regioni frontaliere. La Confederazione dovrebbe inoltre favorire la costruzione di alloggi ad affitti moderati e prevedere un tasso minimo di appartamenti a pigione ridotta in certe zone. Anche per quanto riguarda il settore della formazione, Berna dovrebbe promuovere le professioni tecniche e scientifiche e aumentare i posti di apprendistato dove c'è penuria.

La sezione ticinese ha chiesto senza successo di introdurre nel documento alcuni emendamenti per dare la possibilità ai cantoni di limitare il numero di lavoratori distaccati e indipendenti con una clausola di salvaguardia. Una volta superata una determinata soglia di lavoratori esteri, le aziende sarebbero obbligate a dare la priorità a manodopera residente, secondo la proposta.

Le ore di lavoro prestate da questa categoria di lavoratori d'oltre confine e l'equivalente dei posti a tempo pieno sono più elevati in Ticino rispetto agli altri cantoni di frontiera. Questa situazione si traduce con 70 milioni di franchi di salari che partono all'estero, senza nessun ristorno fiscale, né contributi previdenziali, e in parte anche senza essere sottoposto all'IVA, precisa la presa di posizione del PS Ticino.

I rappresentanti ticinesi hanno sottolineato gli effetti perversi della libera circolazione sui salari che sono dal "30 al 40% più bassi in Ticino rispetto al resto della Svizzera". Anche sul fronte dell'occupazione la situazione rischia di diventare esplosiva: la disoccupazione calcolata dalla SECO è del 4,1%, ma secondo i criteri dell'Organizzazione internazionale del lavoro è dell'8%, contro l'8,7% in Lombardia, aggiunge il testo del PS Ticino.

L'assemblea dei delegati ha respinto pure l'iniziativa UDC per l'introduzione di contingenti annuali per immigrati, frontalieri e richiedenti l'asilo. Il presidente Christian Levrat ha esortato il consigliere federale Johann Schneider-Ammann a "svegliarsi" prima della votazione del 9 febbraio.

Non basta fare campagna contro l'iniziativa UDC tappezzando il paese di cartelloni finanziati da economiesuisse per convincere il popolo, "andate a vedere cosa dice la Svizzera profonda, quella che lavora e si preoccupa", ha detto rivolgendosi ai rappresentanti dei partiti borghesi. "Rifiutare di discutere di protezione salariale, di avere un ruolo nella costruzione di alloggi, di riflettere sulla politica di formazione, significa confondere il Consiglio federale con una casa di riposo", ha aggiunto Levrat.

ats

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-06-02 08:24:30 | 91.208.130.89