TiPress - foto d'archivio
CANTONE
12.01.2020 - 18:030

Il morisoliWELFAREindex per riformare la socialità ticinese

Una mozione chiede al Governo di creare un gruppo di verifica e di tracciare delle linee guida per riformare lo stato sociale del cantone

BELLINZONA - È il momento per rivedere le politiche e gli interventi di welfare state (stato sociale). È con questa premessa che il capogruppo UDC Sergio Morisoli presenta una mozione al Consiglio di Stato, firmata da Pamini, Filippini, Soldati, Pinoja e Pellegrini.

Lo scopo è che il Governo decida e crei un gruppo di verifica (non solo interno e non solo di funzionari) con il compito di mettere in luce l’efficacia (il raggiungimento degli obiettivi) e l’efficienza (l’impiego di mezzi e risorse) delle varie Leggi e regolamenti Dipartimentali che coprono il campo della socialità. Ma anche che vengano successivamente tracciate delle linee guida per riformare lo stato sociale del Ticino.

E il morisoliWELFAREIindex, indicatore dello stato sociale, dal 2011 raccoglie dati nel campo di socialità, educazione, sicurezza, giustizia, demografia e lavoro. «Vogliamo mettere in luce le dinamiche delle persone bisognose, marginali e escluse dal ciclo produttivo, dipendenti dall’intervento dello Stato».

Con un’iniziativa di dicembre, Morisoli aveva chiesto di porre una data di scadenza alle Leggi con carattere sociale, vincolandone il rinnovo alla presentazione di un rapporto. Ora la mozione chiede al Consiglio di Stato di «lanciare un lavoro analitico sul presente e esplorativo sul futuro, in modo strutturato e sistematico, sul tema del welfare state, benessere e malessere sociale».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Nmemo 7 mesi fa su tio
Morisoli sta a procacciare lavoro (gettoni) ai deputati del GC? Confonde ad arte il principio della separazione dei poteri, il prode ciellino! Al Consiglio di Stato (l’esecutivo) il compito di proporre, al Gran Consiglio (il legislativo) la facoltà di approvare o no. Al nostro sono sempre piaciuti i pastrocchi promiscui.
F/A-18 7 mesi fa su tio
@Nmemo Dunque un gran consigliere non può formulare una mozione al nostro governo?
Nmemo 7 mesi fa su tio
@F/A-18 Certo che la mozione è un atto parlamentare che gli compete. La problematica l’aveva già presentata nella forma d’iniziativa il dicembre scorso. Ora, con fine abilità, senza “dare il tempo di partire” chiede, modalità operative, ossia la costituzione di un gruppo di lavoro esterno, con obiettivo di farne parte. È un classico da botteghino della politica. Inoltre ha fatto esperienza praticando mobbing su comanda, peraltro un flop.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-08-15 15:41:35 | 91.208.130.86