tipress
ULTIME NOTIZIE Ticino
FOTO
ISONE
3 ore
La montagna non brucia più
Le fiamme sul Monte Tigli sono state domate. Sul posto è giunto anche un elicottero Superpuma
LOCARNO
4 ore
Ecco la squadra PLR per Palazzo Marcacci
La sezione locarnese del partito ha approvato le liste per le prossime elezioni comunali
MENDRISIO
4 ore
Chiusura degli sportelli BancaStato: «Il Municipio cosa farà?»
Dopo che sulla questione la politica si è mossa a livello cantonale, scatta anche un'interrogazione comunale
LUGANO
5 ore
Sara Beretta Piccoli è di nuovo in corsa per il Municipio
Dopo la delusione PPD, si è unita al neonato Movimento Ticino e Lavoro di Giovanni Albertini
GRIGIONI
5 ore
Un luogo per il benessere degli allievi
Le scuole elementari di Grono hanno ora una sala Snoezelen
CHIASSO
6 ore
Per Lega e UDC è «ora di cambiare»
È stata presentata la lista dei candidati in corsa per l'Esecutivo della cittadina di confine
CANTONE
6 ore
Sei anni e mezzo per gli abusi
Condannato l'uomo che oggi è comparso alle Criminali
FOTO
BELLINZONA
8 ore
Il nuovo parco giochi di Giubiasco non piace a tutti
Alcuni genitori hanno lanciato una raccolta firme per lamentarsi con la Città. Christian Paglia: «È la prima reazione alla novità, ma è sempre tutto migliorabile»
MENDRISIO
9 ore
«Invertiamo la rotta dei cambiamenti climatici»
Interrogazione al Municipio di Mendrisio sui cambiamenti climatici in atto e sulla necessità di attenuarli e contrastarli
BELLINZONA / SVIZZERA
10 ore
Scandalo Fifa, incombe il rischio prescrizione
Il Tribunale penale federale ha chiesto al Ministero pubblico della Confederazione di completare il suo atto d'accusa. Ma i tempi stringono
LUGANO
10 ore
Lugano, una città (quasi) ferma
Le statistiche presentate oggi dal Municipio fotografano una demografia in leggero calo. E un'economia stabile
LUGANO-ZURIGO
03.12.2019 - 12:350
Aggiornamento : 13:40

Anche Verdi e Lega strigliano le FFS

La riduzione dei posti a sedere tra Ticino e Svizzera interna ha fatto imbestialire il partito ecologista

LUGANO/ZURIGO - Giornata turbolenta per le FFS. Dopo l'interpellanza del Ppd Marco Romano al Consiglio federale sulla tratta Lugano-Malpensa, ora tocca ai Verdi e alla Lega andare all'attacco dell'ex regia federale. Il motivo: il taglio di posti a sedere sui treni diretti in Svizzera interna. 

La notizia, riferita oggi da Tio.ch/20minuti, non è passata inosservata. I primi strali sono arrivati dal sindacato dei trasporti SEV, che ha accusato le Ferrovie di essere «fuori dalla realtà». E stamani la granconsigliera ecologista Cristina Gardenghi, studentessa a Zurigo, ha rincarato la dose con un'interrogazione al Consiglio di Stato. 

E mentre per la Lega ci pensa Lorenzo Quadri, segnalando al Consiglio federale (in occasione dell'ora delle domande) come la qualità del servizio delle FFS sulla tratta del Gottardo sia «notevolmente peggiorata» e chiedendo di intervenire sull'ulteriore taglio di posti, i Verdi ticinesi chiedono al governo di Bellinzona di «sostenere gli studenti e i lavoratori ticinesi che hanno necessità di recarsi oltre Gottardo». E puntano il dito contro «i grossi problemi di sovraffollamento» dei treni e parlano di «servizio carente». Di seguito la presa di posizione. 

FFS-Ticino: un avvento che inizia con amarezza

Dopo le ripetute scuse e promesse di miglioria le FFS consegnano l’ennesimo regalo amaro alle viaggiatrici e ai viaggiatori ticinesi. Forse non ci resta che una drastica dieta dimagrante, così da poterci sedere a due a due su ogni sedile.

Non si contano gli articoli pubblicati dai media e le foto denuncia di centinaia di passeggeri che mostrano i convogli delle FFS sulla tratta Ticino-Zurigo più e più volte pieni fino a scoppiare. Molteplici volte i pendolari sono stati invitati a scendere alle stazioni di Bellinzona e Arth-Goldau (i treni non possono percorrere la galleria di base del Gottardo con passeggeri senza posto a sedere) creando malumori, confusione e soprattutto evidenziando la carenza del servizio.

Ormai treni sovraffollati con l'impossibilità di salire a bordo, ritardi continui e soppressioni sono la normalità. A margine di tutto ciò le scuse sempre meno convincenti della dirigenza FFs, ormai imbarazzante, che si limita a ripetere meccanicamente che la “situazione verrà presto migliorata”.

Oggi l’amara sorpresa, l’ex regia federale annuncia che con il cambio dell’orario del 15 dicembre i nuovi treni che verranno messi in circolazione, i Giruno di Stadler, hanno diversi posti in meno rispetto agli attuali Intercity (Icn). Si parla di circa 71 per ogni convoglio messo sulle rotaie. In caso di due convogli collegati la differenza è importante, si parla di una perdita di circa 142 posti. Ad essere interessati da questo provvedimento un collegamento al mattino verso il Ticino e tre alla sera verso la Svizzera tedesca. Tutti treni che, abitualmente, conoscono già grossi problemi di sovraffollamento. Il laconico consiglio delle FFS è quello di “non viaggiare negli orari caldi della giornata”, una presa in giro per lavoratrici, pendolari e studenti che poco possono cambiare nelle loro abitudini di spostamento.

Oggi la nostra deputata Cristina Gardenghi (studentessa a Zurigo) interroga il Consiglio di Stato affinché anche il governo cantonale sostenga studenti e lavoratori ticinesi che hanno necessità di recarsi oltre Gottardo. Domani è inoltre previsto un incontro ufficiale tra la delegazione ticinese e i vertici delle FFS. I Verdi del Ticino chiedono alla delegazione di impegnarsi in maniera compatta e coesa per difendere la mobilità dei nostri cittadini e per un’uguaglianza di servizio e trattamento anche per le aree periferiche.

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-01-24 02:39:57 | 91.208.130.86