tipress
CANTONE
07.12.2020 - 08:340
Aggiornamento : 09:25

«Servono più curatori»

Il Partito comunista chiede al Cantone di assumerne altri quattro

BELLINZONA - Non bastano i curatori nell'Ufficio dell'aiuto e della protezione. La presa a carico delle vittime di violenze, o di persone fragili con situazioni difficili, in Ticino va potenziata secondo il Partito comunista. In un emendamento al Preventivo cantonale dell'anno prossimo, i deputati Massimiliano Ay e Lea Ferrari chiedono che siano messi in conto 280mila franchi in più, per assumere quattro nuovi curatori. 

Attualmente, si legge nell'emendamento proposto, i curatori alle dipendenze del Cantone sono tre nella regione del Bellinzonese, tre (di cui uno all'80 per cento) nel Locarnese, quattro (di cui uno all'80 e un altro al 90 per cento) nel Luganese, e due nel Mendrisiotto. 

Una situazione che comporterebbe «uno scadimento della qualità della presa a carico e una crescente pressione sulle condizioni d’impiego degli operatori» secondo i due deputati. 

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-18 13:46:39 | 91.208.130.86