Ti Press
Matteo Pronzini
CANTONE
10.01.2020 - 13:450

Salviamo il lavoro: «Quanto è costata l'analisi dell'IRE?»

Il gruppo MPS-POP-Indipendenti interroga (nuovamente) il Governo

di Redazione

BELLINZONA - «Il gruppo di lavoro incaricato di approfondire la tematica del salario minimo per conto del Consiglio di Stato ha richiesto all’Istituto di Ricerche Economiche (IRE) di sviluppare alcune varianti sul possibile impatto di differenti livelli di salario minimo sul mercato del lavoro ticinese. Non ha per contro incaricato l'Istituto di produrre uno studio specifico sul tema, quindi queste sono analisi di dati riassunti in un rapporto del documento elaborato dal gruppo di lavoro. Tutti gli elementi rilevanti emersi nel gruppo di lavoro saranno ripresi nel messaggio per la concretizzazione dell'iniziativa popolare sul salario minimo che il Consiglio di Stato allestirà a breve e che sarà oggetto di discussione in questo Gran Consiglio».

Così il consigliere di Stato Christian Vitta aveva risposto a un'interpellanza del gruppo MPS-POP-Indipendenti, il 18 settembre 2017, per spiegare il fatto che il contributo dell’IRE non fosse stato reso pubblico, malgrado fosse finanziato con i soldi dei contribuenti. Nonostante la risposta, lo stesso gruppo ha deciso di tornare nuovamente alla carica, sottoponendo diverse domande all'esecutivo cantonale. In particolare, appunto, viene chiesto se il cantone abbia versato un compenso all’IRE per questo contributo (oltre ai 600'000 franchi che riceve in virtù del mandato concluso con il Cantone) e sì, a quanto ammonta.

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-01-21 21:12:01 | 91.208.130.87