ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
1 ora
Cinque nuovi casi di Covid-19 in Ticino
Il totale d'infezioni da inizio pandemia ha raggiunto quota 3'458. Il numero di decessi resta fermo a 350.
LOCARNO
1 ora
Utilizzo del suolo pubblico: «Un successo da mantenere»
Diversi consiglieri comunali chiedono che l'eccezione introdotta dopo il lockdown diventi una nuova normalità.
CANTONE
1 ora
Un coleottero ci salverà dall'ambrosia?
Sta tornando il suo polline della pianta. Ma c'è un animale che in futuro la potrebbe indebolirla
BELLINZONA
3 ore
Perchè il mercato di Bellinzona ha successo?
Carlo Banfi, responsabile del mercato, ci svela i segreti della popolarità dell’appuntamento all'ombra dei castelli
CANTONE
3 ore
Annegare è un attimo
La Società di Salvataggio mette in guardia sui pericoli in acqua. «Importante sensibilizzare»
CANTONE
5 ore
«Volevo bere qualcosa ma mi hanno mandato via»
Il gerente: «abbiamo dei divanetti lounge adibiti, ma erano pieni»
LUGANO
5 ore
Yoga nudi per accettare i propri difetti
Dawio Bordoli, 56 anni, fa il "ricercatore spirituale". Una figura su cui molti sono scettici. Ecco i suoi segreti.
CANTONE
16 ore
È morto Oviedo Marzorini
Classe 1945, è stato primo cittadino ticinese fra il 2004 e il 2005.
SVIZZERA
17 ore
È in corso il processo ai due presunti reclutatori dell'ISIS
Si presume che i due imputati siano responsabili di diversi viaggi in Siria effettuati da musulmani svizzeri
BELLINZONA
18 ore
Robbiani, il burqa e i sacchi dell’immondizia. Il ministero pubblico: “Non è reato”
Ci sono voluti sei anni per stabilire il decreto di abbandono nei confronti di Massimiliano Robbiani
CANTONE
19 ore
Il Ticino torna a scuola, «ma le lacune non mancano»
Il SISA prende posizione: per una scuola davvero normale occorre annullare le disparità e introdurre misure di sostegno.
FOTO
CANTONE
20 ore
Il livello dell'acqua scende, il Lago Maggiore "ha sete"
Con 192.53 metri sul livello del mare, il Verbano si sta avvicinando ai minimi storici.
GIUBIASCO
23 ore
Il direttore si dimette
La Cantina sociale di Giubiasco è di nuovo senza guida, se ne va Conceprio
CANTONE
1 gior
La scuola ricomincia in aula, per tutti
Lo ha comunicato oggi il Governo ticinese: «È lo scenario che fa funzionare le scuole in maniera corretta»
BELLINZONA
1 gior
Due presunti islamisti a processo
Il dibattimento inizia oggi al Tribunale penale federale di Bellinzona. Gli imputati sono un 34enne e un 37enne
CANTONE
1 gior
Coronavirus in Ticino: nel weekend quattro casi e zero decessi
Nel nostro cantone il numero complessivo di persone risultate positive al virus sale a 3'453
CANTONE
1 gior
Disoccupati in (lieve) calo
A luglio trend positivo. Ma rispetto all'anno scorso c'è un peggioramento
ASCONA
1 gior
Quante sassate sul lungolago
Si è svolta con grande successo la nona edizione del campionato ticinese del lancio del sasso. Ecco come è andata.
CANTONE
1 gior
Biotecnologia: il miglior CEO dell'Europa centrale è a Comano
Premiato Davide Staedler che gestisce la società TIBIO
CANTONE
17.01.2013 - 10:090
Aggiornamento : 23.10.2014 - 10:19

Centro di emergenza aperto agli asilanti, il PS interroga il Consiglio di Stato

CANOBBIO - Il 27 Luglio 2012 è stato aperto a Bellinzona, presso l’ex sede della Fondazione Madonna di Rè, un centro di emergenza temporaneo aperto a richiedenti asilo respinti e quindi destinatari del solo soccorso d’emergenza.

 

Il PS, in un'interrogazione, sottolinea come non risulti nessuna comunicazione ufficiale generalizzata in merito da parte delle autorità cantonali. "Stando alle poche informazioni circolate al proposito - scrivono -, il centro è presidiato da due agenti di sicurezza, è aperto nelle sole ore serali (dalle 19.00 alle 8.00) e fornisce, oltre all’alloggio notturno, la prima colazione, un “pranzo al sacco” e una cena all’interno del centro. Durante l’arco della giornata, i richiedenti non possono usufruire di tale struttura e sono dunque costretti a “stazionare” in città durante buona parte della giornata".

 

La natura di tale centro, stando alla sua denominazione, avrebbe carattere temporaneo e d’urgenza e dovrebbe essere utilizzato per i soli richiedenti asilo già destinatari di una decisione passata in giudicato. "Sembra tuttavia - si legge nell'interrogazione - che all’interno di tale centro alloggino anche richiedenti asilo ancora in procedura. Tra di essi, vi sarebbero persone che vivono in questa situazione da diversi mesi ma anche minorenni e persone bisognose di cura. Sembra inoltre che coloro che si allontanino anche per brevi periodi, non sono più riammessi, senza che venga notificata loro una decisione che motivi tale esclusione".

 

Si porrebbe di conseguenza un problema di ordine giuridico dal momento che la Legge sull’asilo introduce una precisa distinzione tra coloro che possono usufruire dell’aiuto sociale propriamente detto e coloro che possono usufruire del solo soccorso d’emergenza. "Collocare in un’unica struttura coloro che sono esclusi dall’aiuto sociale e coloro che ancora beneficiano dell’aiuto sociale - spiegano dal Partito Socialista -, in quanto non ancora destinatari di una decisione definitiva in merito alla loro domanda d’asilo, parrebbe dunque non ossequiare alla precisa distinzione operata dalla Legge sull’asilo".

 

Al Consiglio di Stato vengono poste quindi le seguenti domande:

1. Chi ha deciso l’apertura del Centro?

2. Il Consiglio di Stato ne era a conoscenza?

3. Quali sono le direttive relative alla sua conduzione e da chi sono state emanate e approvate?

4. Corrisponde al vero che all’interno di tale struttura soggiornano richiedenti asilo respinti e richiedenti asilo ancora in procedura?

5. Se sì, reputa il Consiglio di Stato questa una situazione conforme alla Legge sull’asilo?

6. Corrisponde al vero che sono ospitati – o sono stati ospitati – richiedenti asilo minorenni?

7. Corrisponde al vero che sono stati – o sono attualmente ospitati – richiedenti asilo bisognosi di cure mediche?

8. Se sì, reputa il Consiglio di Stato queste situazioni conformi alla Legge sull’asilo?

9. Quanti richiedenti l’asilo sono ospiti attualmente presso il Centro?

10. Quanti richiedenti l’asilo sono stati ospitati dalla sua apertura ad oggi?

11. Per quanto tempo ancora resterà aperta tale struttura?

12. Corrisponde al vero che coloro che si sono allontanati per qualche giorno non vengono più riammessi senza alcuna formalità.

13. Reputa corretto, l’esecutivo cantonale, tale modo di agire?

14. Come intende affrontare il Consiglio di Stato la problematica delle persone costrette a stazionare, stante la chiusura durante il giorno del centro, in città, in particolare nella stagione invernale?

 

 

 


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-08-11 11:10:21 | 91.208.130.86