TiPress - foto d'archivio
CANTONE / SVIZZERA
21.01.2020 - 17:350
Aggiornamento : 18:00

Chi commette abusi salariali deve informare i dipendenti

La Commissione agli Stati sostiene l'iniziativa ticinese, ora il dossier passa al Nazionale

di Redazione
ats

BERNA - I dipendenti di una azienda che pratica dumping salariale vanno informati. È quanto ritiene la Commissione dell'economia e dei tributi del Consiglio degli Stati (CET-S) che ha deciso, con 7 voti contro 3 e una astensione, di sostenere un'iniziativa in tal senso del Canton Ticino.

Per la CET-S è necessario legiferare in tale campo, «in particolare alla luce della pressione cui è sottoposto il mercato del lavoro ticinese e dell'elevato rischio di abuso che ne deriva». Concretamente, l'iniziativa chiede di modificare la legge sui lavoratori distaccati (LDist) inserendo una disposizione che imponga alle aziende di informare i dipendenti in merito agli abusi riscontrati durante le verifiche nei settori sottoposti a contratti normali di lavoro. Chi non si piegherà a tale obbligo dovrebbe poter essere punito.

Nel giustificare le proprie richieste, il Canton Ticino ricorda come la legislazione attuale impone all'Ufficio dell'ispettorato del lavoro di non informare i dipendenti sui risultati dei controlli. La conseguenza? In alcuni casi, una volta pagata la multa, i datori di lavoro continuano a perpetrare dumping non riconoscendo retroattivamente il giusto salario ai propri collaboratori.

Il dossier passa ora alla commissione omologa del Consiglio nazionale. Se questa dovesse a sua volta dare seguito alla proposta, nata dal gruppo parlamentare del PPD, la CET-S potrà preparare un disegno di legge da sottoporre al plenum.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-09-19 05:31:29 | 91.208.130.87