Tipress (archivio)
ULTIME NOTIZIE Ticino
LUGANO
6 ore
Esce di strada di fronte allo stadio
L'incidente è avvenuto questa sera in via Trevano. Illesi i tre occupanti del veicolo
CANTONE
6 ore
«In questa crisi la Svizzera ha mostrato la sua coesione»
Ignazio Cassis e Christian Vitta hanno ripercorso questa sera i punti salienti della pandemia.
LOCARNO
9 ore
«Vogliamo le bici sui bus»
I Verdi del Locarnese chiedono alle Fart di togliere il divieto
CANTONE
10 ore
Inchiesta Lega: spunta il nome di Tettamanti
I magistrati italiani indagano sui conti pro-Salvini. Ma dal Ticino arriva la smentita di Fidinam
RIAZZINO
10 ore
30 gradi, ma è già Natale
Nei negozi sono già comparsi i primi addobbi natalizi
LUGANO
11 ore
«Lugano perderà un bel po' di soldi»
Tre consiglieri comunali hanno stimato a 40 milioni il danno da Covid per quest'anno. E chiedono lumi
CANTONE
11 ore
«Il tempo per accudire i figli valga negli anni di servizio»
Un'iniziativa parlamentare chiede di non penalizzare le neo-mamme dell'amministrazione pubblica
AGNO
12 ore
Il Covid fa friggere i conti dei pescatori
Gli eventi cancellati nel 2020 appesantiscono i bilanci di molte associazioni.
CANTONE
12 ore
I radar risparmiano solo la Valle di Blenio
La prossima settimana sono previsti controlli mobili in sette distretti su otto.
CASLANO
12 ore
Abbaglio sui «controlli fantasma»
La Commissione rinnova la fiducia alla Polizia Malcantone Ovest: «I controlli sono stati regolarmente effettuati»
CANTONE
13 ore
Badanti: «Il CNL viene applicato in tutte le istituzioni coinvolte?»
È quanto chiede Fabrizio Sirica, che ha inoltrato un'interrogazione
CANTONE
27.01.2020 - 13:230

Il SISA dice no alla «sussidiarietà nella costituzione»

Il Sindacato Indipendente degli Studenti e Apprendisti trova che un'approvazione il prossimo 9 febbraio «aprirebbe scenari preoccupanti»

di Redazione

BELLINZONA - Il comitato centrale del Sindacato Indipendente degli Studenti e Apprendisti (SISA), riunitosi sabato 25 gennaio a Bellinzona, oltre ad aver fatto il punto sulla campagna contro la nuova griglia oraria attualmente in corso nei licei ticinesi, si è anche chinato sui temi in votazione il prossimo 9 febbraio. Ad attirare l’attenzione dell’esecutivo sindacale è stato in particolare il referendum obbligatorio concernente l’introduzione nella costituzione cantonale del principio di sussidiarietà. Benché quasi assente dal dibattito pubblico di queste settimane, la votazione su questa modifica costituzionale è tutt’altro che di poco conto e una sua approvazione - per il SISA - «aprirebbe degli scenari decisamente preoccupanti».

Introducendo nella costituzione il principio di sussidiarietà (secondo il quale lo Stato dovrebbe erogare dei servizi solo qualora i privati o gli enti locali non siano in grado di farlo al suo posto), si rischia infatti «una seria rimessa in discussione dei servizi pubblici attualmente forniti dall’ente pubblico, la cui privatizzazione godrebbe di una nuova e più ampia giustificazione». «Applicando rigidamente il principio di sussidiarietà - continua la nota del SISA - potremmo ad esempio chiederci a che serva avere ancora delle scuole pubbliche, se esistono delle scuole private che dimostrano come il mercato sappia già rispondere alla domanda d’istruzione della popolazione. Non a caso, ricordiamo come la proposta di adottare il principio costituzionale giunga proprio dal deputato ultraliberista Sergio Morisoli, il cui costante impegno in favore dello smantellamento della scuola pubblica è ampiamente noto».

Anche senza ipotizzare scenari così gravi, precisa il sindacato studentesco, appare del tutto evidente come «varie conquiste del movimento studentesco potrebbero essere facilmente rimesse in discussione: le mense scolastiche, ricantonalizzate nel 2011 dopo una lunga battaglia condotta dal SISA, potrebbero ad esempio ritornare nelle mani dei privati».

Secondo il SISA, poi, l’introduzione della sussidiarietà nella costituzione provocherà anche nuovi attacchi alle prestazioni sociali erogate dallo Stato: «Secondo tale principio, devono essere in primis i cittadini a soddisfare i propri bisogni e solo qualora non fossero in grado di farlo dovrebbe subentrare lo Stato in loro sostegno. Al di là del fatto che il dumping salariale, il precariato e la povertà dilaganti rendono sempre più difficile “vivere del proprio lavoro” senza nessun aiuto pubblico, ciò significherebbe che lo Stato smetterebbe di fungere da garante dei diritti sociali dei cittadini (quali il diritto allo studio, alla salute, all’alloggio, ecc.), ormai ridotto a semplice “assistente” da far intervenire nei casi più disperati».

È certamente vero, conclude il SISA - che tutto dipende da dove viene fissata l’asticella, ovvero da quando si considerano insufficienti le risorse proprie del cittadino, e tuttavia l’esperienza non può certo confortare in questo senso: «Se osserviamo dove il principio di sussidiarietà viene già oggi applicato, è facile notare come le prestazioni sociali siano state spesso oggetto di pesanti attacchi negli ultimi anni. Un esempio ben noto è quello delle borse di studio: tanto l’accordo intercantonale cui il Ticino aderisce dal 2011 quanto la Legge sugli aiuti allo studio del 2015 si basano sul principio della sussidiarietà, e ciò non ha affatto impedito a governo e parlamento di approvare negli scorsi anni numerosi tagli che hanno colpito duramente numerosi studenti e famiglie ticinesi. Solo le dure battaglie condotte dal sindacato studentesco hanno permesso di invertire la rotta e di rinunciare ad almeno alcune delle misure di risparmio che avevano fortemente indebolito il diritto allo studio».

Il SISA, da sempre in prima linea in difesa della scuola pubblica e del diritto allo studio, si oppone quindi fermamente a questa modifica costituzionale e invita tutte/i le/i cittadine/i a votare un secco no alla modifica costituzionale il prossimo 9 febbraio.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-09-19 05:47:56 | 91.208.130.89