tipress
CANTONE
18.02.2020 - 23:310

Marchesi: «Anche noi frontalieri per il triplo dello stipendio»

Al comitato cantonale UDC un unico motto: «Il 17 maggio tutti per la limitazione dell’immigrazione»

MONTE CARASSO - Al comitato cantonale dell’UDC di martedì 18 febbraio, a Monte Carasso, il presidente Piero Marchesi ha ribadito che il successo elettorale alle ultime elezioni federali «ha prodotto ottimi risultati». Alle elezioni comunali i candidati, le candidate e le liste UDC sono infatti aumentati di circa il 30 %. «Inoltre - ha sottolineato - in tutto il Cantone sono state create numerose nuove sezioni comunali del partito».

Marchesi ha quindi spiegato la decisione della direttiva di spostare il congresso ordinario a dopo l’appuntamento elettorale «per non disperdere le forze».

Ma la serata è servita soprattutto per parlare della votazione del 17 maggio sull’iniziativa per la limitazione dell’immigrazione. «Il Ticino - ha sostenuto il presidente UDC ticinese - soffre diversamente della libera circolazione rispetto agli altri cantoni, che non sempre capiscono la drammaticità causata dal frontalierato». «La nostra posizione - ha concluso - non è contro i frontalieri, perché anche noi andremmo a lavorare all’estero per il doppio o il triplo dello stipendio, ma la situazione in Ticino non è più sostenibile».

«Non bisogna dare per scontato l’esito della votazione in Ticino», ha aggiunto Eros Mellini. «Bisognerà mobilitarsi a tutti i livelli, visto che le associazioni economiche svizzere hanno stanziato somme ingenti per la campagna contro l’iniziativa».

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-03-28 10:46:23 | 91.208.130.89