Tipress (archivio)
Altri 25 impieghi qualificati che se ne vanno dalla regione.
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
28 min
Le aziende potranno ripartire con l'autocertificazione
La possibilità potrebbe riguardare un centinaio di attività presenti sul territorio ticinese
CANTONE
1 ora
Colpo di coda dell'inverno
Sono stati giorni con temperature che normalmente si registrano a fine gennaio.
GRIGIONI
9 ore
Cantieri ancora aperti nel Moesano: «Ora basta, governo grigionese!»
Per Nicoletta Noi-Togni, è il «paradosso di essere praticamente ticinesi»: «Dovremo interrogarci e fare una scelta».
SONDAGGIO
CANTONE
11 ore
Quarantena: arriva il consultorio per la coppia ticinese che scoppia
Risponderà da Locarno e Mendrisio e promette un aiuto per affrontare la convivenza forzata.
ZURIGO / CANTONE
13 ore
Coronavirus: sempre più ticinesi si sentono minacciati dall'epidemia
Lo rivela un sondaggio nazionale. Che conferma: a sud delle Alpi la preoccupazione è nettamente maggiore.
CANTONE
13 ore
Quarantena australiana scampata per un soffio
L'odissea vissuta da una giovane ticinese per rientrare dall'Australia.
CANTONE
15 ore
«La passeggiata sotto casa va bene, le escursioni nel bosco no»
Il momento resta delicato e l'emergenza potrebbe durare ancora a lungo.
MANNO
15 ore
Cercasi nuove idee e soluzioni per affrontare il coronavirus
Dal 2 al 5 aprile al via una maratona di esperti informatici per lo sviluppo rapido di nuove soluzioni
CANTONE
16 ore
Radar ancora in quarantena
Le risorse della polizia devono essere impiegate altrove.
CANTONE
17 ore
Non vivremo in un Grande Fratello
La portavoce di Swisscom allontana i timori su un'eventuale violazione della sfera personale.
LUGANO
17 ore
Beltraminelli: «Finalmente a casa. Ho perso 6 chili»
È guarito dal coronavirus. Ora dovrà restare ancora in quarantena. «Grazie. Il vostro sostegno è stato fondamentale»
BIASCA
20.02.2020 - 10:450

Chiude l'Intervalves: «E il Cantone cosa fa?»

Dieci deputati socialisti in Gran Consiglio sono preoccupati per la continua perdita di posti di lavoro nelle Tre Valli

BIASCA - Entro la prossima estate l’Intervalves di Biasca chiuderà i battenti, lasciando a casa 25 dipendenti.  Interessati dal provvedimento, sono «padri e madri, quasi tutti residenti nella regione delle Tre Valli». Una regione che «subisce un’altra botta» e che è sempre più confrontata alla penuria di posti di lavoro qualificati dopo i 22 licenziamenti alla Elcotherm e i 14 alla Imerys di Bodio avvenuti nel 2018.

A preoccupare i membri* della deputazione socialista in Gran Consiglio - che sul tema hanno redatto un'interpellanza - è l'immobilismo del Cantone riguardo a una situazione che ormai si trascinava da tempo. «Secondo quanto riferito dalla stampa la Intervalves dal 2013 non ha mai raggiunto un bilancio positivo e la perdita progressiva supera ora i quattro milioni di franchi. Dopo un 2019 particolarmente negativo con la perdita più alta nella storia della società, la chiusura sembra essere purtroppo inevitabile».

I dieci interpellanti - esprimendo la propria «solidarietà e vicinanza ai dipendenti toccati e alle loro famiglie» - chiedono come intenda agire il Consiglio di Stato «per prevenire ulteriori perdite di posti di lavoro» e «per promuoverne la creazione di altri ad alto valore aggiunto nelle Tre Valli». Infine i deputati domandano «quali altre forme di sostegno ritienga ipotizzabili il Consiglio di Stato per non disperdere il know-how di simili dipendenti e ridurre il rischio che debbano lasciare la regione per reperire nuova occupazione».

 * I firmatari dell'interpellanza - Gina La Mantia, Nicola Corti, Simona Buri, Tatiana Lurati, Fabrizio Garbani Nerini, Anna Biscossa, Carlo Lepori, Daniela Pugno Ghirlanda, Laura Riget, Henrik Bang.

 

 

 

 

 

 

 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
F/A-18 1 mese fa su tio
Stefano Modenini ha dichiarato alla tv che tantissime aziende non possono sopportare un cambio Franco euro sotto all’1,10, ebbene noi siamo arrivati a 1,08, le coneguenze sono delocalizzazione, perdita di migliaia di posti di lavoro ed ulteriore pressione sui salari perché è chiaro che le perdite sul cambio vanno compensate con riduzioni salariali quindi ancora più frontalieri, ancora più disoccupazione e povertà. L’alternativa appunto è la chiusura. Alcuni l’altro giorno mi criticavano sul fatto che l’economia nostra ha bisogno di una continua crescita, l’alternativa è la decrescita che si sta piano piano avverando con tutte le conseguenze del caso, milioni di disoccupati in ogni settore. In Europa siamo 600’000 milioni? 350’000 sono quelli che hanno un lavoro? Il lavoro cala e decresce del 5%? Vorrà dire che avremo 17 milioni di disoccupati, così i fautori della decrescita saranno finalmente soddisfatti.
vulpus 1 mese fa su tio
Bisognava pensarci quando su trattava di scegliere l'ubicazione della nuova officina FFS: a Castione è fine a sè stessa, all'imbocco della Leventina avrebbe sicuramente potuto attirare altre indistrie legate alla ferrovia. Ma tantè...
Zico 1 mese fa su tio
Cari interpellanti, la ritirate voi e continuate la produzione. cosa deve fare il cantone?
GIGETTO 1 mese fa su tio
Il solito titolo che lascia il tempo che trova.....cosa pretendete che possa fare il cantone per questa azienda che chiude? Nulla o pressoché nulla! Poi non è la prima azienda a chiudere in Ticino non facciamo finta di sorprenderci......70'000 (circa) frontalieri in TI, 8'000 in assistenza e 6'000 in disoccupazione....sono forse questi i numeri che devono preoccuparvi gente!!!!!!!
curzio 1 mese fa su tio
L'IRE ha detto che il Ticino è competitivo! Si certo, bella competizione: vince chi finisce in disoccupazione o in assistenza per ultimo!
4cerchi 1 mese fa su tio
Non sono i primi a perdere il posto. Vai in disoccupazione visto che si pagano i contributi.... Poi quando è finita arrivan i sindacati a rapezzare con la lingua. Ahahahah sfigati
Bibo 1 mese fa su tio
E cosa dovrebbe fare? è un'azienda privata... Se loro hanno sempre tutte le soluzioni pronte e adeguate, mi domando perché non fondano aziende che danno lavoro a millemila persone con salari da 8000.- al mese per tutti quanti...
Mattiatr 1 mese fa su tio
@Bibo Concordo totalmente su ogni punto, se l'ente statale si mette a fare azienda in tutti i settori non può che far danni. (quelle che già possiede in maggioranza non mi pare che eccedano in qualità).
ugobos 1 mese fa su tio
ma se hanno tirato su le firme per chiudere l aeroporto? é chiaro che le ditte in ticino hanno i giorni contati.
Bandito976 1 mese fa su tio
E il cantone cosa fa’? Se lo gratta!
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-03-28 09:57:00 | 91.208.130.87